Kenya lavora per il ritorno dei medici cubani rapiti

Il ministro cubano della Salute, Josè Angel Portal, ha informato che il governo del Kenya prosegue le sue azioni per il ritorno dei medici dell’isola caraibica rapiti nella nazione africana.

“Nella mattina di oggi ho conversato con la Ministra della Salute del Kenya. Ci ha informato che si mantengono le azioni da parte del suo governo per ottenere il ritorno a salvo dei nostri medici rapiti”, ha scritto nella rete sociale Twitter.

Portal, ha confermato inoltre, che “gli altri integranti della Brigata Medica Cubana in Kenya stanno bene, offrendo la loro professionalità al popolo di quel paese.”

Nei giorni scorsi, il presidente cubano, Miguel Diaz-Canel, ha dialogato via telefonica con i suoi colleghi del Kenya, Uhuru Kenyatta, e Somalia, Mohamed Abdullahi Mohamed, sul delicato caso.

Diaz-Canel in Twitter ha segnalato che Cuba lavora senza riposo per il ritorno a salvo dei collaboratori rapiti in territorio del Kenya, il 12 aprile.

I medici si chiamano Assel Herrera Correa, specialista di Medicina Generale Integrale, della provincia di Las Tunas, e Landy Rodriguez Hernandez, specialista in Chirurgia, della provincia di Villa Clara.

La collaborazione medica della maggiore delle Antille col Kenya è cominciata in giugno dell’anno scorso e ci sono 101 medici che realizzano il loro lavoro nella maggior parte del paese africano.

con informazioni di Prensa Latina traduzione di Ida Garberi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.