Soldi e menzogne vanno di pari passo

 Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

$(KGrHqJHJ!4FBPo+)gpmBQWJZsdWyg~~60_57Senza il minimo pudore o paura di peccare davanti a Dio, Elizardo Sanchez-Santacruz Pacheco, il più antico salariato degli Stati Uniti a L’Avana, é recentemente tornato da un viaggio all’estero dove ha ricevuto nuove istruzioni su come gestire le sue campagne mediatiche contro la Rivoluzione cubana, cariche di falsità e mendaci dichiarazioni; ragioni per le quali ha potuto vivere senza lavorare per 40 anni, grazie ai finanziamenti ricevuti da Miami. Nel suo ultimo rapporto su Cuba, Elizardo in nome del piccolo gruppo controrivoluzionario che ha creato, negli anni ’80, e composto da lui, la sua concubina e qualche altro complice per guadagnare un pò di dollari, offre una situazione “spaventosa” di Cuba, quando assicura che,  nel mese di maggio, sono avvenuti 1200 arresti di dipendenti di Miami.

Questa notizia non è casuale, ovviamente cerca di demonizzare la Rivoluzione cubana nei media USA, in un momento in cui vi è un movimento  a favore del cambiamento della politica della Casa Bianca nei confronti di Cuba. Continue reading “Soldi e menzogne vanno di pari passo” »

Share Button

Menchù e Esquivel inviano un messaggio alla giornata per i Cinque a Washington

10438805_10204042600530182_920938512_n

http://it.cubadebate.cu

esquivel-menchúI premi Nobel Rigoberta Menchù, guatemalteca, ed Adolfo Perez Esquivel, argentino, hanno inviato il loro messaggio di appoggio ad una giornata che si celebra a Washington a beneficio di tre dei Cinque cubani incarcerati negli Stati Uniti.

Questi testi, come quello del teologo brasiliano Frei Betto, sono stati letti oggi poco prima dell’inizio della conferenza Nuova Era nelle Relazioni Stati Uniti-Cuba che si svolgerà tra il 5 ed il 6 giugno, dentro il programma della III Giornata Cinque giorni per i Cinque a Washington D.C. Continue reading “Menchù e Esquivel inviano un messaggio alla giornata per i Cinque a Washington” »

Share Button

Ileana Ros-Lehtinen: dietro ad ogni nuovo piano golpista contro il Venezuela

 

ileana ros terrorista y fascista

Jean-Guy Allard  http://islamiacu.blogspot.it

La mafia “cubana” di Miami – un meccanismo della CIA articolato già più di mezzo secolo fa per attaccare Cuba – dà, come non mai, la massima priorità al piano statunitense per destabilizzare il governo del Venezuela e ha consacrato la congressista Ileana Ros Lehtinen come promotrice di ogni nuova iniziativa interventista.

Ultima di queste assurdità, sostenute dalla congressista, é una “Federazione Cuba Venezuela”, presieduta dalla cubana Betania Rodriguez, rappresentante della Città di Doral; e della cui presidenza fa parte Jessica Armada studentessa venezuelana che preferisce le guarimbas  (azioni di disturbo e protesta ndt) ai banchi della facoltà. Consigliare della “Federazione Cuba Venezuela” saranno i noti membri del MRR Saturnino Labaut e Rolando Martinez ed anche Angel Cuadras dell’Ex Club, tutti terroristi che hanno storicamente agito sotto il manto protettore di Ileana Ros. Continue reading “Ileana Ros-Lehtinen: dietro ad ogni nuovo piano golpista contro il Venezuela” »

Share Button

Prove della sovversione yankee contro il Venezuela

venezuela

Ángel Guerra Cabrera http://lapupilainsomne.wordpress.com

Gli Stati Uniti non possono continuare ad occultare la loro attiva partecipazione alla cospirazione ed alle azioni destabilizzanti che si attuano dal 12 febbraio in Venezuela, sono ormai quattro mesi, e che includono l’assassinio del presidente Nicolas Maduro e di altri alti funzionari.

Maduro ha annunciato, questa settimana, che il suo governo ha le prove sul piano del golpe e dell’assassinio ottenuti attraverso un’indagine, che grazie ad intercettazioni disposte dal giudice, ha monitorato le telefonate e centinaia di messaggi di posta elettronica scambiati tra i leader dell’opposizione Maria Corina Machado, Henrique Salas Römer e Diego Arria e tra questi e persone all’estero, tra cui niente meno che funzionari del Dipartimento di Stato di Washington dai loro account ufficiali. L’indagine, di cui è stato dato un anticipo il 28 maggio, identifica come elementi importanti della trama cospirativa l’ambasciatore USA in Colombia, Kevin Whitaker, e come uno dei suoi finanziatori Eligio Cedeño, banchiere latitante dalla giustizia venezuelana rifugiato negli Stati USA.  […] Continue reading “Prove della sovversione yankee contro il Venezuela” »

Share Button

Camila Vallejo chiede ad Obama la libertà degli antiterroristi cubani

10438805_10204042600530182_920938512_n

http://lapupilainsomne.wordpress.com

Santiago, 5 maggio 2014

SR. BARACK OBAMA
PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI

727Signor Presidente :

Attraverso questa lettera, voglio unirmi al clamore espresso da un gran numero di esseri umani in tutto il mondo, tra cui artisti, intellettuali, parlamentari, giuristi e persone di buona volontà, che si aspettano da Lei una decisione di elementare giustizia, in particolare tenendo conto della sua qualità di Premio Nobel per la Pace.

Si tratta dell’indulto a 3 cittadini cubani, ingiustamente detenuti nelle carceri del suo paese  solo per cercare di proteggere Cuba da atti terroristici pianificati nel territorio degli Stati Uniti. Continue reading “Camila Vallejo chiede ad Obama la libertà degli antiterroristi cubani” »

Share Button

Gerardo oggi compie 49 anni

gerardo-4junio

Dalla difesa  presentata da Gerardo Hernandez Nordelo nell’udienza del 12.12.2001 

[…] il PM ritiene, e così l’ha richiesto, che io devo passare il resto della mia vita in carcere. Confido che se non in questo, in un altro livello del sistema, la ragione e la giustizia prevarranno sui preconcetti politici e sui desideri di vendetta e si comprenderà che non abbiamo arrecato alcun danno a questo paese per meritare una simile condanna. Tuttavia, se così non fosse, mi permetterei di ripetere le parole di uno dei più grandi patrioti di questa nazione, Nathan Hale quando disse: “Lamento solo di avere una sola vita da offrire alla mia patria”. […]

Share Button

Inizia la Giornata Internazionale Cinque giorni per i Cinque a Washington

Azioni in 40 paesi in appoggio alla Giornata per i Cinque negli USA Numerose azioni  simultanee sono state confermate in circa 40 paesi in appoggio alla 3ª Giornata di Denuncia e Solidarietà Cinque Giorni per i Cinque, che comincia oggi a Washington DC, capitale degli Stati Uniti.

10438805_10204042600530182_920938512_n

Deisy Francis Mexidor

L’incontro che durerà sino all’11 giugno vuole aumentare la pressione politica internazionale a favore di una definitiva soluzione al caso dei Cinque antiterroristi cubani, tre dei quali, Gerardo Hernández, Ramón Labañino e Antonio Guerrero, sono sempre reclusi.

Secondo il programma è prevista una conferenza tra il 5 e il 6 detta “La nuova era delle relazioni tra gli USA e Cuba” accettando il crescente clamore che giunge da differenti settori per il ristabilimento di questi vincoli, rotti unilateralmente da Washington nel 1961. Continue reading “Inizia la Giornata Internazionale Cinque giorni per i Cinque a Washington” »

Share Button

Venezuela: 162 attacchi contro medici cubani

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

162 attacchi contro medici cubani in Venezuela non sono una notizia: non erano cooperanti europei

 

cubaNegli ultimi due mesi, sono state registrate in Venezuela 162 aggressioni contro medici cooperanti di Cuba. Alcuni giorni fa, il governo venezuelano ha decorato due di queste persone che erano quasi state bruciate vive in un attacco di oppositori contro un centro medico nello stato Lara (1).

Continue reading “Venezuela: 162 attacchi contro medici cubani” »

Share Button

Ciò che Fariñas sempre cerca e ancora più quando c’é la “stampa estera”

farina

 Norelys Morales Aguilera http://islamiacu.blogspot.it

Non è la prima volta che Guillermo Fariñas dopo essersi  incontrato con i suoi collaboratori, per i quali  é più che sufficiente la sala di casa sua, decide di terminare la conversazione con una provocazione pubblica.

Ma, questo 2 giugno, il gruppuscolo guidato dal detentore del record di scioperi della fame, amico dei terroristi di Miami, voleva fare la sua buffonata in grande e l’affare si è sparso come polvere. La gente non gli voleva permettere  che mentendo come fa, annunciasse al mondo “la realizzazione di una manifestazione con il sostegno popolare”. Continue reading “Ciò che Fariñas sempre cerca e ancora più quando c’é la “stampa estera”” »

Share Button

La rabbia dell’imperialismo

images

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com/

Tutto ciò che migliora la situazione di Cuba dal punto di vista economico, finanziario o politico fa soffrire il governo USA sino ad infiammargli il fegato.

Recentemente Cuba e gli Emirati Arabi Uniti hanno firmato un accordo di “cieli aperti” per le operazioni delle rispettive compagnie aeree, ciò che, in parte, rompe il ferreo blocco imposto dagli Stati Uniti contro l’isola caraibica, da più di mezzo secolo.

L’accordo consentirà alle compagnie aeree di entrambi i Paesi di operare un numero illimitato di voli tra le loro capitali ed altre città. Continue reading “La rabbia dell’imperialismo” »

Share Button

La SIP accusa l’Avana

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

murato1Seguendo gli orientamenti di coloro che la pagano, a Washington, l’Inter American Press Association (SIP), ha accusato Cuba di “censurare”, al momento del lancio,  l’accesso al nuovo libello della blogger ufficiale  Yoani Sánchez Cordero.

14ymedio é il nome del giornale online, made in USA, e, come è normale, la SIP a tutta velocità si é lanciata per pronunciarsi contro il governo cubano.

Assume atteggiamento opposto quando le notizie provengono dall’isola; per le censure imposte dal governo degli Stati Uniti non c’è lo stesso trattamento. Continue reading “La SIP accusa l’Avana” »

Share Button

Società USA e Yoani Sánchez violano l’ ’embargo’

 Norelys Morales Aguilera Blog Isla Mía

Yoani-14ymedio1-300x201Già si sa che Yoani Sanchez è esente dal blocco dato che le forniscono denaro. Finora nessuno ha spiegato come sia possibile che il blog GY, possa accettare Paypal, un sistema di pagamento  che non è disponibile a nessuno residente nell’isola a causa delle sanzioni economiche di Washington; così come registrare il suo dominio attraverso la società USA GoDaddy anche ciò vietato da queste sanzioni economiche, che l’Ufficio di Controllo degli Attivi Stranieri (OFAC) s’incarica di verificare. [1]

La storia si ripete con il sito 14ymedio.com, la cui promozione è stato un fatto poco usaule. Questo 25 maggio il “nuovo media di Yoani Sanchez” registrava 75600 risultati su Google News, mentre la visita del presidente della “Camera di Commercio statunitense a Cuba” e la “Lettera aperta di personalità ad Obama per un cambiamento di politica” ne hanno avuto 1130 e 1860, rispettivamente. Continue reading “Società USA e Yoani Sánchez violano l’ ’embargo’” »

Share Button

Il timore degli irriducibili di Miami

images

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

Coloro che accusano Cuba di essere intollerante, di non accettare cambi nella libertà di pensiero, ora d mostrano il loro vero fanatismo nei confronti di coloro che, senza essere amici della Rivoluzione né qualcosa che gli assomigli, hanno chiesto al presidente Barack Obama, che ammorbidisca il blocco economico imposto 53 anni fa contro il popolo cubano.  Vari dei più accaniti nemici del processo rivoluzionario, come il vecchio agente della CIA Carlos Alberto Montaner, hanno perso le staffe al percepire che Obama potrebbe implementare alcuni cambiamenti nel blocco commerciale, economico e finanziario, e almeno consentire ai cittadini USA di viaggiare, a Cuba, in piena libertà, senza richiedere una licenza del Dipartimento di Stato. Continue reading “Il timore degli irriducibili di Miami” »

Share Button

E se la cospirazione fosse contro Obama e non contro Maduro?

Edmundo García (www.latardesemueve.com)

venezuelarespetaCome è noto, il governo del Venezuela ha recentemente mostrato un gruppo di prove raccolte attraverso un’investigazione criminale e penale sulle azioni di persone come Maria Corina Machado, legate alla politica pubblica o al parlamento venezuelano, l’Assemblea Nazionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Include anche imprenditori in piani di tentato omicidio, d’assassinio, contro il Presidente Costituzionale di quel paese Nicolás Maduro.

Queste prove. sufficienti per dimostrare la traditrice cospirazione, che esiste, contro il governo costituzionalmente eletto del Venezuela, costituiscono sono solo la punta dell’iceberg di tutto ciò che si andrà a rivelare, come ha appena detto il Presidente  Maduro. Continue reading “E se la cospirazione fosse contro Obama e non contro Maduro?” »

Share Button

Obama ascolta solo i talebani…dell’Afghanistan o di Miami

cinco-gross

di Iroel Sanchez http://lapupilainsomne.wordpress.com

Tutti i mezzi di comunicazione del mondo parlano del fatto che il governo del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha concordato con i talebani il rilascio di cinque prigionieri detenuti nel carcere illegale di Guantanamo illegale in cambio di un soldato USA imprigionato da tale organizzazione in Afghanistan.

Tuttavia, il richiesto accordo umanitario per scambiare un “contractor” USA, condannato a Cuba per crimini contro la sicurezza dello Stato, mentre lavorava per il governo degli Stati Uniti per tre dei Cinque prigionieri cubani che monitoravano le attività dei gruppi terroristici nel sud della Florida è ancora in attesa della valutazione della Casa Bianca su sfidare l’estrema destra di Miami. I due antiterroristi cubani rimessi in libertà sono usciti solo dopo aver scontato integralmente la condanna. Continue reading “Obama ascolta solo i talebani…dell’Afghanistan o di Miami” »

Share Button

informare x vincere