Un’università impegnata con la sua nazione

La realizzazione dell’Agenda 2030 per lo  sviluppo sostenibile, appare nella scena mondiale come una volontà che vuole fermare l’attuale modello insostenibile che esclude e ruba lo sviluppo, ma questo dipenderà inevitabilmente dalla mobilitazione del potenziale umano, le capacità scientifiche e tecnologiche e i valori umanistici che potrà promuovere l’educazione superiore.


Il ministro d’Educazione Superiore, José Ramón Saborido Loidi, nella conferenza che ha inaugurato il Congresso Università 2018 nel Teatro Karl Marx, ha detto che questa è una sfida che ha assunto Cuba, e lo fa con l’esperienza d’aver formato quasi un milione e mezzo di professionisti dal 1959 e di contare con il 12% della sua popolazione con un livello universitario.

Il membro del Burò Politico e primo vice presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha partecipato all’inaugurazione,  in cui il titolare del settore ha detto che il modello di università che Cuba ha costruito va definita come umanista, moderna, scientifica, tecnologica e innovatrice, unita alla società e impegnata con la costruzione della nazione.

Questo si nota,  dando solo un esempio, nella partecipazione dei professori e investigatori universitari e l’attualizzazione del modello economico  sociale cubano nelle trasformazioni che avvengono nella stessa educazione superiore.

«Si tratta, ha aggiunto il Ministro, di continuare  a migliorare la pertinenza e  la qualità di un sistema totalmente gratuito».

Saborido Loidi ha indicato alcune sfide dell’insegnamento nella regione, tra le quali la necessità di un’università impegnata con la società, l’ottenimento di un’educazione come bene pubblico, come diritto umano universale, la qualità della formazione dei professori, il maggior utilizzo delle tecnologie dell’informazione e le comunicazioni e  la battaglia contro la mercificazione dell’ educazione superiore.

A 20 anni dal primo Congresso Università, e quando si compie il centenario della Riforma di Córdoba, l’evento che si svolge nel Palazzo delle Convenzioni sino al 16 febbraio riunisce circa 2000 partecipanti di 60 nazioni e vuole divenire uno spaio aperto per il dialogo, come ha suggerito il segretario esecutivo, Omar Herrera.


L’Università nei suoi 290 anni

 

 

La Università de L’Avana sta compiendo 290 anni e si sente felice per il riconoscimento offerto per la data dalla  27ª Fiera Internazionale del Libro de L’Avana. La casa di alti studi è molto relazionata alla presente edizione dell’incontro letterario, e l’Istituto Confucio, che le è vincolato, ha la missione di fare da canale per la conoscenza della cultura millenaria e della storia della Cina, paese al quale è dedicata la Fiera.

Due Forum fondamentali sono stati al centro della celebrazione della Fiera nella collina universitaria che da vari anni è una sede minore dell’evento.

Il primo “Gestione della Scienza, una visione dalle reti dell’investigazione”, e il secondo  “UH 290… dalla prospettiva patrimoniale”.

Inoltre si è svolta nelle sue piazze  la Fiera delle Scienze, uno spazio per avvicinare bambini e studenti di altre scuole all’Università.

Questo avvicinamento si può constatare andando a La Cabaña, allo stand della UH , dove espone la casa editrice dell’Università e dove passano studenti che cercano bibliografie affini alle loro carriere .

Con un catalogo di 150 pubblicazioni e varie collezioni la Editrice fondata otto anni fa propone dieci novità Omar Gutiérrez, vide direttore amministrativo della UH e responsabile dello stand,  ha conversato con Granma a proposito della vendita dei titoli: «C’è una buona affluenza di pubblico e non solo di studenti. A volte vediamo una famiglia che viene e sa che i suoi figli studiano in una determinata facoltà e comprano libri affini che servono da materiale d’appoggio. Gli autori sono dell’Università  e pubblicano qui le loro investigazioni»,  ha detto.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *