Comportamento del piano dell’economia 2017

I. INTRODUZIONE

I pronostici enunciati nella presentazione del Piano 2017 a questa Assemblea rinforzano il comportamento stimato dell’economia per il primo semestre e confermano la tesa situazione che persiste con la disponibilità di divisa, di combustibili e il livello dei debiti bancari, aggravata dalla acuirsi della siccità.


L’impegno dell’economia nazionale non è isolato dal turbolento ambiente internazionale, in cui predominano le tendenze discriminatorie per le economie sotto sviluppate e delicate situazioni politiche e sociali in paesi fratelli dell’America Latina: tutto questo aggravato dalla persistenza del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dal governo degli Stati Uniti.
In questo scenario il nostro popolo continua con il suo sforzo per avanzare e consolidare i risultati realizzati. Con l’obiettivo di verificare in ogni territorio l’applicazione delle azioni raccomandate nell’Accordo VIII-66 adottato nell’Ottavo Periodo Ordinario dell’Assemblea Nazionale nel dicembre del 2016; nel mese di marzo del 2017 sono state effettuate visite di lavoro da  381 deputati in circa 2.220 centri in 168 municipi del paese. Questo impegno da parte delle commissioni permanenti dell’Assemblea Nazionale contribuisce positivamente a controllare la fiscalità degli organi, degli organismo e delle entità per realizzare i loro impegni per il 2017, rispetto ad un uso efficiente delle risorse materiali e finanziarie che si appoggiano nel Piano e del Bilancio. Lo stesso segnala anche dove si concentrano gli errori e le insufficienze verso le quali dobbiamo dirigere lo sforzo per ridurle ed eliminarle totalmente.
In generale si è costatato nei centri visitati che anche se si conoscono i documenti rettori, loro padronanza è insufficiente e soprattutto è ncessaria la loro rapida applicazione.
Nonostante le misure adottate e indirizzate a garantire le attività principali che assicurano la vitalità dell’economia per elevare i servizi e le produzioni destinate alla popolazione, l’efficienza del sistema delle imprese continua ad essere un tema da seguire in maniera differenziata .
Temi importante come l’insieme delle entrate per esportazioni, le produzioni destinate alla sostituzione delle importazioni, il controllo e l’uso razionale dei portatori energetici, le gestioni degli inventari e l’esecuzione efficiente degli investimenti costituiscono un’agenda permanente d’attenzione e d’esigenza.
I nostri deputati devono sapere che nonostante lo sforzo della generalità degli organismo e delle organizzazioni delle imprese in funzione di realizzare piani produttivi e dei servizi, il processo di Disgregazione del Piano non ha avuto uno svolgimento soddisfacente, con entità che per responsabilità dei loro organi superiori di direzione non hanno contato sui piani nel primo trimestre, relegando inoltre il ruolo e la partecipazione dei lavoratori nelle analisi economiche.
A termine del mese di giugno si riportano 213 richieste di modifiche dei piani,  dei quali il 33% sono stati commessi per errori fatti nel processo di pianificazione, e questo dimostra che la pianificazione non è stata del tutto oggettiva come doveva, aspetto sul quale si deve continuare a lavorare per superere i prossimi piani.

II. I PRINCIPALI RISULTATI

Presentiamo il comportamento stimato sino ad oggi delle principali attività  economiche: Le analisi effettuate in questa precoce tappa dell’anno, permettono d’informare che il PIL a Prezzo Costante, alla chiusura del primo trimestre del 2017 si stima che crescerà del 1.1%.
Incidono positivamente in questi risultati preliminari, le attività del turismo, le costruzioni, il trasporto e le comunicazioni e l’agricoltura – escludendo la canna da zucchero – fondamentalmente. Queste valutazioni permettono di prevedere che le principali attività economiche, anche se in difficili circostanze, sostengono i loro risultati e avanzano in altri, e questo richiede uno sforzo addizionale e lavorare con maggior efficienza alla ricerca di soluzioni.

Settore Esterno

Al termine di giugno alle Entrate Esterne sono mancati  417 milioni di dollari e questo si è aggravato per aver importato inoltre 99 milioni 600.000 dolalri in combustibili addizionali al piano. Si stima per quest’anno una mancanza nelle importazioni totali superiore a 1500 milioni di dollari per le difficoltà nell’utilizzo dei crediti, i limiti nell’assegnazione di liquidità, i debiti per carte di credito scadute e non pagate, e gli errori nel processo dei contratti.
L’utilizzo dei crediti è danneggiato dall’ammontare dei debiti delle carte di credito già citate, che impediscono che molti fornitori concedano nuove forniture sino a quando non si saranno onorati i debiti precedenti.
Gli organismi stimano l’utilizzo dei crediti commerciali all’85% del piano per la fine dell’anno e l’utilizzo al termine di maggio è del 40.8%,  aspetto al quale va assegnata la massima attenzione nell’esecuzione di queste capacità di finanziamento.
L’attenzione specifica e dettagliata a questi temi ha permesso di realizzare pagamenti di debiti per  2.306 milioni di dollari; mantenendo come priorità il riordino di debiti degli anni precedenti, i crediti governativi , la fornitura di alimenti, l’igiene, i contenitori, il raccolto delle canne da zucchero e quelli che garantiscono nuovi imbarchi di merci con destinazione al Minfar, Minint, TRD Caribe, Cimex, Mined, Minsap, il INRH, tra gli altri..
Nella Bilancia Commerciale la mancanza delle esportazioni e delle importazioni, annuncia per il primo semestre un saldo positivo di 1980 milioni di dollari. Il pronostico per l’anno impone la realizzazione di uno sforzo superiore per le esportazioni e le loro entrate, per evitare maggiori sproporzioni nella bilancia per queste ragioni.
Se continuano le gestioni per migliorare la situazione dei pagamenti dei debiti ai nostri fornitori e aiutare nell’esecuzione dei propri crediti commerciali.
In questo senso ringraziamo per la comprensione e la fiducia dei nostri creditori e reiteriamo la ferma volontà e decisone di risolvere, pur se lentamente e in accordo con il comportamento della nostra economia, gli impegni contratti.

I portatori d’energia

La produzione di petrolio alla fine di maggio corrisponde e si stima che l’anno terminerà con 16000 tonnellate al di sopra del Piano.
Un altro aspetto che distingue questo periodo si riferisce ai rifornimenti di combustibili dal Venezuela, in parte non realizzati secondo quanto accordato, e che inoltre non si comportano con la struttura richiesta e neanche nelle date previste, partendo dalle irregolarità nei programmi d’arrivo.
Il consumo totale d’energia elettrica accumulato sino al mese di maggio, risponde al 100 % del piano; il settore statale ha superato il consumo del 1,3 % di quanto pianificato  e il settore residenziale lo ha diminuito del  1,5 % rispetto a quanto pianificato. Nel settore statale, si continuano ad applicare misure incamminate a realizzare con efficienza i consumi previsti nel piano.
La partecipazione delle Fonti Rinnovabili di Energia nella struttura della generazione, si stima  per il semestre al 7,61 % (il 8,62 % pianificato) e per l’anno il 4,19 % (4,65 % pianificato). La mancanza si deve soprattutto alla generazione di energia elettrica di Azcuba.
Al termine del mese di maggio, realizzando le azioni di controllo approvate nel Piano, sono state risparmiate 174.155 tonnellate equivalenti di combustibili. È certo che è un fattore negativo la registrazione di bassi livelli di attività, ma d’altra parte questo ha permesso di disporre quantità che sono state destinate a realizzare misure straordinarie in attività con priorità, come la siccità e la battaglia alla situazione epidemiologica del paese.
Si deve approfondire l’attenzione all’uso efficiente dei portatori d’energia ed evitare le deviazioni e i furti che disgraziatamente sono presenti, come si ratifica nelle statistiche e nei controlli che si realizzano periodicamente.

Investimenti e costruzioni

Nel Piano Annuale degli Investimenti si progetta la realizzazione del’85%; nonostante tutto sarà superiore all’anno precedente del 21% e va segnalato lo sforzo degli Investimenti associati a programmi strategici. Va segnalato che questi risultati incidono inoltre sui valori dei salari, superiori all’anno scorso, approvati per i costruttori di opere prioritarie per il turismo in particolare.
In quanto agli investimenti stranieri sono stati approvati nuovi investimenti in 2 opere  già in esecuzione e 11 nuove opere: 5 nella Zona Speciale di Sviluppo di Mariel e 6 al di fuori di questa zona. Queste nuove opere totalizzano un ammontare superiore ai 1346 milioni di dollari.
Inoltre si lavora all’attualizzazione della Cartella delle Opportunità degli Affari con capitale straniero, che si pubblicherà alla fine dell’ottobre prossimo nell’ambito della 35ª Edizione della Fiera Internazionale de L’Avana, che comprende circa 450 progetti in diversi settori dell’economia, dando priorità a quelli identificati come strategici nelle Basi per l’elaborazione del Piano di Sviluppo Economico e Sociale per il 2030.
Il comportamento nel primo semestre dei programmi prioritari, approvati nel piano è il seguente.
Marciano come pianificato:
01- Programma di Sviluppo del Turismo de L’Avana Habana, Varadero, Cayos del Nord e Holguín (Ramón de Antilla).
02- Infrastrutture della Zona Speciale di  Sviluppo di Mariel.
03- Manutenzione e recupero delle capacità d’immagazzinaggio dei combustibili  (550 Mm3). (Cupet). Si stima  al termine del primo semestre la consegna della cifra pianificata di 113,8 Mm3 e nell’anno 500 Mm3 in 33 contenitori .
04- Programma accelerato a medio tempo che permette di recuperare l’industria alimentare.
05- Base logística per la regione orientale nel municipio di San Luis, a Santiago di Cuba. Due magazzini conclusi  (3 254 M2) e tre in esecuzione . Due saranno terminati entro quest’anno. (4 781 M2).
06- Programma di recupero delle capacità di trasporto al servizio dell’economia. Sono stati importati 1.442 camions e rimorchi.
07- Ricostruzione delle strade danneggiate dall’Uragano Matthew.
08- Unità di generazione elettrica a Mariel (100 MW).

Riportano percentuali al di sotto del previsto:

01- Produzione di bio plaghicidi e bio stimolanti (Minag). Per ritardi nei contratti e ritardi nell’arrivo di rifornimenti.
02- Programma per il recupero delle capacità di frigoríferi e congelatori
(Gempa-Mincin). Per ritardi nelle contrattazioni, dovuti a mancanza di pagamenti e ritardi nell’arrivo di rifornimenti.
03- Recupero dell’Unità No. 1 della Centrale Termoelettrica «Lidio Ramón Pérez» (Felton).
04- Programma delle Fonti Rinnovabili d’Energia perr itardi nella valutazione, approvazione e messa in marcia nelle operazioni dei crediti esterni:
– Línea automatica da 50 MWp per la Produzione dei Moduli Fotovoltaici
nell’Impresa delle Componenti Elettroniche di Pinar del Río.
– Parchi Eolici Herradura 1 e 2.
– Parco Solar Fotovoltaico da 10 MW.
– Programma d’Installazione di 115 MW nei Parchi Solari Fotovoltaici.
05- Programma di Sviluppo dei Travasi. Apparecchi previsti per il INRH.
06- Preparazione di 4 unità di generazione elettrica da 200 MW ognuna.
07- Modernizzazione della Antillana de Acero.

Programa della casa

Al termine del semestre si stima che sarà terminate la costruzione di 3.362  case e che si realizzerà il piano previsto per quest’anno di 9700 case.
La popolazione, per sforzo proprio nel semestre ha terminato 4160 case e ne costruirà  nell’anno 13023.
Nel  primo trimestre sono stati ricevuti 10 giochi  di modelli FORSA previsti nel Piano che si usano nei lavori di recupero dell’Uragano Sandy a Santiago di Cuba e Matthew a Guantánamo.

Bilancio dell’Acqua

Al termine del semestre si stima la fornitura di questa risorsa al 89%, come l’86% del piano di previsione.
Al termine di giugno i bacini di rifornimento alla popolazione erano al 43% e quelli per il riso al 29% della loro capacitaà. Si riportano 296 fonti di rifornimento danneggiate con una popolazione associata di 937.000 persone; il comportamento delle piogge ha raggiunto solo il 68% e il 71% nelle regioni centrali e orientali rispettivamente e si mantiene un pronostico sfavorevole.
La situazione della siccità è presente in tutto il paese, aggravata nelle province di Ciego de Ávila, Sancti Spíritus, Villa Clara e Camagüey, motivando la realizzazione di azioni addizionali al piano.
Anche se si è prodotto un certo miglioramento grazie alle recenti piogge, si deve mantenere uno stretto controllo e il seguimento di questi programmi.
Si lavora con il Mindus nel recupero e la fabbricazione di 200 cisterne per l’acqua e contenitori per conservarla, Partecipano anche il  Micons, la UIM, Provari e il Mincin nel commercio.
Nel programma degli impianti  desalinizzatori, dei 12  previsti per il piano 2017 se ne prepareranno 11, e resteranno pendenti quelli di Cayo Coco per il 2018.

Attività del Trasporto

Il Trasporto dei carichi registra problemi soprattutto nel sistema ferroviario.
L’operazione porto-trasporto–economia interna, esige  che si lavori durante le 24 ore, ma non sempre si fa e questo provoca inefficienze nei programmi e meno rotazione dei mezzi di trasporto.
Il trasporto dei passeggeri alla fine del semestre si stima superiore del  7,4 %, anche se non soddisfa la domanda della popolazione.
Questo risultato è condizionato soprattutto dall’incremento dei Trasportatori Privati.
Addizionalmente si stabilizza la produzione di autobus Diana e Triciclos e avanza il programma per ampliare la capacità di trasporto dei taxi statali, indirizzato all’incremento di questi servizi e regolando i prezzi.
Le ferrovie stimano di non realizzare il piano di trasporto previsto per via del basso coefficiente di disposizione tecnica delle locomotive. Avanza il programma d’importazione di nuovi elementi con  il programma integrale di manutenzione.
I servizi aerei assicurano prima di tutto il trasporto dei collaboratori, ma prevedono di non trasportare 200.000 passeggeri nell’anno per il Basso Coefficiente di Disposizione Tecnica della flotta dell’Impresa «Cubana de Aviación», provocando spese addizionali al piano, superiori agli 8 milioni di dollari per il noleggio degli aerei.

Alimenti

Al termine del primo semestre si stima l’importazione di 1.136 milioni di dollari  (il 65 % del piano annuale) e alla fine dell’anno si calcolano  1661 milioni di dollari, con un risparmio netto di 87 milioni di dollari per la diminuzione dei prezzi fondamentalmente.
Al termine del primo trimestre, le perdite, le mancanze e la cattiva condizione dei prodotti  principali che fanno parte del bilancio degli alimenti, hanno toccato le 28.700 tonnellate(10 milioni 861.000 dollari). I prodotti con le maggiori incidenze sono:
Fagioli di soya (8,2 Mt); grano in chicchi (4,5 Mt); granturco (3,3 Mt); farina di soia (4,0 Mt) e pollame (0,62 Mt). Per questo tema c’è un Gruppo di Lavoro presieduto dal MEP e formato dal Mincex, Minal, Minag, Mitrans e Mincin, dedicato a valutare e proporre azioni concrete per minimizzare questi danni economici.

Industria Alimentare

Le produzioni dell’impresa «La Estancia», hanno avuto un inizio dell’anno con danni alla produzione, che si sta recuperando gradualmente e si prevedono migliori risultati per quest’anno.
Sono garantite le principali materie prime di produzione nazionale e d’importazione che sostengono il piano approvato per questa estate.
Il Programma di Sviluppo a medio termine dell’Industria Alimentare si trova in processo di revisione per recuperare le sue capacità e le migliori tecnologie, per consolidare i suoi vincoli, considerando la produzione agricola e dell’allevamento, l’integrazione con l’industria nazionale, il consumo interno e la crescita del turismo.
Il processo di riordino del vecchio debito con gli azionisti stranieri nelle imprese miste, per dividendi e per gli apporti degli azionisti stranieri e dei fornitori, (543 milioni di dollari), si è concluso.  Sino ad oggi sono stati riordinati 440 milioni di dollari, che includono inoltre altri fornitori di materie prime e attrezzature. I pagamenti si realizzano secondo gli accordi.
Il resto dell’Attività Industriale lavora con grandi tensioni e sforzi, partendo da limiti finanziari che non permettono soprattutto d’onorare debiti che garantiscano continuità nei rifornimenti delle principali materie prime.
Si deve continuare a lavorare per il riscatto e la maggior partecipazione dell’ industria nazionale nell’economia, approfittare al massimo le sue capacità disponibili,  avanzare nei processi vincolati della produzione, appoggiando soprattutto le attività che apportano entrate nel paese.

Produzioni Agricole

Le principali produzioni agricole riportano risultati favorevoli e le produzioni di tuberi e di ortaggi hanno superato il previsto, eccetto il latte e la carne di bovino,  settori appoggiati per migliorare l’organizzazione  e la logistica.
Si riprendono i progetti di produzione di agrumi e frutta e si lavora per potenziare le capacità dell’agricoltura urbana e suburbana.
Ala fine dell’anno la produzione di carne di maiale supererà la pianificazione di 8.000 tonnellate consegnando all’industria il 2% in più di quanto previsto; la produzione di uova supera i 18 milioni di unità.

L’Industria dello zucchero

La produzione di zucchero crudo físico non ha rispettato il piano del 14 % (300.000 tonnellate).
Le esportazioni totali raggiungeranno i 506 milioni 662.000 dollari, un totale inferiore di 98 milioni di dollari su quanto pianificato, determinato da una minore produzione di zucchero crudo, ma con un prezzo superiore per le esportazioni a quanto pianificato.
Si lavora assieme al Mincex, Azcuba e all’industria nazionale, per diminuire le lacune nei rifornimenti, garantire gli anticipi nel 2017 e considerare nel Piano 2018, le risorse necessarie del raccolto 2018-2019, realizzando in questo modo le indicazioni impartite dalla Direzione del Governo.

Programmmi dei medicinali, di prevenzione  e scontro

Il programma dei medicinali ha approvato per l’anno in corso un valore d’importazione di 375 milioni 600.000 dollari, dei quali  263 milioni sono destinati all’industria farmaceutica e il resto al Minsap.
In questo periodo ci sono state mancanze e instabilità di determinati medicinali, che vanno attenuate con i finanziamenti assegnati, che permetteranno di assicurare le materie prime a quest’industria e seguire in modo particolare i temi produttivi, tecnologici, logistici e commerciali. Inoltre si considera che si tratta di processi complessi ed esigenti.
Dal 29 maggio alla metà del mese di luglio si sviluppano azioni con trattamento intensivo  per l’uccisione delle zanzare adulte in tutti i municipi a maggior rischio epidemiologico Sono garantite le risorse per effettuarlo e per la prima volta inizia un tappa intensiva senza trasmissione attiva di Dengue e Chikungunya.

Attività del Turismo

L’attività turistica stima un incremento dei visitatori rispetto al piano di previsione del 16,3 % nel semestre e del 11,9 % nell’anno. Alla fine di giugno questa cifra ha superato i 2 milioni 620.000 turisti, cioè il  22,5 % di crescita.

Circolazione delle merci al minuto

Per la Circolazione delle Merci al Minuto si stima un risultato superiore del piano nel semestre  del 14,3 % e nell’anno del 13,9 %, fondamentalmente per l’incremento della partecipazione delle forme di gestione non statale. Alla fine del mese di maggio sono state rimesse in vendita 34.000 tonnellate di cemento addizionali, partendo dalla mancanza d’utilizzo degli investimenti, cosa che unita ad altri fattori, permette di mantenere livelli adeguati nell’ equilibrio finanziario interno.
Nella Circolazione delle Merci al Minuto in pesos convertibili, si stima un risultato superiore nel semestre del 4,3% e nell’anno del 9,5 %. Nonostante questi risultati l’offerta non soddisfa la domanda.

Inventari

Nonostante il  lavoro realizzato dalla Corte dei Conti Generale della Repubblica nell’analisi delle cause che originano gli inventari dichiarati al termine del 2016, si riporta alla fine d’aprile una crescita rispetto a marzo di 370 milioni di pesos. La disciplina informativa continua ad essere un problema per aver fiducia nei risultati che si offrono partendo dal fatto che non in tutti i periodi sono state captate  uguali mostre.
La struttura si comporta cosi: Merci per la vendita, 29,2 % del totale, la produzione in processo (19,8 %), materie prime e materiali ausiliari (17,7 %) e produzione terminata (7,7 %). Si continua  lavorando all’organizzazione e al controllo effettivo di queste risorse in funzione di riconoscerle come fonti del piano.
Nella  Pianificazione  Territoriale, durante la tappa sono state sviluppate azioni per ottenere una maggior integrazione con le direzioni provinciali di economia e pianificazione che includono visite di lavoro nei territori e riunioni con i dirigenti provinciali d’economia e pianificazione nel MEP.
Si disegnano gli strumenti per l’elaborazione delle Strategie di Sviluppo Municipale nel procedimento per la gestione del finanziamento dello sviluppo   locale. In parallelo s’implementano le stesse in forma sperimentale in territori selezionati attraverso la «Piattaforma Articolata per lo Sviluppo Integrale Territoriale (PADIT)».

III. IMPIEGO E SALARI

L’occupazione mantiene livelli simili  nel semestre e nell’anno,(98,1 %) con un incremento nel settore non statale, soprattutto per la crescita del lavoro indipendente e la diminuzione del settore statale in corrispondenza con il riordino del lavoro.
Il fondo del salario nel semestre stima una diminuzione per le imprecisioni nei valori pianificati nell’applicazione del sistema di pagamento delle opere dei programmi di sviluppo turistico e della Zona Speciale di Sviluppo di Mariel, come stabilito dalla Risoluzione 15 del 2016 del MTSS.
La produttività degli occupati nel semestre decresce allo 0,6 % e il salario medio del 1,2.  Nell’anno crescono del 2,6 e del 1,0 % rispettivamente, con una correlazione favorevole.
Nel  sistema delle imprese si stima un comportamento del salario medio e della produttività del lavoro che corrisponde ai livelli d’attività e alla realizzazione degli indici di direzione e ai limiti approvati.

IV. BILANCIO DELLO STATO

Entrate
Si stimano per il semestre Entrate Lorde di  27. 823 milioni di pesos, il 53 % del piano dell’anno, determinate fondamentalmente dal comportamento favorevole del pagamento delle tasse, con maggior incidenza nelle imposte sugli utili e le entrate personali.
Gli apporti associati alla liquidazione annuale delle imposte sulle Entrate Personali nel settore el lavoro indipendente e artistico, mostrano un incremento partendo dai processi di fiscalità delle dichiarazioni giurate che esegue l’Ufficio Nazionale d’Amministrazione Tributaria.
Questi risultati mettono in evidenza le riserve nella pianificazione, sulla quale si deve agire mediante la gestione tributaria, per ottenere la sua captazione a favore del Bilancio dello Stato.

Spese

Le Spese Totali previste per il semestre, non sono state effettuate per 382 milioni de pesos, con un maggior impatto nell’attività del bilancio, partendo da mancanze nell’esecuzione delle spese di manutenzione e riparazione delle costruzioni, materie prime e materiali, energia e combustibili, tra l’ altro.
Tra le spese correnti delle attività non in bilancio si pagheranno 347 milioni di pesos al disopra di quanto previsto, in corrispondenza con i livelli d’attività del Piano dell’Economia, che mostrano un’eccedenza per prodotti come: riso, latte, miele d’api, caffè e carne, tra l’altro.
Le Spese e i Trasferimenti di Capitali non utilizzeranno 284 milioni di pesos, per ritardi nelle importazioni di apparati auto motori e tecnologici finanziati dal Bilancio dello Stato.

Risultati

– Il Deficit Fiscale nel semestre si prevede si 4.534 milioni  800.000 pesos, che conterrà un deficit in conto corrente di 2.853 milioni di pesos, inferiore a quanto pianificato per questa tappa.

– Si stima l’esecuzione al 50 % della Domanda Finanziaria approvata nella Legge No. 122, per  quest’anno.

– Si prevede di mantenere la linea di credito a breve termine, per coprire sbilanci temporanei della cassa che saranno reintegrati nell’esercizio fiscale, per cui non contribuiranno al deficit

V. CONCLUSIONI

La realizzazione  di un gruppo importante di misure incamminate a rispettare al massimo le priorità approvate nel Piano, ha permesso di attenuare l’impatto sfavorevole  all’economia in questo primo semestre, aggravata come si è detto, dall’instabilità, marcata dalla fornitura di  combustibili e una insufficiente quantità di divisa.
Resta un semestre di lavoro, non esente da tensioni sulle quali si deve continuare a lavorare e approfondire ogni aspetti e decisione che si adotterà, con l’obiettivo di minimizzare i problemi nella realizzazione dei piani approvati, e lavorare per una proiezione del Piano 2018 aggiustata alle priorità fondamentali che danno vitalità all’economia e al sostegno dei servizi di base per la popolazione.
Dobbiamo essere coscienti che l’insieme dei problemi accumulati non si potrà risolvere con tutta la sua grandezza in un breve periodo e che la sua soluzione dipende dal fatto di lavorare più integralmente,facendo prevalere l’organizzazione,  il rigore e la disciplina.
Lo sforzo realizzato sempre con le particolarità dello scenario attuale, sia nel piano interno che internazionale, ci ha permesso di ottenere risultati tangibili in un gruppo di attività di produzione, dei servizi e sociali che hanno un impatto nella vita della popolazione.
Senza dubbio non possiamo tralasciare l’effetto che rappresentano per l’economia e la società nel loro insieme  queste realtà, e questo ci obbliga ad adottare misure indirizzate a continuare e proteggere al massimo le entrate nelle principali voci esportabili, la produzione di alimenti e i servizi di base per la popolazione, così come a lavorare per utilizzare le risorse disponibili per sostenere le priorità approvate sia nel semestre 2017 come nell’elaborazione del Piano 2018.
Siamo convinti che la partecipazione cosciente di tutti e la dichiarata volontà d’unità permetteranno di continuare ad avanzare nell’attualizzazione del modello economico cubano e nei lavori per la presentazione e approvazione di questa Assemblea del Piano Nazionale di Sviluppo Economico e Sociale sino al 2030, nel dicembre del prossimo anno.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *