Cuba: solidarietà con Vzla

Il Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez,  ha allarmato  sui piani di destabilizzazione USA contro il Venezuela ed ha avvertito che possono essere parte di una manovra per sviare l’attenzione dalla pandemia ne suo paese e per ottenere inoltre favori elettorali.


Il mandatario cubano nella rete sociale Twitter ha scritto che la manovra imperiale è un tentativo d’evitare i gravi problemi nel territorio statunitense: «L’attacco contro il Venezuela e contro il presidente Nicolás Maduro, è un attacco all’America Latina come Zona di Pace. La manovra imperiale è un tentativo di fuga dai problemi interni in un anno elettorale. Mentre i governi della regione e del mondo ci uniamo contro la pandemia COVID-19, l’impero minaccia i nostri popoli».

Il cancelliere Bruno Rodríguez ha condannato il messaggio scritto dal Dipartimento di Stato nella stessa rete sociale, che responsabilizza il capo di Stato venezuelano di presunti affari di narcotraffico e crimini di terrorismo, cose da squilibrati e molto difficili da provare.

«Condanno l’immorale accusa degli USA contro il presidente Nicolás Maduro e il Venezuela di narcoterrorismo. Si basa in vergognose falsità.

Anche in tempi di COVID-19, il Governo degli USA  dimostra d’essere la minaccia principale alla pace e alla tranquillità di  Nuestra América».

Da Caracas, il cancelliere venezuelano Jorge Arreaza ha scritto nella stessa rete sociale: «Nel momento in cui l’umanità sta affrontando la più feroce delle pandemie, il governo di Donald Trump attacca nuovamente il popolo del Venezuela e le sue istituzioni democratiche», e poi ha risaltato la posizione della Russia e degli organismi internazionali che reclamano l’eliminazione delle misure coercitive unilaterali, nel momento in cui è necessaria la cooperazione per vincere la pandemia.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.