Aiuti umanitari? No, grazie

Share Button

Venezuela: 30esimo del Caracazo

Il piano economico neoliberista dell’opposizione vuole riportare il paese ai tempi del Caracazo

www.lantidiplomatico.it

Oggi 27 febbraio 2019 cade il 30° anniversario delle proteste popolari contro la politica economica dall’allora presidente Carlos Andrés Pérez (CAP), conosciute come Caracazo.

Politiche economiche analoghe a quelle avanzate dall’attuale opposizione in Venezuela contenute nel cosiddetto Plan País, come nota teleSUR.

Continue reading “Venezuela: 30esimo del Caracazo” »

Share Button

Arrestato in Colombia il neonazista venezuelano Lorent Saleh

di Fabrizio Verde  www.lantidiplomatico.it

Il venezuelano Lorent Saleh, fondatore della ONG Operación Libertad, noto estremista con idee neonaziste è stato arrestato nella giornata di sabato dalla polizia nazionale colombiana a Cúcuta, dopo il concerto Venezuela Live Aid. A riportarlo è il quotidiano venezuelano di opposizione El Universal.

Continue reading “Arrestato in Colombia il neonazista venezuelano Lorent Saleh” »

Share Button

MINREX

Il Ministero delle Relazioni Estere  della Repubblica di Cuba  respinge energicamente l’irrispettosa dichiarazione  del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, aggiudicata al Segretario di Stato Michael Pompeo, nella quale si pretende di giudicare il Referendum costituzionale libero e sovranamente realizzato dai cubani questo 24 febbraio.

Continue reading “MINREX” »

Share Button

USA e lacchè devono capire

Devono capire, l’impero e i suoi lacchè, che in Venezuela regna l’auto determinazione del popolo

«Se il  detto  Gruppo di Lima no modifica ora il progetto di Dichiarazione imposto dagli USA e non si oppone decisamente a un’azione militare degli USA contro il Venezuela, assumerà una grande responsabilità storica come complice di una nuova guerra imperialista in Nuestra America».

Continue reading “USA e lacchè devono capire” »

Share Button

Non mi tolgo né questa uniforme nè questa barba

Era l’alba del 16  febbraio, quando Fidel chiamò per telefono il dottor Luis Buch, in quanto segretario del Consiglio dei Ministri, e gli disse di raggiungere l’hotel Habana Hilton.

Lì gli chiese di parlare con Miró Cardona para informarlo che Fidel avrebbe ricevuto l’incarico di Primo Ministro quel pomeriggio, e gli chiese: «Devo togliermi l’uniforme?».

Continue reading “Non mi tolgo né questa uniforme nè questa barba” »

Share Button

Come si fabbrica un crimine internazionale

come pretesto di guerra

 

Con l’ingresso degli “aiuti umanitari” come sfondo, il 23 febbraio si è inaugurato un altro falso positivo al confine tra Venezuela e Colombia per incitare un intervento militare USA.

La frontiera venezuelana nei suoi tre sbocchi (Colombia, Brasile ed il Mar dei Caraibi) è stato il centro dell’operazione che supponeva la consacrazione di Juan Guaidó come “presidente ad interim” e l’installazione del para stato edificato dal vicepresidente USA Mike Pence.

Continue reading “Come si fabbrica un crimine internazionale” »

Share Button

Roger Water: NO alla guerra al Venezuela

Share Button

Un concerto per la Colombia

di Alfredo Serrano MancillaCELAG– www.lantidiplomatico.it

Iniziamo dall’inizio e senza deviazioni. Secondo la Commissione Europea, sulla base di un proprio indice, la Colombia è il paese latinoamericano con il più alto rischio di crisi umanitaria, più di Guatemala, Messico, Honduras e, ovviamente, Venezuela.

Continue reading “Un concerto per la Colombia” »

Share Button