Tag Archives: Vzla

Ballo in maschera all’OSA

Mike Pompeo quasi obbliga i paesi membri a non riconoscere il governo venezuelano di Nicolás Maduro e ha minacciato Caracas con forti misure se espelleva il personale diplomatico USA

Elson Concepción Pérez www.granma.cu

Continue reading “Ballo in maschera all’OSA” »

Share Button

Venezuela, esperto ONU, de Zayas, afferma che è golpe

teleSURwww.lantidiplomatico.it

Alfred de Zayas, ex esperto delle Nazioni Unite che ha visitato il Venezuela nel 2017 come rappresentante ONU, ha detto che gli Stati Uniti stanno conducendo un colpo di Stato illegale nel paese che è contrario alle leggi internazionali.

“E’ un tentativo di colpo di Stato. Ora, tutti crediamo nella democrazia… Non c’è niente di più antidemocratico di un colpo di Stato, e anche il boicottaggio delle elezioni”, ha commentato Zayas.

Continue reading “Venezuela, esperto ONU, de Zayas, afferma che è golpe” »

Share Button

USA e complici riconoscono un presidente fantasma

Álvaro Verzi Rangel, Estrategia – http://aurorasito.altervista.org

Nel mondo della post-verità tutto è possibile. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e alcuni complici governi latinoamericani, riconoscevano l’autoproclamato Juan Guaidó, presidente di un’Assemblea Nazionale decaduta e non votato da nessuno, a presidente ad interim del Venezuela, coll’appoggio di Washington.

Continue reading “USA e complici riconoscono un presidente fantasma” »

Share Button

Venezuela, gli USA provano un altro cambio di regime che fallirà

Moon of Alabama – http://aurorasito.altervista.org

Gli Stati Uniti sono intervenuti nel Venezuela, ricco di petrolio almeno dagli inizi del 2000. Diversi tentativi sostenuti dagli Stati Uniti per spodestare il governo socialista, prima con Chavez e poi con Maduro, fallirono. Ma le sanzioni economiche degli Stati Uniti e dei loro lacchè hanno reso più difficile la vita per gli affari e il popolo in Venezuela.

Continue reading “Venezuela, gli USA provano un altro cambio di regime che fallirà” »

Share Button

Perchè il Venezuela?

Il Venezuela soffre oggi il peggiore attacco nella storia  della Rivoluzione Bolivariana.

Gli Stati Uniti sono decisi a far cadere il governo di Nicolás Maduro e, con altri governi oligarchici della regione e la OSA hanno violato tutte le norme del Diritto Internazionale che esistono, ed hanno riconosciuto un oppositore che si è proclamato «presidente» in un meeting con alcuni nottambuli  della destra più reazionaria che cercano quote di potere in un’ipotetica spartizione della torta, se si elimina l’attuale amministrazione legittima, democratica e rivoluzionaria.

Continue reading “Perchè il Venezuela?” »

Share Button

Cina e Russia con Maduro

La portavoce del Ministero degli Esteri cinese dichiarava che il suo Paese segue da vicino la situazione politica in Venezuela. La Cina oggi esprimeva sostegno al governo venezuelano e censurava l’”intrusione negli affari interni” degli Stati Uniti nel Paese sudamericano, dopo che Washington riconosceva come legittimo l’autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidó.

Continue reading “Cina e Russia con Maduro” »

Share Button

Il fiato di Trump sul collo del Venezuela

di Geraldina Colotti

Una prima assoluta, ieri, nella storia del Venezuela: Donald Trump ha designato il nuovo “presidente” della nazione. Al posto di Nicolas Maduro, eletto con oltre 6 milioni di voti il 20 maggio, nelle intenzioni dell’imperialismo dovrebbe stare un tale Juan Guaidó, che ieri ha “prestato giuramento” davanti a un gruppo di suoi seguaci. Un trentacinquenne di cui si conoscono più le terga che le posizioni politiche, essendo passato alla “storia” per aver mostrato il deretano alle forze armate durante le proteste con bombe escrementizie (“puputov”) organizzate dalle destre nel 2017.

Continue reading “Il fiato di Trump sul collo del Venezuela” »

Share Button

Dichiarazione del Governo Rivoluzionario

Il Governo Rivoluzionario della Repubblica di Cuba condanna e respinge con forza il tentativo di imporre attraverso un colpo di stato un governo fantoccio al servizio degli USA nella Repubblica Bolivariana del Venezuela ed esprime la sua invariabile solidarietà con il Governo del presidente costituzionale Nicolas Maduro Moros.

Continue reading “Dichiarazione del Governo Rivoluzionario” »

Share Button

Venezuela rottura diplomatica con gli USA

Il Presidente legittimo e costituzionale della Repubblica bolivariana del Venezuela Nicolas Maduro, in diretta a reti unificate dal Palacio de Miraflores, ha approvato una misura politicamente rilevantissima che attendevamo da tempo, ovvero la ROTTURA definitiva delle relazioni politico-diplomatiche con l’Impero USA a causa dei tentativi di destabilizzazione golpista e terrorista che negli ultimi giorni Pentagono e tutta l’amministrazione presidenziale di D. Trump hanno perpetrato contro la Patria bolivariana, volendo distruggere l’eredità rivoluzionaria del Comandante Eterno Hugo Chávez, del progetto politico che da vent’anni caratterizza il Paese latinoamericano e che l’ha condotto a camminare sulle proprie gambe mirando alla piena libertà, indipendenza, dignità, sovranità popolare, amicizia e fratellanza tra tutti i popoli in lotta antimperialista, per la costruzione di una società superiore, il socialismo.

Continue reading “Venezuela rottura diplomatica con gli USA” »

Share Button

Guarimbas e Cabildos Abiertos: connessione insurrezionale

Mision Verdad – http://aurorasito.altervista.org

Uno dei principali punti deboli dell’opposizione in questi anni era l’assenza di partecipazione e convocazione nelle aree popolari, dove la vulnerabilità sociale è maggiore rispetto ad altri territori venezuelani. Quel collegamento non esiste a causa di fattori di classe e poca audacia politica nel creare un programma che includa gli esclusi storici, questione che per il Chavismo è una bandiera poiché ha quella estrazione, e quindi concezioni ed usi politici sono alimentati da quel tellurismo sociale.

Continue reading “Guarimbas e Cabildos Abiertos: connessione insurrezionale” »

Share Button

Fidel Castro, riconoscente, viaggia a Caracas

60 anni fa il leader della Rivoluzione cubana visitò Caracas durante il suo primo viaggio all’estero dopo il trionfo. Lì, oltre a ringraziare la solidarietà venezuelana con la lotta nella Sierra Maestra, e davanti a migliaia di persone, soprattutto giovani, avvertì della necessità di unirsi per affrontare gli attacchi di coloro che, come oggi, intendono distruggerci

Elson Concepción Pérez – www.granma.cu

Continue reading “Fidel Castro, riconoscente, viaggia a Caracas” »

Share Button

Venezuela, diversi paesi europei scelgono di promuovere il dialogo

di Fabrizio Verde www.lantidiplomatico.it

Il Venezuela è immerso nella cosiddetta post-verità. La propaganda mediatica colpisce il paese senza soluzione di continuità a reti unificate. Spesso utilizzando notizie completamente false – fake news per usare la definizione maggiormente in voga – che vengono smentite e smontate nel giro di poche ore.

Continue reading “Venezuela, diversi paesi europei scelgono di promuovere il dialogo” »

Share Button

Il nostro 23 gennaio

Le destre venezuelane vogliono appropriarsi del 23 gennaio, trasformando Trump in liberatore e Maduro in dittatore.

di Geraldina Colotti

Il 23 gennaio del 1958, il dittatore venezuelano Marco Pérez Jimenez è costretto alla fuga da un’insurrezione civico-militare. Il giorno prima c’era stato uno sciopero generale, all’acme di un crescendo di azioni organizzate dalla Giunta Patriottica, che si trovava in clandestinità.

Continue reading “Il nostro 23 gennaio” »

Share Button

Contro l’unità, la xenofobia

S. Maurera S., Mision Verdad – http://aurorasito.altervista.org

È qualcosa di più terrificante e profondo del semplice attacco a un governo, è il tentativo di distruggere tutto ciò che significa un Paese. Il Venezuela è ed è stato, ancor prima della formazione come Repubblica, un progetto di emancipazione e unificazione dei Paesi dell’America Latina.

Continue reading “Contro l’unità, la xenofobia” »

Share Button

Operazione Cotiza: cronaca di un’altra rivolta fasulla

Mision Verdad  – http://aurorasito.altervista.org

Alle 9:18 del 21 gennaio, il presidente dell’Assemblea nazionale in dispregio (AN), Juan Guaidó, discesa su tuiter che gli eventi al comando della Guardia nazionale bolivariana (GNB) di Cotiza, Caracas, sono “un esempio del sentimento generalizzato che prevale nelle FAN (sic), i nostri militari sanno che la catena di comando è rotta dall’usurpazione dell’ufficio presidenziale, quindi l’AN s’impegna a fornire tutte le garanzie necessarie ai militari che contribuiscono al ritorno della Costituzione”. Si riferiva alla presunta legge di amnistia rilasciata dall’Assemblea nazionale in modo che i funzionari dello Stato venezuelano non riconoscessero il Presidente Nicolás Maduro, e rispettato la pretesa di riconoscere come massima autorità del Paese il parlamento venezuelano, considerato decaduto dalla Corte suprema di Giustizia del Venezuela (TSJ).

Continue reading “Operazione Cotiza: cronaca di un’altra rivolta fasulla” »

Share Button