Perù: ritorna la brigata medica

Dopo due mesi e mezzo di intenso lavoro, sono tornati oggi a Cuba i collaboratori della Brigata Medica Henry Reeve che hanno assistitogli abitanti della regione peruviana di Piura, colpita da intense piogge.


Oggi arriviamo a Cuba con la soddisfazione del dovere compiuto. Nessuna delle difficoltà incontrate nel posto di lavoro, né l’inclemenza del tempo, hanno impedito che i 23 collaboratori -12 medici e 11 laureati – portassimo a termine il nostro compito, ha affermò Rolando Piloto, capo della brigata.

Il medico ha spiegato che durante le 12 settimane trascorse sul territorio peruviano sono stati assistiti 24.349 pazienti, 387 dei quali malati confermati e con segni di allarme per il Dengue, riuscendo a mantenere la mortalità a zero.

È anche progressivamente migliorato il quadro igienico-epidemiologico presentato dai tre dipartimenti della regione nordovest del paese sudamericano colpiti dalle precipitazioni.

Sono stati trattati 120 ettari di specchi d’acqua con vivai di zanzare, è stato dato alla popolazione cloro sufficiente per clorare 80 milioni di litri del vitale liquido, sono state 3.123 abitazioni per il trattamento focale [considerato il pilastro fondamentale della vigilanza e della lotta contro la zanzara Aedes aegypti e Dengue – ndt] e sono stati ispezionati 4.215 depositi, ha sottolineato Piloto.

Lo specialista ha aggiunto che sono stati anche dati consigli alla squadra regionale della salute sulle strategie della lotta antivettoriale, e sono stati formati 350 lavoratori della salute e volontari nella realizzazione del trattamento auto-focale nelle abitazioni.

Per il lavoro realizzato, la Brigata Medica cubano Henry Reeve ha ricevuto il Diploma d’Onore dal Legislativo della Presidenza del Congresso della Repubblica del Perù, Luz Salgado Rubiales.

I collaboratori sono stati ricevuti a La Habana da Marcia Cobas, vice titolare del Ministero della Salute Pubblica che li ha ringraziato a nome del popolo e del governo dell’isola caraibica.

In questo tempo, il lavoro che voi avete realizzato è stato eroico, ma credo che il maggiore risultato sia essere penetrati nel cuore del popolo peruviano, ha detto la funzionaria.

Il gesto di Cuba di offrire aiuto al Perù in situazioni di catastrofi naturali e sanitarie ha i suoi precedenti nel 1970, quando il leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro Ruz, è stato il primo a donare il sangue per il popolo di quella nazione.

In agosto del 2007, la stessa brigata Henry Reeve ha assistito le vittime del terremoto avvenuto nella località di Pisco (centro-sud).
In poco più di mezzo secolo il governo cubano ha partecipato all’invio di 24 brigate mediche specializzate in situazioni di emergenza in 21 paesi. In totale, 372.783 collaboratori di Cuba hanno lavorato in 162 nazioni e, attualmente, 42.000 stanno offrendo lei loro prestazioni in 64 paesi.

Traduzione: Redazione di El Moncada

http://www.rhc.cu

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *