Interscambi universitari

Share Button

Cuba: sfide del disgelo che viene dal Nord

Marina Zenobio http://popoffquotidiano.it

maleconLa normalizzazione nelle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti sta impegnando Cuba a vincere la diffidenza di chi è stato per anni educato ad affrontare grandi sfide, a resistere contro il nemico vicino e potente, a costruire un modello di socialismo efficiente, sostenibile e inclusivo, a diminuire il divario delle disuguaglianze sociali.

Continue reading “Cuba: sfide del disgelo che viene dal Nord” »

Share Button

50 verità sulla dittatura di Fulgencio Batista (II)

Salim Lamrani – http://operamundi.uol.com.br (link alla I parte)

batista_altares24726. Fidel Castro, che firmò un’alleanza con il Direttorio Rivoluzionario nella lotta contro Batista, era in disaccordo con l’assassinio politico: “Eravamo contro Batista ma non abbiamo mai cercato di organizzare un attacco contro di lui e avremmo potuto farlo. Era vulnerabile. Era  molto più difficile combattere contro il suo esercito nelle montagne o provare a prendere una fortezza che era difesa da un reggimento. Quanti c’erano nella caserma Moncada, quel 26 luglio 1953? Quasi un migliaio di uomini, forse di più. Preparare un attacco contro Batista ed eliminarlo  era dieci o venti volte più facile, ma non l’abbiamo mai fatto. Forse il tirannicidio  è servito qualche  volta nella storia per fare la rivoluzione? Nulla cambia nelle condizioni oggettive che generano una tirannia […] Non abbiamo mai creduto nell’omicidio dei leader […], non credevamo che si annullava o si liquidava  un sistema,  eliminando i suoi leader. Combattevamo le idee  reazionarie, non gli uomini”.

Continue reading “50 verità sulla dittatura di Fulgencio Batista (II)” »

Share Button

50 verità sulla dittatura di Fulgencio Batista (I)

Salim Lamrani – http://operamundi.uol.com.br

Batista25355a_crop4La dittatura di Fulgencio Batista dal 1952 al 1958 rese più rapido l’avvento della Rivoluzione cubana. Alcuni miti, attentamente alimentati dai sostenitori del vecchio regime, esiliati a Miami, e dai detrattori di Fidel Castro, ancora persistono.

1. Il colpo di stato del 10 marzo 1952 organizzato da Fulgencio Batista, ex presidente della Repubblica dal 1940 al 1944, pose fine dell’ordine costituzionale e rovesciò il governo democraticamente eletto di Carlos Prio Socarràs, pochi mesi prima delle elezioni presidenziali del giugno 1952.

Continue reading “50 verità sulla dittatura di Fulgencio Batista (I)” »

Share Button

Operazione Patty (I)

I.Valdes Rodriguez https://elblogdeisraelvaldes.wordpress.com

3.prensacubanaL’11 agosto, 1961 Cuba denuncia un vasto piano di auto-aggressione dalla Base Navale di Guantánamo, strutturato dalla CIA con il nome di operazione Patty, che comprendeva l’assassinio di Fidel e Raul all’Avana e Santiago de Cuba. Ecco i dettagli del caso. Continue reading “Operazione Patty (I)” »

Share Button

ONU elogia il lavoro dei cooperanti cubani in Haiti

haiticubaIl lavoro dell Brigata Medica Cubana in Haiti è stato sottolineato da Mourad Wahba, rappresentante speciale aggiunto del Segretario Generale della ONU e Coordinatore Residente e Umanitario del Sistema delle Nazioni Unite.

Continue reading “ONU elogia il lavoro dei cooperanti cubani in Haiti” »

Share Button

Raul incontra vicepresidente venezuelano

raul vice venaJorge Arreaza ha incontrato il Presidente cubano per ratificare la diplomazia di pace che disciplina la legittima pretesa del Venezuela sull’Esequibo

Continue reading “Raul incontra vicepresidente venezuelano” »

Share Button

Messico: x i suoi giornalisti

Share Button

Centro America: un’altra volta il destino manifesto

Andres Mora Ramirez * http://www.alainet.org

usa invasionFive or none, le cinque o nessuna: tale era il motto che svolazzava sulle bandiere dei battaglioni di filibustieri che, al servizio del progetto schiavista degli oligarchi del sud degli Stati Uniti e dell’espansione dell’incipiente impero, si lanciarono sul Centro America alla metà del XIX secolo. Il tempo è passato -più di un secolo e mezzo- e il mondo, da allora, è tanto cambiato; ma quella funesta espressione: le cinque o nessuna, rimane in vigore come proclama di una voracità insoddisfatta nelle viscere del nord turbolento e brutale -a dire di José Martí.

Continue reading “Centro America: un’altra volta il destino manifesto” »

Share Button

UNPACU: aumenta violenza e corruzione

http://percy-francisco.blogspot.it

Jose daniel ferrerDopo che si è scoperta, nella cosiddetta UNPACU, la truffa, da parte del suo coordinatore nazionale, Jose Daniel Ferrer Garcia, e dei suoi compari più stretti, di 4500 $ inviati dall’estero per “contribuire alla lotta per la democrazia nel nostro paese” e che non sono mai apparsi sui libri paga dei “disinteressati patrioti”, un altro fatto di violenza torna a far notizia nelle file di questa dis-organizzazione e a mettere più sale su una piaga che da tempo è in suppurazione.

Continue reading “UNPACU: aumenta violenza e corruzione” »

Share Button

T’invito a credermi quando dico futuro?

https://lapupilainsomne.wordpress.com

poder-mediatico-deshumanizacion-periodismoQuesto articolo pubblicato su La Jornada, di Emir Sader, deve suonare nelle orecchie degli autori di alcune proposte trovabili in rete, per il futuro di Cuba, che prendono come modello per la nostra Costituzione e le nostre leggi ciò, che senza dubbio sono progressi nei paesi latino-americani con governi post-neoliberali ma che qui sarebbero solo retrocessi verso la perdita di potere per le maggioranze,  che oggi è instabile in tutte quelle repubbliche sorelle.

Continue reading “T’invito a credermi quando dico futuro?” »

Share Button

Messico: il freddo campo dell’assenza

Rossana Reguillo* https://nostramerica.wordpress.com

E ho aperto la bocca perché ne uscisse (la mia anima).

E se n’è andata via. Ho sentito quando è caduto sulle

mie mani il filo di sangue con cui era legata al mio cuore.

Juan Rulfo, Pedro Páramo

nadiavictimasSogno che sto camminando davanti a un colle. E’ un paesaggio desolato, secco, si sente il vento. Mi fermo e vedo cinque orologi per terra. Ne prendo uno, nessuno ha le lancette, non segnano niente. Il colle comincia a piangere sangue o così mi pare. Mi sveglio piangendo. Voglio scrivere ma non posso, le mie mani sono paralizzate sulla tastiera, l’impossibilità della scrittura davanti all’orrore, davanti a questo orrore e questa barbarie che chiamiamo Messico.

Continue reading “Messico: il freddo campo dell’assenza” »

Share Button

Ecuador: Correa allerta

Share Button

#CNNmiente

http://actualidad.rt.com

CNN-EmienteL’ ‘hashtag’ #CNNmiente è diventato virale dopo che la catena televisiva USA  ha divulgato, questo giovedì, un comunicato in cui ha riconosciuto il suo errore nell’informare su un “focolaio di saccheggi a Maracay” che non ha mai avuto luogo.
Continue reading “#CNNmiente” »

Share Button

Cuba è antimperialista, non anti-nordamericana

CubaBajaMortalidadInfantilQuando mancano pochi giorni all’innalzamento della bandiera statunitense nella sua nuova ambasciata de L’Avana, lo storiografo della città, Eusebio Leal, ha sottolineato che in Cuba non ci è mai stato un “sentimento anti-nordamericano, bensì un sentimento antimperialista.”

Continue reading “Cuba è antimperialista, non anti-nordamericana” »

Share Button

informare x vincere