Tag Archives: Carlos Alberto Montaner

Gennaio 1961: un inizio di grande tensione e pericolo

55 anni fa, prima di lasciare l’incarico, Eisenhower tentò d’invadere Cuba e ruppe le relazioni diplomatiche con Cuba

 E.Suarez Perez – Acelia Caner Roman http://www.granma.cu

rompono relazioniNegli ultimi giorni del 1960 e i primi del 1961 -mentre il popolo cubano si preparava, con entusiasmo, a dar inizio alla Campagna di Alfabetizzazione che avrebbe sradicato l’analfabetismo ed aperto ai cubani una vita di grandi cambiamenti e speranze-, il presidente uscente USA, Dwight D. Eisenhower, accelerava i piani d’invasione diretta di Cuba per attuarli prima del 18 gennaio 1961, data in cui John F. Kennedy, avrebbe assunto la presidenza. Così Kennedy avrebbe dovuto iniziare il suo mandato affrontando i fatti compiuti.

Continue reading “Gennaio 1961: un inizio di grande tensione e pericolo” »

Share Button

Cubainformacion: terroristi e omertà mediatica

Share Button

L’ingrata

Arthur Gonzalez https://heraldocubano.wordpress.com

yoani lavandaYoani Sánchez Cordero, diventata blogger di successo grazie alla CIA nella sua guerra mediatica contro la Rivoluzione cubana, ha ricevuto negli USA, ovviamente, il premio Knight di giornalismo internazionale 2015, un riconoscimento in più alla sua lunga lista, come formula progettata per darle popolarità mondiale, qualcosa che Gabriel García Márquez mai ha ricevuto così ripetutamente.

Continue reading “L’ingrata” »

Share Button

Di estradizioni, molto da raccontare

Arturo González https://heraldocubano.wordpress.com

ZioSam justiciaSecondo i rapporti di alcuni media di stampa, d’USA e d’Europa, le delegazioni provenienti da Washington e L’Avana hanno recentemente tenuto un nuovo ciclo di negoziati alla ricerca di una migliore comprensione tra entrambe le nazioni, nel quale si è affrontato la spinosa questione della richiesta di estradizione, da parte degli USA, per ottenere la detenzione di alcuni cittadini richiesti dalla giustizia e che si suppone siano a Cuba.

Continue reading “Di estradizioni, molto da raccontare” »

Share Button

Cubainformacion: dalla Grecia a Yoani

Share Button

I Piranha contro Cuba …

http://percy-francisco.blogspot.it

Edmundo García (www.latardesemueve.com)

Piranha_3D_6Questo non è un articolo su ecologia o ittiologia, è sulla politica. Nel giornalismo anti-cubano che si fa a Miami c’è una lunga famiglia che condivide stile, obiettivi e sopratutto l’appetito vorace per lo stipendio.

Continue reading “I Piranha contro Cuba …” »

Share Button

ONG People in Need ed Europe-Cuba Network

Daniesky Acosta https://lasantamambisa.wordpress.com

people in needQuesto 10 e 11 giugno giugno si realizzerà il II Vertice tra la Comunità degli Stati Latinoamericani e l’Unione Europea (CELAC-EU) in Bruxelles, con l’obiettivo di valutare il rapporto biregionale tra le due parti.

Continue reading “ONG People in Need ed Europe-Cuba Network” »

Share Button

Terrorista accusa Papa Francesco

Arthur Gonzalez https://heraldocubano.wordpress.com

Montaner-Valladares

Un peccatore nato, condannato all’inferno per collocare petardi  incendiari in centri commerciali e cinema dell’Avana, nei primi anni del decennio ’60, ha l’audacia di accusare Papa Francisco di essere un eccentrico.

Continue reading “Terrorista accusa Papa Francesco” »

Share Button

Yoani Sanchez e il suoi misteriosi investitori …

Ricardo Estevez – Miradas Encontradas

14madeinusaUn’altra volta Yoani Sanchez vuole essere notizia, e per questo non esita ad utilizzare la sua arma preferita “la menzogna”. Questa volta non ha esitato a pubblicare un articolo riassumendo la gestione annuale del suo mal chiamato “periodico indipendente”, dando l’impressione che tutto è stato un successo e così cancellare la sensazione latente di fallimento nei suoi sponsor o burattinai.

Continue reading “Yoani Sanchez e il suoi misteriosi investitori …” »

Share Button

Vertice di Panama, svolta della storia

Arthur Gonzalez https://heraldocubano.wordpress.com

VII cumbre panamaLa prossima riunione dei leader latino-americani con gli USA, che si terrà a Panama City il prossimo aprile, segnerà un prima e un dopo per la partecipazione di Cuba. Esclusa per decisione di Washington da quando, nel gennaio 1962, il Dipartimento di Stato concentrò i suoi sforzi in occasione della riunione dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione degli Stati Americani, OSA, e fece pressione sui suoi membri perché approvassero una risoluzione che condannava e isolava l’isola dal resto dell’Emisfero, Cuba ritorna al suo naturale spazio con piena dignità e senza fare concessioni.

Continue reading “Vertice di Panama, svolta della storia” »

Share Button

La sorpresa del destino

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

fidel-contraMai nessun famoso astrologo   o rilevante cartomante, hanno potuto prevedere il futuro che avrebbero i  membri della mafia terrorista anti-cubana, che  per mezzo secolo sono stati i protagonisti della politica USA contro la Rivoluzione cubana. Il  17 dicembre 2014 ha segnato la fine di un’era d’oro per alcuni prestanome del dittatore Fulgencio Batista e dei suoi discendenti, rifugiati a Miami dal 1959, in fuga dalla giustizia per gli assassinii, le torture e le loro appropriazioni indebite dei fondi pubblici. Nonostante avessero commesso fatti di sangue non sono mai stati estradati, ne sottoposti a processo.

Continue reading “La sorpresa del destino” »

Share Button

#Yotambienexijo. Di dove sono i cantanti?

Iroel Sánchez http://lapupilainsomne.wordpress.com

57anniLeggendo l’intensa copertura che i media stranieri, accreditati a Cuba, e altri come El Pais e The New York Times hanno fornito alla fallita “performance” convocata per lo scorso 30 dicembre in Piazza della Rivoluzione a L’Avana sembrerebbe di tratti dello scontro tra un’artista che da sola sfida un governo autoritario da un lato e dall’altro uno stato di polizia che schiaccia un’iniziativa artistica a cui, spontaneamente, si sono uniti un gruppo di “attivisti” e “dissidenti pacifici” all’interno dell’isola.

Continue reading “#Yotambienexijo. Di dove sono i cantanti?” »

Share Button

Prestidigitazione all’ingrosso

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

Yoanilibertad-de-prensaNon per il fatto di essere nota smettono di risultare burlesche le dichiarazioni della blogger ufficiale di Washington Yoani Sanchez. Nel corso di una conferenza stampa che le le hanno organizzato i suoi sponsor, l’8 novembre a Miami, la divenuta blogger per opera e grazia della CIA, ha spiegato che “il Governo di Cuba ha una cyber – polizia che si getta in rete come fosse un campo di battaglia ideologico al fine di denigrare gli oppositori e gli attivisti”.

Continue reading “Prestidigitazione all’ingrosso” »

Share Button

Il timore degli anticubani

Arthur Gonzalez  http://heraldocubano.wordpress.com

MafiaInCubaMiamiPer quale ragione gli anti cubani residenti negli USA temono tanto un cambiamento della politica nei confronti di Cuba?

Nei giorni scorsi, il quotidiano “The New York Times” ha pubblicato un editoriale in cui ha esposto una serie di considerazioni che deve tenere in conto il presidente Barack Obama al fine di cambiare la vecchia e arcaica politica contro Cuba. Benché molte di esse siano inesatte e sostengano le azioni attuate, da mezzo secolo, dalle varie amministrazioni nordamericane, esorta l’attuale presidente ad ascoltare l’appello mondiale per eliminare il criminale Blocco economico, commerciale e finanziario strutturato dall’allora Presidente JF Kennedy per far arrendere per fame il popolo cubano, qualcosa non raggiunto neanche dopo il successo ottenuto dalle misure sviluppate per rovesciare il socialismo europeo.

Continue reading “Il timore degli anticubani” »

Share Button

La CIA allo scoperto

Il Costarica nella Strategia Mediatica contro la Rivoluzione cubana

Raúl Antonio Capote (ex agente Daniel)
http://eladversariocubano.wordpress.com

fidelclavaLa recente presenza di diversi elementi controrivoluzionari (contras ndt) in Costarica, forma parte della nuova strategia mediatica creata, organizzata e diretta dai servizi speciali USA, principalmente la CIA, al fine di dare visibilità alla controrivoluzione cubana posizionandola vicino ai centri di potere politico, sociale e delle comunicazioni.

Continue reading “La CIA allo scoperto” »

Share Button