Tag Archives: Alessandra Riccio

Stare nella Rivoluzione: Eusebio Leal

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Nella sequela di morti che questo 2020 sta trascinando, quella di oggi mi è particolarmente dolorosa: è morto uno di quegli esseri insostituibili e indispensabili che si affacciano di tanto in tanto sulla terra, Eusebio Leal Spengler, Historiador della Città dell’Avana, l’artefice della grandiosa opera di restauro che ha restituito all’umanità il patrimonio di una straordinaria città.

Continue reading “Stare nella Rivoluzione: Eusebio Leal” »

Share Button

L’isola che c’è

Alessandra Riccio –  https://nostramerica.wordpress.com

L’episodio mi è tornato in mente in questi giorni in cui foto e cronache degli scontri fra manifestanti e polizie di varie parti del mondo non ci sono mancate, specie dopo l’orribile condanna a morte lenta e coram populi di George Floyd per mano di un poliziotto coadiuvato da altri tre colleghi che mantenevano fermo il detenuto già ammanettato.

Continue reading “L’isola che c’è” »

Share Button

La Brigata Henry Reeve e il sistema sanitario cubano

https://www.farodiroma.it

Alessandra Riccio, ispanista, traduttrice, saggista, aderisce alla campagna per il conferimento del premio nobel per la pace ai medici cubani. Si occupa di studi culturali, post-coloniali e di genere. Saggi suoi su María Zambrano, Dulce María Loynaz, Victoria Ocampo, Alba de Céspedes. Ha tradotto Alejo Carpentier, Ernesto Guevara, José Revueltas, Lisandro Otero. È autrice di Racconti di Cuba (Iacobelli, 2011) e (con altre) di Oltrecanone (Iacobelli, 2015). Pubblichiamo il suo contributo, ringraziandola di tutto cuore.

Continue reading “La Brigata Henry Reeve e il sistema sanitario cubano” »

Share Button

Brevissima historia dell’America Latina

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Y la culpa no era mía,

ni dónde estaba,

ni cómo vestía.

El violador eres tú.

El Estado opresor es un macho violador.

El violador eres tú.

Questi versi del tutto contemporanei, che stanno invadendo il pianeta, dal Cile all’India, dalla Germania a Roma, mi sembrano il miglior exergo per una brevissima storia del continente americano, tagliato in due dall’unica frontiera murata esistente fra il Polo nord e il Polo sud: la frontiera fatta erigere da Clinton, proseguita da Obama e perfezionata da Trump fra gli Stati Uniti e il Messico.

Continue reading “Brevissima historia dell’America Latina” »

Share Button

Il Cile resiste

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Il Presidente del Cile Sebastián Piñera dichiara lo stato di guerra e la risposta corale è: “No estamos en guerra!”. Mi sorprendo ancora di sorprendermi di fronte all’indifferenza generale quando il presidente di uno stato “democratico” si dichiara in guerra contro la sua stessa gente. Sarà che ormai siamo anestetizzati da tanti movimenti di piazza, da tante rivoluzione colorate, da tante immagini di violenza e di morte da non sentirci interpellati dalla risposta dei cileni: “Non stiamo in guerra!”.

Continue reading “Il Cile resiste” »

Share Button

Alicia Alonso, la ballerina più universale di Cuba è morta

Il Balletto Nazionale di Cuba (BNC) ha informato poche ore fa che la ballerina cubana più famosa a livello mondiale, Alicia Alonso, è morta oggi giovedì 17 ottobre a 98 anni

Continue reading “Alicia Alonso, la ballerina più universale di Cuba è morta” »

Share Button

L’Ecuador, cinque anni fa

Alessandra Riccio https://nostramerica.wordpress.com

Ce l’avevo fatta: dopo tanti anni quel tabù era caduto ed io ero finalmente arrivata in Ecuador, uno dei pochi paesi che ancora non conoscevo di un’ America che ha assorbito gran parte dei miei interessi e suscitato molte delle mie passioni. Calpestavo una terra che per molti anni ero stata incapace di includere nei miei viaggi, dopo che un terribile e crudelissimo incidente aereo aveva posto fine ai trenta anni di Ines, la migliore fra le mie allieve, la più ribelle e appassionata.

Continue reading “L’Ecuador, cinque anni fa” »

Share Button

Novità dal Venezuela? niente di speciale, è solo guerra!

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Domenica scorsa, a “Prima Pagina”, la bella trasmissione mattutina di Radio3, un ascoltatore ha chiesto al giornalista di turno come mai non arrivassero più notizie dal Venezuela. E già, come mai? Il giornalista ha dato qualche risposta confusa in cui non mancavano le accuse a Maduro di essere un dittatore. Mancava invece la notizia: il grande sabotaggio al sistema elettrico nazionale dopo il disastro dei giorni intorno al 7 marzo, disastro finalmente riparato appena una settimana fa e adesso, il 29 aprile, di nuovo saltato a causa di un “attacco brutale, feroce e criminale”, così l’ha definito il Presidente, che ha fatto esplodere gli apparecchi di trasmissione principale. Per quest’ultimo attentato, Maduro ha accusato ancora gli Stati Uniti (“Trump non ha potuto vedere realizzata l’invasione militare e adesso ci prova con la guerra elettrica”) ma ha parlato anche di “talpe” all’interno della compagnia elettrica, di infiltrati che sostengono questa guerra scatenata dagli interessi del capitalismo.

Continue reading “Novità dal Venezuela? niente di speciale, è solo guerra!” »

Share Button

Quando si tratta di Venezuela, la storia è sempre quella

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Nel 2012, nel sito della rivista “Latinoamerica”, tenevo una rubrica da cui ho ripescato questo articolo a proposito delle ultime elezioni vinte dal Presidente Chávez, gia mortalmente ammalato. Mi è parso utile riproporlo quando tocca a Maduro la parte del cattivo nella pellicola prodotta a Washington e sponsorizzata in Europa.

Continue reading “Quando si tratta di Venezuela, la storia è sempre quella” »

Share Button

Brevissima historia del Venezuela

e di come e cosa si intende distruggere

A. Riccio  https://nostramerica.wordpress.com

 

Il Venezuela entra nel secolo XXI e nella contemporaneità dopo secoli di silenzio e immobilismo.

Trainato dall’ energia e dalla lucidità di un giovane di provincia -povero e ambizioso, che è diventato un militare per scelta, per poter dare un passo avanti nella scala sociale-, il popolo venezuelano è entrato nel Terzo millennio impetuosamente, fra lo scetticismo e la sorpresa degli osservatori e dei vicini, abituati a considerare quel ricco paese con fastidio, “come l’amico sbruffone, ricco e viziato”.[1] Ma la storia del Venezuela è la storia comune a tutti i paesi d’America “scoperti”, conquistati e colonizzati, almeno fino a quando gli Stati Uniti, una volta raggiunta l’indipendenza, hanno intrapreso una storia di guida, controllo e dominazione del resto del continente.

Continue reading “Brevissima historia del Venezuela” »

Share Button

L’articolo 68

Carlos Luque Zayas Bazán – https://nostramerica.wordpress.com

L’articolo 68 del Progetto di Costituzione di Cuba, che definisce il matrimonio come una “unione legale fra due persone”, si sta rivelando come uno dei punti più spinosi della discussione che si svolge a livello popolare in tutta l’isola. A gettare il sasso nello stagno è stata la parlamentare Mariela Castro Espín, presidente del Cenesex, l’istituto statale per l’educazione sessuale, figlia di colei che ha diretto e tutelato per anni la Federazione delle Donne Cubane (FMC) e dell’ex presidente Raúl Castro. Il polemico articolo 68 mette in rilievo il radicamento del tabù nella società ma anche l’importanza, anche politica, di sradicarlo. (A.R.)

Continue reading “L’articolo 68” »

Share Button

Marielle e Lula

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

La sinistra brasiliana non ha dubbi: l’esecuzione di Marielle Franco e il carcere per Lula sono parte di una svolta autoritaria in Brasile. Lula rappresenta ancora la più importante guida politica popolare del paese e Marielle era già un punto di riferimento per quella nuova generazione politica che aveva potuto emergere proprio in conseguenza delle politiche volute dalle Presidenze popolari di Lula e Dilma Roussef.

Continue reading “Marielle e Lula” »

Share Button

Chi ha vinto e chi ha perso in Nicaragua?

Quando si tratta del Nicaragua di Ortega e Murillo, vado sempre con i piedi di piombo e con un dolore nostalgico per quella Nicaragua, tan violentamente dulce degli anni Ottanta. L’articolo di Marcelo Colussi, che ho tradotto, mette ben in chiaro i punti della questione. (a.r.)

Continue reading “Chi ha vinto e chi ha perso in Nicaragua?” »

Share Button

L’umanesimo rivoluzionario

https://nostramerica.wordpress.com

Il breve e travolgente passaggio di Hugo Chávez in America Latina e in Venezuela ha lasciato un’importante eredità di idee sociali e politiche pensate in primo luogo per la sua patria ma strettamente intrecciate al mondo che ruota intrno. Il giornalista Ignacio Ramonet, che lo ha conosciuto bene, ci invita ad osservare e verificare il coacervo del suo pensiero rivoluzionario dove trovano spazio Marx e Cristo, la Patria e il mondo, la libertà e l’uguaglianza. Una lettura attenta e spregiudicata, libera da preconcetti, potrebbe essere utile anche al nostro mondo eurocentrico che sembra aver esaurito la capacità di pensare. L’invito è a riflettere anche su quegli aspetti che a noi sembrano obsoleti e a ricordare che il richiamo alla teologia della liberazione e il suo proliferare sono carne e sangue dell’America Latina. (a.r.)

Continue reading “L’umanesimo rivoluzionario” »

Share Button

Berta Cáceres, la dura verità edulcorata

Alessandra Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

Il giudice Diego García-Sayán che è stato anche Presidente della Corte Interamericana per i diritti umani, su El País del 3 novembre (Edizione America), dà una lezione su come annacquare una notizia terribile e disperderla in un ragionamento sofistico che parte da una casuccia dell’Honduras dove, nottetempo, qualcuno ha ucciso una donna e ferito un ospite, ed arriva ai massimi sistemi e alla domanda da mille pistole: c’è democrazia in America Latina?

Continue reading “Berta Cáceres, la dura verità edulcorata” »

Share Button