L’ingerenza USA e l’alto prezzo pagato dai cubani

Il popolo di Cuba sta pagando un prezzo alto per difendere la sua sovranità contro l’interferenza nei suoi affari interni da parte del Congresso USA, dicono oggi gli analisti.

Mercoledì di questa settimana, la Camera dei Rappresentanti ha votato una risoluzione che condanna il governo cubano e sostiene le proteste sull’isola, ignorando il fatto che queste proteste sono promosse e finanziate dagli USA, secondo le prove presentate dalle autorità cubane e dalle organizzazioni popolari.

Il deputato Jim McGovern (Massachusetts), uno dei democratici che ha votato contro la risoluzione, ha difeso la sua decisione sottolineando che la misura non ha riconosciuto “il ruolo che gli Stati Uniti svolgono nel contribuire alla sofferenza dei cubani comuni”.

La risoluzione afferma che si concentra su “esprimere solidarietà con i cittadini cubani che manifestano pacificamente per le libertà fondamentali, condannando gli atti di repressione del regime cubano e chiedendo l’immediato rilascio dei cittadini cubani arbitrariamente detenuti”.

Il ministro degli Esteri di Cuba, Bruno Rodríguez, ha descritto la politica della Casa Bianca verso Cuba sul suo account Twitter come ipocrita e ha accusato il governo degli Stati Uniti di finanziare azioni sovversive contro il suo paese.

Negli ultimi giorni, il governo cubano ha presentato numerose prove di legami tra i promotori di una marcia illegale e i rappresentanti di organizzazioni come la Fondazione Nazionale Cubano-Americana e il Movimiento Democracia, con sede in Florida.

Settori dell’ultradestra cubano-americana in Florida, così come rappresentanti del governo, hanno espresso il loro appoggio a questa azione e hanno ribadito il loro desiderio che essa provochi un cambio di regime nell’isola.

In questo senso, specialisti di diversi rami sociali mettono in guardia sulla guerra non convenzionale o colpo di stato morbido che si sta tentando a Cuba, seguendo i parametri di una presunta lotta non violenta.

Recentemente, alcuni analisti internazionali hanno affrontato la questione e hanno sottolineato che i cubani stanno pagando un prezzo elevato per mantenere la loro sovranità e sostenere un progetto indipendente dagli Stati Uniti.

L’argentino Ricardo Aronskind, economista e master in relazioni internazionali, in un articolo pubblicato sul sito “El Cohete e la Luna” ha detto che “è tutto così grottesco. I “media internazionali” sono così prevedibili, suonano all’unisono la stessa sinfonia, l’improvvisa sensibilità ai diritti umani, alle privazioni sofferte da un popolo latinoamericano”.

“Se ora vogliamo essere i crociati dei diritti umani, cominciamo a parlare seriamente e non secondo i tagli che il Dipartimento di Stato sta preparando per noi”, ha detto, riferendosi alla manipolazione di Washington in questo campo.

La rivoluzione cubana non è perfetta ma è perfettibile, ha detto recentemente Israel Rojas, la voce principale del duo cubano Buena Fe, rivolgendosi ai disordini finanziati da Washington in una vasta operazione per cercare di spostare verso il capitalismo il governo socialista sostenuto dalla grande maggioranza dei cubani.

Questa sfida è affrontata oggi dai cubani che, sottoposti a più di 60 anni di blocco in tutti i sensi (economico, commerciale e finanziario), rifiutano di cedere la loro sovranità e indipendenza agli Stati Uniti.

La campagna SOS Cuba promossa sui social network da una società statunitense con sede in Florida è un esempio dei piani di Washington.

Da lì, settori ostili tengono in ostaggio la politica della Casa Bianca verso Cuba e parlano sempre di libertà e diritti umani, nascondendo il fatto che la politica verso l’isola è un affare privato di molti che fanno carriera e fortuna promuovendo aggressioni e cambi di regime.

Per anni, Washington ha fatto sforzi, finanziato, manipolato e fatto ricorso a tutti i mezzi per stravolgere il corso stabilito dalla grande maggioranza dei cubani nella loro Magna Carta.

Per più di 60 anni ha promosso la destabilizzazione, introducendo malattie, privando i cubani del cibo e cercando di creare disordini, secondo le denunce delle autorità locali, delle organizzazioni internazionali e dei movimenti di solidarietà nel mondo.

Niente di tutto ciò è sorprendente, ma è sorprendente che gli strateghi di Joe Biden abbiano deciso di permettere – ancora una volta – a Miami di definire la politica estera verso Cuba, secondo David Brook, editorialista del New York Times.

Secondo l’opinione dell’ex ambasciatore di Cuba a Washington José Ramón Cabañas, coloro che mantengono una posizione estrema sono quelli legati a programmi di cambio di regime, finanziati da organizzazioni con un passato terrorista e i cui legami con i promotori della sovversione sono già stati dimostrati. (PL)

Fonte: Siempre con Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.