Congressisti USA contro il blocco

bloqueo obama levantaloI congressisti Tom Emmer e Kathy Castor hanno scritto una lettera dove esortano il presidente Barack Obama a cercare nuove misure che permettano di abrogare le leggi che mantengono il criminale blocco economico, commerciale e finanziario che gli Stati Uniti impongono a Cuba da 1962.


La lettera, firmata da Tom Emmer, repubblicano del Minnesota e Kathy Castor, democratica della Florida, è stata pubblicata questo giovedì nel sito digitale Américas Quarterly, sotto il titolo Lift the Cuban Embargo, (Togliere l’embargo a Cuba).

I recenti progressi nelle relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba non si riflettono nel nostro antiquato embargo, blocco commerciale, che in 54 anni ha provocato danni che ammontano a circa 121.000 milioni di dollari, affermano i congressisti.

Entrambi i congressisti riconoscono che, anche se la stragrande maggioranza degli statunitensi appoggiano la normalizzazione delle relazioni diplomatiche, commerciali e di viaggi con Cuba, “il Congresso degli Stati Uniti è in ritardo, sprofondato in dispute ideologiche”.

Emmer e Castor hanno esortato Obama a lavorare affinché i due paesi continuino a costruire una nuova relazione, con negoziati che vengano attuati nella comprensione e nel rispetto.

“Il sistema economico e politico cubano non può riflettere direttamente il nostro, e il progresso può essere più lento di quello che ci piacerebbe che fosse, tuttavia, tutti i giorni che andiamo avanti, ci spostiamo più lontano dalle politiche obsolete del passato e verso maggiori opzioni per il popolo cubano”, sottolinea la lettera.

Hanno riconosciuto che durante questi 18 mesi si è lavorato per raggiungere accordi in materia di protezione ambientale e della vita marina; di creazione di più vie di credito, sui finanziamenti e le banche, e sull’aumento dei flussi di rimesse.

Aggiungono, anche, è stata spianata la strada affinché imprese statunitensi siano presenti a Cuba e che il servizio di posta sia diretto, ma nessuno di questi progressi contraccambia le antiquate e obsolete proibizioni di commerciare e viaggiare nell’isola.

Entrambi i legislatori hanno riconosciuto, inoltre, il lavoro del Gruppo di Lavoro su Cuba nel Congresso, di carattere bipartitico, che dalla sua creazione nel 2015, lavora attraverso linee geografiche con l’industria, i gruppi di difesa e l’amministrazione per ottenere appoggio, promozione di cambiamenti di politica, e a cambiare le legislazioni in vigore.

“L’appoggio nel Congresso continua a crescere man mano che i leader sentono parlare dell’importanza di un nuovo e brillante futuro con Cuba. In tutto il paese l’emozione della gente che lavora verso una nuova relazione bilaterale, si sta estendendo”, hanno enfatizzato Emmer e Castor.

Traduzione: Redazione di El Moncada
http://www.radiocubana.cu

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.