ANPP: IV sessione straordinaria IX Legislatura

Il membro del Burò Politico, Esteban Lazo, ha assicurato che a 151 anni dall’inizio delle guerre d’indipendenza continuiamo a lavorare per avanzare nella nostra unica Rivoluzione, uniti attorno ai principi che la sostentano, nostante l’indurimento del blocco e le misure adottate dall’amministrazione Trump per distruggere la Rivoluzione cubana.


Poi ha ricordato che le azioni che oggi si realizzeranno s’iscrivono nel compimento delle Costituzione e rinforzano l’istituzionalità.

Lazo ha informato che la deputata dell’Isola della Gioventù, Zunilda García Garcés ha preso il suo posto in Parlamento e ha letto l’ordine del giorno :

* Elezione  del Presidente della ANPP
* Elezione del Vicepresidente della ANPP
* Elezione del Segretario della ANPP
* Elezione  degli altri memebri del Consiglio di Stato
* Elezione degli incarichi di  Presidente e Vicepresidente della Repubblica

La sessione è cominciata con  575 delegati presenti, pari al  95,04 %.


Hanno presieduto Miguel Díaz-Canel Bermúdez, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Esteban Lazo Hernández, presidente della ANPP e Oscar Manuel Silvera Martínez, ministro di Giustizia

 

Un gruppo di giornalisti del quotidiano Granma ha raccontato dal Palazzo delle Convenzioni quello che succede nella riunione dei deputati dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare che ha preceduto la sessione straordinaria di oggi 10 ottobre.

Com’è stato annunciato dai media della stampa nazionale, i deputati cubani si sono riuniti nel Palazzo delle Convenzioni ed hanno dibattuto i temi centrali per la vita del paese, e oggi 10 ottobre, convocati dal Consiglio  di Stato della Repubblica, seguiranno il seguente Ordine del Giorno:

✔ Elezione  del Presidente, del Vicepresidente e del Segretario, dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolar, degli altri membri del Consiglio di Stato e del Presidente e Vicepresidente della Repubblica.

La giornata del 9 ottobre è iniziata con un’informazione ai deputati sulla conformazione del piano legislativo del paese, offerta dal  Ministro di Giustizia, Oscar Manuel Silvera Martínez.

Il membro del Burò Politico, Esteban Lazo Hernández, presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, ha detto che corrisponde a questa Legislatura, e alle prossime, un ampio programma legislativo posto in marcia dalla proclamazione della Costituzione lo scorso 10 aprile, e che in questo processo il ruolo dei deputati è decisivo.

Il Ministro di Giustizia, Oscar Manuel Silvera Martínez ha assicurato nel suo intervento che si lavora per approvare nel mese di dicembre una serie di leggi tra le quali ci sono:

✔ la Legge di Funzionamento delle  Assemblee Municipali del Potere Popolare,
✔ quella del Regolamento dei Dirtto Cittadino e
✔ quella del Servizio Estero, così come  il Piano Legislativo.

Nel compimento delle disposizioni transitorie della Costituzione si lavora in forma intensa all’elaborazione, tra le altre, di alcune leggi come:

✔ il Codice della famiglia,
✔ la Legge di Protezione de Dati  Personali,
✔ un nuovo Codice Penale,
✔ una nuova Legge di procedimento Penale,
✔ l’ attualizzazione della Legge d’esecuzione delle sanzioni penali,
✔ l’attualizzazione della Legge dei procedimenti civile, amministrativo, del lavoro e l’economico,
✔ la Legge dei  tribunali e
✔ la Legge della fiscalità.

Altre leggi previste per il compimento delle Linee di Política Economica e Sociale del paese sono:

✔  la Legge dell’ Ordine Territoriale e Urbanistico e la gestione del suolo;
✔ la Legge del Diritto d’autore e connessi ,
✔ della Casa,
✔ dei Monumenti,
✔ del Patrimonio culturale,
✔ del Riciclaggio,
✔del Turismo,
✔ la Legge della Terra e
✔ la Legge dell’Educazione.

Marta Moreno Cruz, decana della Facoltà di Dirito dell’Università de L‘Avana ha spiegato ai presenti i precedenti di tutto questo processo.

Nel maggio scorso è stato realizzato un corso sulle Regole di Base normative organizzato dalla Facoltà di Diritto della UH, dal Ministero di Giustizia e dall’Assemblea Nazionale.

Il corso ha avuto 60 partecipanti, tra loro deputati, specialisti del Comitato Esecutivo, il gruppo giuridico degli organismi e il Presidente, Vicepresidente e altri membri dell’Assemblea Nazionale.

Il Presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, Esteban Lazo Hernández  è stato presente in maniera permanente ed ha contribuito con i suoi criteri a guidare questo corso, ha commentato Moreno Cruz.

Al termine della riunione i deputati hanno assistito alla proiezione  della pellicola /Dal mio giardino/, un film statunitense del 1979 con la regia di Hal Ashby e Peter Sellers come protagonista.

Il film si basa in un romanzo dello scrittore polacco nordamericano  Jerzy Kosinski, pubblicato nel 1971. La pellicola risalta l’alta influenza che esercitano i media di comunicazione sulle persone e tocca la manipolazione della realtà.

Il giornalista e critico di cinema, Rolando Pérez Betancourt, ha detto presentando il film ai deputati che «Dal mio giardino» è una pellicola politica e sociale del regista Hal Ashby, che oggi riscuote una grande vigenza artistica.

Ha segnalato che la pellicola presenta dialoghi a doppio senso, un’ironia corrosiva e uno sguardo mordace verso gli agenti dell’Agenzia Centrale d’Intelligenza, CIA.


I Deputati eleggeranno oggi il Presidente della Repubblica e gli altri incarichi dello Stato

 

Oggi 10 ottobre sarà  un altro giorno memorabile per la Patria. Come mostra de continuità storica della Rivoluzione Cubana, iniziata  151 anni a La Demajagua; il Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba, in conformità con quanto stabilito nella Seconda  Disposizione Transitoria della Costituzione, ha accordato di realizzare una Sessione Straordinaria dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare  (ANPP).

Oggi si effettueranno l’elezione del Presidente, del Vicepresidente e del Segretario della ANPP, che da questo giorno lo saranno anche del Consiglio di Stato. Inoltre si eleggeranno gli altri 18 membri del Consiglio di Stato.

Prima della preparazione dei progetti di candidature, la Commissione Nazionale delle Candidature ha chiesto ai deputati che, con carattere personale consegnino scritte le loro proposte per occupare gli incarichi da eleggere. I suoi membri sono stati selezionati tra i deputati e la ANPP.

In questa Sessione Straordinaria, dopo la presentazione e l’approvazione della candidatura, i deputati effettueranno la votazione, con voto libero, uguale diretto e segreto.

Come stabilisce la Legge Elettorale, il Consiglio Elettorale Nazionale realizzarà lo scrutinio delle schede, la sua presidente annuncerà i risultati iniziando dall’elezione del Presidente, Vicepresidente e Segretario dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare e del Consiglio d Stato.

Poi informerà in relazione agli altri membri del Consiglio di Stato.

Gli eletti prenderanno possesso dei loro incarichi nella ANPP.

Successivamente si realizzerà il processo di nomina e d’elezione del Presidente e del Vicepresidente della Repubblica, guidato dal presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare.

I membri di questa candidatura verranno selezionati tra i deputati, compiendo così gli altri requisiti stabiliti dalla Costituzione per occupare questi incarichi.

Una volta approvata la candidatura, si voterà con voto libero, uguale, diretto e segreto. Lo scrutinio lo realizzerà il Consiglio elettorale nazionale e la presidente informerà sui risultati della votazione.

A continuazione, il Presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, basandosi  nei risultati informati, dichiarerà eletti il Presidente e Vicepresidente della Repubblica tra coloro che hanno ottenuto il voto favorevole della maggioranza assoluta dei deputati che formano  l’Assemblea Nazionale del Potere Popolare. Una volta dichiarati eletti prenderanno possesso dei loro incarichi.

Nel  caso del Presidente della Repubblica, prenderà possesso del suo incarico di fronte alla ANPP, come questa disponga.


Abbiamo dato una lezione di resistenza

 

Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha definito «Molto stimolante e impressionante» la risposta ricevuta da nostro popolo all’invito di Pensare come Paese, di fronte alla situazione congiunturale che vive la nazione nelle ultime settimane di fronte alla scarsa disponibilità di combustibile provocata da rinnovati tentativi del governo degli USA di distruggere la Rivoluzione cubana.

Parlando ai deputati dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, il mandatario cubano ha segnalato che emoziona constatare la chiara sintonia tra quello che il Governo si è proposto di fare e quello che domanda la cittadinanza, perchè il paese che vogliamo è lo stesso.

«Non è opera del caso. È frutto di anni di dibattiti e ricerca di cammini più fermi per far transitare il nostro socialismo in consultazione con il popolo.

Le discussioni sulla Costituzione, sui modi più proficui e le trappole

interne, hanno apportato molto a questa sintonia che è parte della nostra storia rivoluzionaria», ha detto Díaz-Canel.

Il Presidente cubano ha anche segnalato l’importanza, in circostanze di contingenza energetica, di non toccare le riserve, di fare appello alla creazione, di utilizzare le esperienze e di far sì che il risparmio divenga un elemento fondamentale.

Poi ha risaltato la potenzialità della direzione in questa tappa e la comprensione del popolo che ha avvertito sin dal primo momento che la situazione di scarsità di combustibili nel paese è stata provocata dall’ostilità del Governo degli Stati Uniti contro Cuba.

«Usciamo da questa tappa più forti e con una maggiore capacità organizzativa. Affrontiamo la situazione, incontriamo soluzioni e ci prepariamo per il futuro.

I giovani hanno apportato una sorgente d’energia e abbiamo informato opportunamente la popolazione, contando  sul popolo, come ci ha insegnato Fidel.

«Oggi dobbiamo lavorare in modo diverso perchè stiamo vivendo in tempi diversi. Oggi siamo migliori rivoluzionari e migliori cittadini. Abbiamo dato una lezione di resistenza» ha sottolineato ancora Díaz-Canel.


Miguel Diaz-Canel eletto come presidente della Repubblica di Cuba

 

L’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP) ha scelto questo giovedì 10 ottobre come presidente della Repubblica di Cuba Miguel Mario Diaz-Canel Bermúdez, che assumerà l’incarico fino al 2023.

Riuniti in sessione straordinaria nel Palazzo delle Convenzioni de L’Avana, i legislatori hanno scelto con 579 voti favorevoli Diaz-Canel, di 59 anni, deputato per il municipio di Santa Clara, provincia di Villa Clara.

Fino all’attualità, occupava la Presidenza dei Consiglio di Stato e dei Ministri, nomenclatura che ora sparisce come stipula la Costituzione approvata in aprile del 2019.

Dopo 43 anni, Cuba riprende la figura del presidente della Repubblica come capo di Stato, eletto nel seno dell’Assemblea ed accompagnato da un vicepresidente, con una centralità forte dentro la struttura del potere statale.

I deputati hanno scelto come vicepresidente della Repubblica Salvador Valdes Mesa, che ugualmente concluderà il suo mandato nel 2023. Ha 74 anni di età ed è deputato per Güines, provincia di Mayabeque.

In questa giornata storica per la nazione, l’ANPP ha scelto come presidente di questo organo e del Consiglio di Stato di Cuba Esteban Lazo Hernandez. Ana Maria Mari Machado e Homero Acosta Alvarez hanno assunto gli incarichi di vicepresidentessa e segretario, rispettivamente.

da Cubadebate traduzione di Ida Garberi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.