Tag Archives: Baia dei porci

Baia dei Porci versione Venezuela

 anatomia dell’ “Operazione Gedeon”

https://medium.com/@misionverdad2012

Con le ore, aumenta il volume degli arresti di mercenari che fanno parte di un piano per catturare ed assassinare il presidente Nicolás Maduro ed altri dirigenti delle istituzioni politiche del Venezuela. L’ “Operazione Negro Primero” ha bloccato un’operazione transnazionale di cui si ha i dettagli che presenteremo in questo rapporto.

Continue reading “Baia dei Porci versione Venezuela” »

Share Button

Playa Girón: cosa non è successo

R. González Barrios, A. Guzmán de Armas, Internationalist 360°

Il 19 aprile 1961, sulle sabbie di Playa Giron l’esercito popolare o popolo in armi, come preferiamo chiamarlo, sconfisse in modo schiacciante l’invasione meticolosamente pianificata dal governo USA. La vittoria a Playa Giron è passata alla storia come la “prima grande sconfitta” dell’imperialismo USA in America. L’operazione Pluto, preparata dalla Central Intelligence Agency (CIA), fu la vendetta organizzata dell’impero contro le potenti forze della Rivoluzione cubana.

Continue reading “Playa Girón: cosa non è successo” »

Share Button

Playa Girón: Fidel e l’“Unione Civico-Militare” cubana

Arnold August  www.cubadebate.cu

Nel primo dei miei tre libri (Democracy in Cuba and the 1997-98 Elections, editorial José Martí, 1999, La Habana), scrissi: “Nel suo discorso della Giornata Internazionale dei Lavoratori del 1960, Fidel Castro approfondì la nozione di come il nuovo Stato fosse uno stato della maggioranza nel senso concreto del termine. Dopo gli attacchi aerei USA contro Cuba consumati come parte della politica generale per distruggere la Rivoluzione e ripristinare il potere economico e politico del paese USA, il popolo si trovò esposto alla reale possibilità di affrontare un’aggressione armata in tutto il suo territorio. È lì che nasce la nozione di milizia”.

Continue reading “Playa Girón: Fidel e l’“Unione Civico-Militare” cubana” »

Share Button

Girón nelle nostre vite

Marta O. Carreras Rivery  www.cubadebate.cu

Cari fratelli di sangue, di vita ed ali cubane:

Ogni 17 aprile, la prima chiamata del giorno di tutti i Carreras era necessariamente a nostro padre. Dopo la sua scomparsa fisica, l’abbiamo fatto tra noi.

Lo stesso giorno, ma del 1961 a Playa Girón, l’aviazione da combattimento rivoluzionaria aprì le sue ali al cielo di Cuba con scarsa e vetusta tecnica recuperata, a cui, in tempi da record, Papi dedicò tutta la sua energia, talento e amore incondizionato a Cuba, che sapeva essere aggredita a breve, tra improvvisazioni, umani timori e persino incomprensioni, mettendo sempre a disposizione dei giovani, alcuni membri dei ranghi dell’Esercito Ribelle recentemente arrivati ​​alla Base di San Antonio de los Baños, le sue tecniche meglio concepite, a partire dalla sua solida formazione come pilota da combattimento diplomato presso le alte accademie militari di Cuba e degli USA.

Continue reading “Girón nelle nostre vite” »

Share Button

17 aprile 1961:il presagio della vittoria

In uno dei suoi più alti momenti d’ispirazione, il poeta Jesús Orta Ruiz, “l’ Indio Naborí”, trasformò in poesia quel triste passaggio,  quando scrisse «Elegia delle scarpette bianche», una delle cronache  più commoventi sui fatti di Girón
Share Button

La denuncia di Cuba di fronte alla guerra che ci viene fatta

Quando viene presentata di fronte a Cuba l’attivazione della legge Helms-Burton come una presunta giustizia di fronte alle legittime nazionalizzazioni di proprietà di cittadini USA all’inizio della Rivoluzione non si deve dimenticare il lungo saldo di perdite umane e materiali avvenute in questi 60 anni a causa delle azioni del governo USA

Mauricio Escuela www.granma.cu

Continue reading “La denuncia di Cuba di fronte alla guerra che ci viene fatta” »

Share Button

Girón: la vittoria che gli Stati Uniti non perdonano

Raul Antonio Capote – http://it.granma.cu

L’assessore alla Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Bolton, durante un discorso febbrile, che ha coinciso con il 58º anniversario dello sbarco nella Baia dei Porci, ha promesso agli sconfitti veterani, ai “cuochi” e agli “aiuti di cucina” d’eliminare la «troika del male».

Continue reading “Girón: la vittoria che gli Stati Uniti non perdonano” »

Share Button

Noi cubani non ci arrendiamo

Ángel Guerra Cabrera https://lapupilainsomne.wordpress.com

Il 17 aprile 1961 Cuba fu invasa da una brigata di controrivoluzionari di origine cubana organizzata, addestrata ed equipaggiata dalla CIA e dal Pentagono. Il giorno prima, bombardarono gli aeroporti senza raggiungere l’obiettivo di distruggere, a terra, la minuscola aviazione rivoluzionaria. Gli invasori furono sconfitti e fatti prigionieri, nella loro maggioranza, in meno di 72 ore di incessanti e cruenti combattimenti, tra cui le eroiche azioni, nell’aria, dei piloti della Forza Aerea Rivoluzionaria. Centinaia di migliaia di cubani e cubane, pieni di coscienza patriottica e politica, erano in armi e, come disse Fidel una volta, avremmo potuto sconfiggere simultaneamente vari sbarchi come quello.

Continue reading “Noi cubani non ci arrendiamo” »

Share Button

Frei Betto: lunga vita alla Rivoluzione cubana!

Frei Betto –  www.cubadebate.cu

1 gennaio 2019, i 60 anni della Rivoluzione cubana. Chi lo direbbe? Per la superbia dei servizi di intelligence USA, l’audacia dei barbudos della Sierra Maestra di sottrarre Cuba dalla sfera di dominio dello Zio Sam era “un cattivo esempio” che doveva essere cancellato quanto prima dalle pagine della storia. La CIA mobilitò e addestrò migliaia di mercenari, e Kennedy li inviò ad invadere Cuba (1961). Furono vergognosamente sconfitti da un popolo in armi. Ed, inoltre, l’ostilità della Casa Bianca portò Cuba ad allinearsi all’Unione Sovietica. Il colpo gli si rivolse contro. Aggredire Cuba significò, quindi, riscaldare la Guerra Fredda, come dimostrò la Crisi di Ottobre (1962).

Continue reading “Frei Betto: lunga vita alla Rivoluzione cubana!” »

Share Button

Fidel, nell’ora presente

Hugo Moldiz Mercado http://www.cubadebate.cu

Fidel Castro fu sempre un esempio permanente di pedagogia emancipatrice. La sua eredità acquisisce oggi, in un’America latina assediata da una controffensiva imperiale di caratteristiche fascistoidi, un coraggio straordinario e di carattere strategico. Non scoraggiarsi, fare una lettura quanto più profonda possibile della ragione del perché della situazione attuale e non smettere di lottare, sono tre dei suoi grandi insegnamenti per affrontare, con successo, la riorganizzazione e la nuova offensiva delle forze emancipatrici.

Continue reading “Fidel, nell’ora presente” »

Share Button

Aprile nella storia di una piccola isola ribelle

Cuba, piccola terra ribelle, è padrona di una storia ricca in avvenimenti che hanno marcato generazioni intere di suoi concittadini.

Sulle labbra e nella mente di bambini, giovani e adulti, sono presenti i nomi dei loro eroi e martiri, così come i giorni, i mesi e gli anni di maggior significato. Quale cubano non conosce quel che avvenne il 26 di luglio del 1953, il 10 ottobre del 1868 o il 7 dicembre del 1896, solo per citare alcuni momenti importanti della nostra storia.

Continue reading “Aprile nella storia di una piccola isola ribelle” »

Share Button

Giorni di combattimento

La mattina presto si sentì un rumore di combattimento. Era qualcosa lontano, verso ovest della città. Andai al balcone. Dal’alto del Vedado alcuni miliziani uscivano correndo, mentre terminavano di allacciarsi la camicia dell’uniforme.

Continue reading “Giorni di combattimento” »

Share Button

La vittoria

Al richiamo di Fidel, il popolo rivoluzionario si vestì da miliziano e in formazione di battaglione, con i tenenti delle milizie al fronte, cominciò a conoscere e manipolare i fucili Cracker, Springfied e gli R2.

Continue reading “La vittoria” »

Share Button

Aprile, un mese di decisive vittorie di Nostra America

Patricio Montesinos http://www.cubadebate.cu

Due eventi della storia recente fanno di aprile un mese di decisive vittorie dei popoli della Patria Grande, e che valgono la pena ricordare in momenti in cui gli USA e le oligarchie di questo emisfero assalgono, ancora una volta, le nazioni dal sud del Rio Bravo alla Patagonia allo scopo di far fallire la sua vera indipendenza ed integrazione.

Continue reading “Aprile, un mese di decisive vittorie di Nostra America” »

Share Button

Che Guevara: Playa Giron è un simbolo per i popoli oppressi

Poco tempo dopo la fallita invasione della Baia dei Porci, il leader guerrigliero Ernesto “Che” Guevara, rappresentando il governo di Cuba, denunciava l’ipocrisia del governo degli Stati Uniti, durante il suo famoso discorso di Punta del Este. Così parlò il Che sugli eventi di Playa Giron:

Continue reading “Che Guevara: Playa Giron è un simbolo per i popoli oppressi” »

Share Button