Category Archives: – Cile

11.09.73: golpe in Cile

Share Button

Cile 11.09.73: x non dimenticare

I Maestri del Socialismo

LE RAGIONI PER CUI L’IMPERIALISMO USA DISTRUSSE IL GOVERNO ALLENDE

“Non vedo alcuna ragione per cui ad un paese dovrebbe essere permesso di diventare marxista soltanto perché il suo popolo è irresponsabile. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.”

“Di tutti i capi di governo dell’America Latina, noi ritenemmo Allende il più pernicioso per gli interessi del nostro paese. Egli era palesemente pro-Castro e si opponeva agli Stati Uniti. Le sue politiche interne erano una minaccia per la democrazia cilena e per i diritti umani.”

(Henry Kissinger)

Anche prima della sua vittoria elettorale (avvenuta nel 1970), Allende attirò rapidamente su di sé il veto dell’establishment politico statunitense. A causa delle sue idee socialiste, si cominciò a temere che ben presto il Cile sarebbe diventato una nazione comunista e sarebbe entrato nella sfera d’influenza dell’Unione Sovietica. Per di più gli USA avevano cospicui interessi economici in Cile, con società come ITT, Anaconda, Kennecott ed altre. L’amministrazione Nixon, in particolare, fu la più strenua oppositrice di Allende, per il quale nutriva un’ostilità che il Presidente ammetteva apertamente.

Continue reading “Cile 11.09.73: x non dimenticare” »

Share Button

Altra notte da incubo per la destra cilena

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Altra notte da incubo per la destra cilena e per la ultra destra filo Pinochet.

L’alleanza del presidente di destra filostatunitense Piñera, “Chile Vamos”, ha perso praticamente tutto al secondo turno delle elezioni regionali.

Il risultato è stato 12-1, che, sommato al 3-0 del primo turno, fa un totale di 15 regioni perse su 16.

Continue reading “Altra notte da incubo per la destra cilena” »

Share Button

Si sono aperti i grandi viali

Atilio A. Boron https://nostramerica.wordpress.com

Nel suo ultimo discorso dell’11 settembre del 1973 e mentre l’aviazione bombardava La Moneda, Salvador Allende dichiarava fiducioso che presto o tardi si sarebbero aperti i grandi viali per far manifestare a cilene e cileni la voglia di un mondo migliore.

Continue reading “Si sono aperti i grandi viali” »

Share Button

Duque, Bolsonaro e Piñera: tra tutela e crimini contro l’umanità

Mision Verdad,

Giorni fa alcuni portali riferivano che il presidente colombiano Iván Duque fu denunciato alla Corte penale internazionale (CPI) per crimini contro l’umanità. Questo rapporto fu realizzato dal senatore Iván Cepeda e dalle organizzazioni sociali a causa delle manifestazioni nel contesto dello sciopero nazionale iniziato il mese scorso ed ancora in corso in Colombia.

Continue reading “Duque, Bolsonaro e Piñera: tra tutela e crimini contro l’umanità” »

Share Button

Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne

Jorge Piñera, il presidente cileno recentemente denunciato alla Corte penale internazionale per crimini contro l’umanità, ha ammesso senza messi termini la catastrofica sconfitta alle recenti elezioni cilene del raggruppamento di destra di cui è il leader. Ridotta a un 20% dell’elettorato la destra quindi non potrà, auspicabilmente svolgere alcun ruolo di rilievo nella stesura della prossima Costituzione cilena, destinata finalmente a superare quella octroyée da Pinochet.

Continue reading “Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne” »

Share Button

Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile

Histoire et Societé

Sorpresa elettorale, debacle dei partiti tradizionali, “notte dei lunghi coltelli” nella destra, inizio della fine per gli eredi di Pinochet, enorme sconfitta del presidente Sebastián Piñera, che l’ha riconosciuto, vittoria del movimento popolare …

Continue reading “Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile” »

Share Button

Nuovi documenti CIA confermano ruolo USA nel Golpe contro Allende

I documenti declassificati mostrano come Nixon e Kissinger abbiano stabilito la strategia di destabilizzazione e come l’hanno attuata

www.lantidiplomatico.it

All’inizio di questo mese, l’Archivio della sicurezza nazionale USA, NSA, ha pubblicato una raccolta di documenti declassificati che forniscono una registrazione dettagliata di come e perché il presidente statunitense dell’epoca, Richard Nixon (1968-1973) e il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Henry Kissinger, stabilirono e seguirono una politica di destabilizzazione in Cile prima della vittoria di Salvador Allende.
Share Button

Alla ricerca del sud

Le recenti sconfitte della destra continentale in Bolivia e in Cile lasciano in discussione la ripetuta ma fallace tesi della fine delle alternative progressive nella Nostra America. In un paio di settimane, i popoli della Bolivia e del Cile hanno inferto duri colpi all’offensiva conservatrice della regione, dimostrando che più che un pendolo politico o una chiusura del ciclo progressista, l’America Latina sta vivendo un crescente inasprimento della lotta politica. In questo ottobre andino del 2020, le urne hanno tradotto gli anni di lotta accumulati dai movimenti sociali di questi popoli, dimostrando l’incredibile capacità di resistenza popolare di fronte alla cruda repressione che hanno dovuto affrontare.

Continue reading “Alla ricerca del sud” »

Share Button

Bolivia e Cile cercano le strade corrette della sovranità e del benessere

La Casa de la Américas si riferisce alla «vittoria ottenuta con indiscutibile vantaggio di voti, che ha fermato ogni possibilità di mettere in pratica gli abituali imbrogli delle elite», in un comunicato emesso mercoledì 28 ottobre a proposito della vittoria elettorale in Bolivia e di quella costituzionale in Cile

Continue reading “Bolivia e Cile cercano le strade corrette della sovranità e del benessere” »

Share Button

Un bilancio degli ultimi avvenimenti in America Latina

Franco Vielma  https://misionverdad.com

L’America Latina è ancora una volta un luogo di scossa, questa volta per lo squilibrio congiunturale che soffre l’agenda della destra regionale alla luce degli eventi che si stanno registrando in diversi paesi della regione.

Il recupero delle istituzioni democratiche per via elettorale in Bolivia, così come il saldo del plebiscito per il cambiamento della Costituzione in Cile, sono le principali tappe che dobbiamo inappellabilmente evidenziare.

Continue reading “Un bilancio degli ultimi avvenimenti in America Latina” »

Share Button

Chile: adiós a la Constitución de Pinochet… ¿para siempre?

Storica vittoria in Cile

 

Il Presidente Miguel Díaz-Canel ha definito in un messaggio nel suo account in Twitter “una storica vittoria”, il risultato della votazione del popolo cileno che con il 78,27% a favore ha approvato la redazione di una nuova Costituzione che sostituisca la vigente, del 1980, dal governo del dittatore Augusto Pinochet.

Continue reading “Chile: adiós a la Constitución de Pinochet… ¿para siempre?” »

Share Button

L’alba del nuovo Cile

Fabrizio Casari www.altrenotizie.org

Ci sarà una nuova Costituzione in Cile. Il 72 per cento dei cileni hanno schiacciato definitivamente la Costituzione pinochettista, approvando la proposta di nuova Costituente. Il pinochetismo diventa così orfano di sovrastruttura giuridico-costituzionale. I 155 costituenti che verranno eletti rappresenteranno l’insieme della società cilena e questo, di per sé, è un tributo in premessa alla nuova pagina della storia cilena che si è aperta da ieri. Tra i 155 vi saranno gli indios Mapuche, il che racconta l’esito valoriale, oltre che politico della vittoria ed offre una suggestione affascinante che si scaglia contro la rappresentanza di classe della minoranza bianca e ricca.

Continue reading “L’alba del nuovo Cile” »

Share Button

Giornata storica in Cile. Il popolo archivia Pinochet e Chicago Boys

di Geraldina Colotti

Una giornata storica, quella vissuta in Cile durante il referendum costituzionale del 25 ottobre. Due i quesiti nella scheda. Il primo chiedeva ai cittadini di approvare o rifiutare una nuova costituzione. In caso affermativo, si doveva scegliere l’organo deputato a redigere la nuova Carta magna. Nel primo caso, un’Assemblea Costituente composta da 155 cittadini, eletti alle prossime amministrative dell’11 aprile 2021 in base a criteri di parità di genere e alla partecipazione di delegati delle popolazioni indigene. Nel secondo, una convenzione mista, ossia 50% di parlamentari designati dal Congresso e l’altro 50% da cittadini eletti con voto popolare, come nel primo caso.

Continue reading “Giornata storica in Cile. Il popolo archivia Pinochet e Chicago Boys” »

Share Button

Cubainformacion: aneddoti senza notizia

Chiudere siti web negli USA, bandire l’ “ideologia LGBT” in Polonia, massacrare in Colombia: aneddoti senza notizia

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Una persona su una sedia a rotelle è stata scaraventata a terra dall’impatto del getto d’acqua della polizia antisommossa (1).

Nello stesso scenario, giorni prima, un poliziotto gettava nel fiume, da un ponte, un manifestante minorenne (2). Entrambe le immagini di repressione sarebbero state prima pagina sulla stampa di mezzo mondo, se fossero avvenute a Cuba o in Bielorussia (3). Ma poiché corrispondono al Cile, non ci sono prime pagine, né condanne da parte USA o dell’Unione Europea (4).

Continue reading “Cubainformacion: aneddoti senza notizia” »

Share Button