La visita del presidente della Camera di Commercio degli USA

visita-1-28mayoIl presidente esecutivo principale Sr. Thomas J. Donohue è giunto a L’Avana ieri martedì. Lui e la delegazione che lo accompagna sono stati ricevuti dal ministro delle Relazioni Estere, Bruno Rodríguez Parrilla e da  Rodrigo Malmierca Díaz, ministro del Commercio Estero e l’Investimento Straniero, ed hanno conversato con loro.

Nel pomeriggio di ieri, martedì 27, è giunta a L’Avana una delegazione della Camera di Commercio degli Stati Uniti guidata dal presidente esecutivo principale, il Sr. Thomas J. Donohue, che viaggia accompagnato dai signori  Steve Van Andel, presidente della Giunta dei Dirigenti della  Camera di Commercio e presidente della compagni  AMWAY, e Marcel Smits, vicepresidente esecutivo e direttore finanziario della Corporazione Cargill.

La delegazione è formata da altri dirigente e funzionari della Camera di Commercio statunitense.

Dopo l’arrivo nella capitale cubana si sono svolte conversazioni con il ministro delle Relazioni Estere  Bruno Rodríguez Parrilla e con Rodrigo Malmierca Díaz, ministro del Commercio Estero e l’Investimento Straniero.

Durante il loro soggiorno in Cuba, incontreranno altri dirigente e visiteranno luoghi d’interesse vincolati principalmente al processo di attualizzazione del modello economico cubano.

Share Button

LaCubanada , nuova azione segreta per la sovversione a Cuba

   Noel Martinez Martinez www.cubadebate.cu

Usaid

Come da più di mezzo secolo, i nemici della Rivoluzione cubana continuano ad impegnarsi per cambiare il corso dell’isola e portare, Cuba, su percorsi incerti.

Continue reading “LaCubanada , nuova azione segreta per la sovversione a Cuba” »

Share Button

Qualcosa da ricordare

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

YoaniciaL’ 11 dicembre 1959, alla vigilia della celebrazione del primo anniversario del trionfo rivoluzionario in Cuba, J.C.King capo della Divisione dell’Emisfero Occidentale della CIA, inviò un memorandum al suo direttore, Allen Dulles, in cui esponeva la sua visione rispetto agli eventi sull’isola, la tendenza di sinistra dei suoi dirigenti e una serie di raccomandazioni per evitare i progressi di questa scuola di pensiero, in un’area dominata, a partire dalla fine del secolo XIX, politicamente ed economicamente dagli Stati Uniti.

Continue reading “Qualcosa da ricordare” »

Share Button

Lodati i benefici dell’Operazione Miracolo

Prensa Latina – Foto archivio

milagro-27mayoPiù di 2 milioni 577.000 persone hanno recuperato la vista  sino ad oggi, grazie all’Operazione Miracolo, un programma cubano – venezuelano che si sviluppa in numerosi paesi e i cui benefici sono stati apprezzati dalle autorità sanitarie nella OMS, a Ginevra.

Pilar González, direttrice del Piano Nazionale di Salute Rurale dell’Uruguay, ha dichiarato a PL che nel suo paese funziona dal 2007 il Centro Oculistico José Martí, in cui sono stati realizzati più d 40.000 interventi chirurgici gratuiti. Continue reading “Lodati i benefici dell’Operazione Miracolo” »

Share Button

Dichiarazione dei ministri degli Esteri di UNASUR

Il Consiglio dei Ministri e i Ministri delle Relazioni Estere,

1. In considerazione  della realizzazione prevista del  VII  Vertice delle Americhe a Panamá nel  2015,  che durante la 44ª Assemblea Generale della OEA che si realizzerà nel  giugno del 2014 in Asunción, il Gruppo di Revisione dell’Implementazione  dei Vertici (GRIC) discuterà elementi relazionati con la qualità del prossimo Vertice delle Americhe.

2. Ricorda le dichiarazioni di tutti i nostri presidenti Latinoamericani e, in particolare sudamericani, nel VI Vertice  delle Americhe, realizzato a Cartagena de Indias, in Colombia, nell’aprile del 2012, e la loro volontà che la fraterna Repubblica di Cuba sia presente nel prossimo Vertice delle Americhe senza condizioni e su un piano di uguaglianza.

3. Esprime la sua decisione di collaborare con le gestioni necessarie per far sì che Cuba sia presente nel prossimo Vertice delle Americhe.

Santa Cruz-Galápagos,

23 maggio del 2014.

Share Button

Venezuela e la doppia morale dei media occidentali

La maggioranza dei media informativi é incapace di mostrare imparzialità quando si tratta di affrontare la complessa realtà venezuelana

Salim Lamrani (Opera Mundi) 

venezuela-usaMentre le violenze mortifere che hanno colpito il paese dal febbraio 2014 sono azioni dell’opposizione, i mezzi informativi occidentali persistono nell’accusare il Governo democratico di Nicolas Maduro.

Continue reading “Venezuela e la doppia morale dei media occidentali” »

Share Button

Noam Chomsky alla Giornata di solidarietà con i Cinque a Washington

Radio Habana Cuba – Traduzione GM – Granma Internacionalcinqueobama

L’accademico Noam Chomsky assieme  a  giuristi, religiosi, scrittori, intellettuali, leaders sindacali e attivisti sociali, tre le molte personalità del mondo, parteciperà alla  III Giornata Cinque giorni per i Cinque Cubani, dal 4 all’11 giugno,  a Washington, per esigere la libertà degli antiterroristi ancora reclusi negli Stati Uniti.

“È un caso incredibile. Cuba offerse la sua cooperazione agli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo e di fatto il FBI inviò il suo personale  nell’Isola per informarsi.

Quello che è accaduto dopo è stato l’arresto dei cubani che si erano infiltrati nei gruppi di terroristi di Miami. È realmente ripugnante.  E credete che l’opinione pubblica è stata informata?

Nessuno sa niente di tutto questo.  Questi cubani s’infiltrarono nelle organizzazioni di terroristi radicate negli Stati Uniti, che violano le leggi del paese e che cos’è accaduto?  Hanno arrestato gli infiltrati e non i terroristi. È una cosa incredibile. Gli USA non hanno cooperato con Cuba nella lotta contro il terrorismo perchè questo conduce direttamente ai gruppi di terroristi radicati nello stesso territorio statunitense.

Si terranno conferenze di prestigiosi esperti del caso dei Cinque e le relazioni Stati Uniti -Cuba, e una manifestazione di fronte alla Casa Bianca per domandare la libertà di quei combattenti e la fine del blocco contro l’Isola.

Al reclamo per il ritorno degli antiterroristi Gerardo Hernández, Antonio Guerrero e Ramón Labañino, per farli tornare in Patria  si sommeranno inoltre l’attore  Danny Glover, l’attivista Angela Davis, lo scrittore Ignacio Ramonet, il teologo Frei Betto e molte altre personalità.

Gerardo, Antonio e Ramón fanno parte del gruppo dei Cinque, con René González e Fernando González, già tornati a Cuba dopo aver scontato tutta la loro ingiusta  condanna.

Share Button

Yoani Sanchez e C. A Montaner: un vecchio progetto

http://yohandry.com/

YoaniciaIo non conosco Yoani Sánchez né ho avuto legami con lei, ha ripetuto più e più volte Carlos Alberto Montaner quando cominciarono ad apparire i primi raggi di luce che lo legavano alla blogger cubana.

In realtà, questo progetto è una creazione della CIA ed é stato in Europa dove si realizzarono i primi contatti, formazione e le operazioni per ospitare il suo blog in modo sicuro e coordinare i futuri premi da consegnarle da parte del Gruppo Prisa, tra le altre istituzioni finanziate da organizzazioni di facciata della CIA.

Continue reading “Yoani Sanchez e C. A Montaner: un vecchio progetto” »

Share Button

Grande offensiva imperiale: i “generali” mediatici contro Venezuela

Stella Calloni  giornalista argentina, collaboratrice di Prensa Latina

L’impero ha lanciato la maggiore offensiva mediatica negli ultimi mesi, perché non si tratta ormai di manipolare l’informazione, una delle armi fondamentali contro l’insorgenza, ma dell’assoluta distorsione dei fatti diffusi dalla rete mondiale di mezzi che controlla il Pentagono, in una prova di preparazione per una guerra cibernetica, con un effetto paralizzante globale, superiore a quello che può causare una conflagrazione nucleare.

Venezuela e Ucraina (anche se non sono solo questi i paesi) in questo momento sono delle nazioni vittime di questa brutale prova mediatica in cui i “generali” non si vestono con la divisa, né sono al centro del conflitto, ma sono comodamente seduti nelle poltrone di comando nei dispacci dei grandi mezzi di comunicazione di massa del mondo, che in un 97% sono controllati dal potere egemonico. Continue reading “Grande offensiva imperiale: i “generali” mediatici contro Venezuela” »

Share Button

Non solo Zunzuneo

zunzuneo

Autore: Oscar Sánchez Serra www.granma.cu  23 maggio 2014


La nostra popolazione e l’opinione pubblica nordamericana ed internazionale hanno ricevuto nelle ultime settimane abbondanti informazioni circa le rivelazioni che l’agenzia di stampa statunitense Associated Press (AP), ha realizzato lo scorso 3 aprile su “Zunzuneo” progetto illegale, finanziato e realizzato dal governo degli Stati Uniti per sovvertire l’ordine interno a Cuba.

Continue reading “Non solo Zunzuneo” »

Share Button

ZunZuneo: il rumore della sovversione

 

zunzuneo

 

Sergio Alejandro Gómez  www.granma.cu

L’ agenzia statunitense Associated Press ha rivelato un programma segreto che ha usato fondi dei contribuenti USA per aggredire la Rivoluzione attraverso le nuove tecnologie Continue reading “ZunZuneo: il rumore della sovversione” »

Share Button

Da dove uscirà il denaro per il giornale di Yoani

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com
 
yoani-dineroYoani Sánchez Cordero,  giornalista in carriera per opera e grazia della CIA, ha di recente dichiarato, a Miami, che presto lancerà “il suo giornale”, ma non ha menzionato chi o coloro che le forniranno il denaro per far questo. Cuando nel 2003 era solo una emigrata cubana in Spagna, ha ricevuto un’allettante proposta di lavoro offerta dal vecchio ufficiale CIA Carlos Alberto Montaner, per diventare una blogger, ma le impose come condizione di tornare a Cuba, perché il suo lavoro doveva essere fatto dall’interno, alla ricerca di un’immagine più giovane della controrivoluzione interna.

Continue reading “Da dove uscirà il denaro per il giornale di Yoani” »

Share Button

La paga dei traditori

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

dissidenzaCome fece l’impero romano, anche l’imperialismo statunitense paga i traditori ma alla fine li disprezza. Questo si dimostra, di nuovo, con il rifiuto di un visto per emigrare negli Stati Uniti per coloro che sono stati fedeli subordinati degli yankee nell’ eseguire azioni terroristiche all’interno di Cuba.

In carcere dopo essere entrati illegalmente nell’isola, processati e condannati per piani di assassinio, Tomas Ramos , Egberto Escobedo Morales e Jesùs Manuel Rojas Pineda, ora non sono qualificati per l’ingresso in territorio USA per i loro precedenti violenti. Continue reading “La paga dei traditori” »

Share Button

Continua il piano

zunzuneo_tiosamArthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

Nonostante l‘ampia e forte denuncia dell’agenzia di stampa nord americana AP, sul programma  segreto per creare disturbi interni, a Cuba, mediante il Twitter ZunZuneo, il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie federali continuano l’esecuzione del piano di sovversione per arrivare ad una “primavera cubana”.

Continue reading “Continua il piano” »

Share Button

La Camera bassa USA respinge progetto chiusura Guantánamo

guantacloseLa Camera dei Rappresentanti statunitensi ha respinto con  247 voti a 177 un progetto che  autorizzava il presidente Barack Obama a chiudere il carcere nella base navale di Guantánamo, nell’est di Cuba.

Dal 2002 la Casa Bianca mantiene questo centro di detenzione nell’installazione navale che si trova in territorio cubano contro la volontà del Governo e del popolo dell’Isola.

L’iniziativa presentata dai democratici come parte del bilancio di difesa nazionale per l’anno fiscale 2015, voleva cancellare la proibizione di trasferimento dei detenuti in territorio continentale nordamericano e la chiusura della prigione a partire dal 2017.

Nel suo discorso sullo stato dell’Unione nel gennaio scorso, Obama aveva detto che il 2014 doveva essere l’anno in cui il Congresso doveva eliminare le restrizioni per il trasferimento dei detenuti e la chiusura definitiva del carcere, dove sono rinchiusi 154 prigionieri.

Con il suo primo incarico nel 2009, il capo della Casa Bianca aveva firmato un ordine esecutivo per chiudere la prigione in meno di un anno.

Un rapporto recente del Pentagono ha riconosciuto che la prigione costa circa 1000 milioni di dollari annualmente e l’ammontare totale supererà i 5000 milioni per la fine dell’anno fiscale 2014

Esistono numerose denunce sull’utilizzo di tecniche crudeli in questa prigione, come la privazione del sonno, la chiusura dei prigionieri nudi in celle gelide e gli interrogatori estenuanti.

Share Button

informare x vincere