Russia-Cuba: firmato il più importante contratto congiunto

L’Ambasciatore russo a L’Avana, Andréi Guskov, ha dichiarato a Sputnik che il presidente della Russia, Vladímir Putin, ha accettato l’invito del suo omologo cubano, Miguel Díaz-Canel, di visitare l’Isola.

La data per realizzare il viaggio «si studierà in funzione dell’agenda del Capo di Stato, così come del calendario dei contatti bilaterali di alto e massimo livello», ha aggiunto Guskov.

Durante il suo viaggio in Russia nell’ottobre scorso, Díaz-Canel aveva invitato il suo pari russo a visitare l’Isola e il presidente Putin ha assicurato che avrebbe approfittato sicuramente dell’occasione.

Mosca e L’Avana hanno una relazione politico-economica stimata dai loro leaders come strategica e approfondita negli ultimi anni con forti investimenti russi in vari settori vitali dell’economia cubana.

I prestiti che la Russia ha previsto di concedere a Cuba per realizzare progetti congiunti potrebbero superare i mille milioni di euro, ha precisato l’ambasciatore russo a L’Avana, Andréi Guskov.

Il diplomatico ha spiegato nell’intervista che i nuovi crediti russi si concedono al paese dei Caraibi per implementare diversi progetti congiunti, tra i quali ha segnalato l’importante contratto per modernizzare le infrastrutture ferroviarie di Cuba.

«Una parte importante del finanziamento –quasi 900 milioni di euro– si assegnerà attraverso crediti commerciali delle banche russe», ha detto.

L’ambasciatore russo ha detto che i lavori di disegno nella cornice di un contratto per modernizzare le infrastrutture ferroviarie di Cuba sono iniziati nel mese di gennaio.

Il Governo di Cuba e la compagnia Ferrovie della Russia, RZD, hanno firmato nell’ottobre scorso un contratto per il restauro e la modernizzazione delle infrastrutture ferroviarie cubane. Questo contratto, valutato in 1880 milioni di euro, è il più importante mai firmato con Cuba nella storia della Russia moderna.

«Si tratta di un megaprogetto d’infrastrutture che ha una grande importanza non solo economica, ma anche sociale per Cuba», ha risaltato Guskov.

Il diplomatico ha assicurato che la Russia continuerà ad appoggiare «con tutti i mezzi» questo progetto, che prevede il disegno la riparazione e la modernizzazione di più di mille Km. d’infrastruttura ferroviaria dell’Isola con materiali ed apparecchi russi.

Poi ha aggiunto che: «Noi siamo disposti a studiare le possibili proposte dei soci cubani per continuare a rinforzare la capacità di difesa della Repubblica di Cuba», ha assicurato.

Il diplomatico ha ricordato che la cooperazione tecnico-militare è «uno degli ambiti più importanti dell’interazione» tra le due nazioni.

«Le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba sono equipaggiate in gran misura con armi e apparecchi bellici di fabbricazione sovietica e russa, includendo sistemi di difesa anti aerea e di missili e artiglieria costieri», ha ricordato.

I due paesi stanno mettendo in pratica altri progetti come «la seconda fase della modernizzazione dell’ Impresa Siderurgica José Martí o Antillana de Acero, il recupero di dieci unità generatrici da 10 MW ognuna in centrali termiche cubane, la ricostruzione delle fabbriche dell’industria tessile di Cuba, la seconda fase della consegna di locomotive da parte dell’Impresa Sinara Transport Machines, e lo sviluppo d’ impianti d’assemblaggio del Gruppo GAZ in Cuba», ha dettagliato.

Il diplomatico ha sottolineato che i fondi che s’investono nell’economia cubana si recupereranno attraverso la cancellazione dei crediti.

Mosca e L’Avana stanno ponendo in marcia un foglio di rotta per modernizzare il sistema energetico cubano e ridurre la dipendenza del paese dagli idrocarburi importati, ha segnalato l’Ambasciatore russo in Cuba, che ha ricordato che il foglio di rotta del programma «Sviluppo del settore del combustibile e dell’energia, e rafforzamento della sicurezza energetica di Cuba» è stato firmato durante una riunione della Commissione Intergovernativa Russo-Cubana per la collaborazione economico -commerciale e scientifico-tecnica, realizzata nel settembre scorso a Mosca.

Oggi la Russia è il secondo socio commerciale di Cuba in Europa e il quinto nel commercio de L’Avana nel mondo.

Il Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel, ha segnalato, parlando delle relazioni tra le due nazioni, che oggi attraversano il loro migliore momento degli ultimi 20 anni e le ha definite strategiche. Inoltre ha messo in risalto la partecipazione della Russia ai piani di sviluppo sociali ed economici dell’ Isola sino al 2030.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.