Tag Archives: brasile

La controffensiva della destra

Oscar Laborde https://lapupilainsomne.wordpress.com 

Quando la giudice Rosa Weber, del Tribunale Federale Superiore, ha dato il suo voto, rifiutando l’habeas corpus presentato dalla difesa di Lula – che gli impediva passare il processo in libertà- si consumava il golpe in Brasile e si feriva a morte la democrazia.

Continue reading “La controffensiva della destra” »

Share Button

Cubainformacion: doppio standard e culto dell’odio


Culto dell’odio nel giornalismo ultranazionalista spagnolo: impunità e doppio standard

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Pochi giorni fa, la giustizia tedesca poneva in libertà l’ex presidente, in esilio, della Catalogna, Carles Puigdemont (1). Immediatamente si scatenavano le reazioni ultranazionaliste, come quella del locutore spagnolo Federico Jimenez Losantos: “l’unica cosa che è compresa nella politica estera di fronte ad un atto di forza contro la legge, è un altro atto di forza”, diceva nel suo programma radio (2). “Se non c’è certezza del diritto per gli spagnoli in Europa, non ci può essere per i tedeschi in Spagna”. E chiedeva “un’azione, naturalmente (…) nelle Baleari ci sono 200000 tedeschi in ostaggio. In Baviera possono iniziare a saltare in aria birrerie “(3). Mentre tweeter e musicisti -di sinistra naturalmente- sono stati condannati al carcere da tribunali spagnoli a causa del presunto “contenuto violento” dei loro testi, l’incitamento all’odio dell’utradestra Jimenez Losantos è rimasto assolutamente impunito (4).

Continue reading “Cubainformacion: doppio standard e culto dell’odio” »

Share Button

Vertice di Lima, la forza dei popoli contro la “voce del padrone”

di Geraldina Colotti

Quis custodiet custodes? Chi sorveglierà i sorveglianti? Impossibile non ricordare Giovenale a proposito del Vertice di Lima, che si è chiuso il 14 aprile. Il tema centrale del confronto fra i 34 capi di stati e di governo invitati all’ottavo appuntamento di questo tipo (che si celebra dal 1994), è stato infatti “governabilità democratica di fronte alla corruzione”. Peccato che in Perù, paese anfitrione, il presidente Pedro Pablo Kuczynski sia stato deposto per il grande scandalo di corruzione legato all’impresa Odebrecht. Accuse da cui, in precedenza, è passato per il rotto della cuffia anche il vicepresidente Martin Vizcarra, che ora ha preso il suo posto.

Continue reading “Vertice di Lima, la forza dei popoli contro la “voce del padrone”” »

Share Button

Cosa significa Lula?

C. Vollenweider, A. S. Oroño, A. Gómez http://www.cubadebate.cu

Perché quest’uomo è in prigione? Se fino a qualche anno fa era un esempio di statista, un esempio per la regione e per il mondo -la rivista Time gli ha dedicato, a suo tempo, una copertina elogiativa-. Gli imprenditori brasiliani e stranieri battevano le mani ai suoi interventi: “che uomo saggio, che capacità di articolazione di interessi”, “proprio quello di cui il Brasile ha bisogno, soprattutto in questo paese, con tutte le differenze che ci sono”.

Continue reading “Cosa significa Lula?” »

Share Button

Gruppo di Lima: la via non democratica

Alfredo Serrano Mancilla http://www.cubadebate.cu

L’America Latina continua nella disputa geopolitica. Il Gruppo di Lima è il risultato di questo. La formazione di questo blocco di 12 paesi americani (Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costarica, Guatemala, Honduras, Messico, Panama, Paraguay e Perù) ha avuto luogo l’8 agosto 2017. La ragion d’essere di questo nuovo gruppo è il tentativo di porre termine ad altri due spazi nella regione: UNASUR e CELAC. Di fronte ad un’agonizzante OSA e ad un’Alleanza del Pacifico che non riesce a decollare, il Gruppo di Lima è la formula scelta come istanza politica regionale per ripristinare l’ordine conservatore.

Continue reading “Gruppo di Lima: la via non democratica” »

Share Button

Cubainformacion: Lula e Maduro persecuzione e condanna


Condanna e persecuzione mediatica di Lula impediranno il suo ritorno alla presidenza del Brasile?

La coalizione di potere economico, mediatico e giudiziario del Brasile ha condannato alla prigione l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva. Per un crimine non dimostrato.

Continue reading “Cubainformacion: Lula e Maduro persecuzione e condanna” »

Share Button

Beppe Grillo con Lula

Articolo dal blog di Beppe Grillo

Un solo grido si sta sprigionando per le strade delle città del Brasile. Un grido potente, liberatorio, che chiede giustizia, che accompagna i canti, le lacrime, le voci all’unisono di un popolo che ripete ininterrottamente “Lula presidente guerriero del popolo”: Luiz Inácio Lula da Silva, ex presidente del Brasile, simbolo di speranza, coraggio e onestà, arrestato per non aver commesso alcun reato.

Continue reading “Beppe Grillo con Lula” »

Share Button

Frei Betto: Lula è sereno

Conosciute le ultime notizie in Brasile sull’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva sottoposto a una persecuzione politica per escluderlo dalla vittoria nelle prossime elezioni, ho parlato con il teologo, giornalista e amico brasiliano Frei Betto e mi sono permesso di fargli quattro domande.

Continue reading “Frei Betto: Lula è sereno” »

Share Button

Unire, resistere e lottare, questa è la parola d’ordine

José Reinaldo Carvalho* da resistencia.cc– Traduzione di Marx21.it

L’incarcerazione di Lula è un atto arbitrario tipico di un paese sottoposto a un regime di eccezione, dove lo Stato democratico di diritto non esiste più neppure sul piano formale, dal momento che la Costituzione è violata dalle stesse istituzioni incaricate di vigilare sulla rigida applicazione delle sue disposizioni.

Continue reading “Unire, resistere e lottare, questa è la parola d’ordine” »

Share Button

Lula, una sentenza senza prove

teleSU https://www.lantidiplomatico.it/

Secondo gli avvocati Valeska Teixeira Zanin Martins e Cristiano Zanin Martis non c’è materialità nelle accuse contro Lula perché mancano di logica e coerenza. Inoltre, hanno sottolineato che in assenza di prove che incriminano l’ex presidente, si trovano ad affrontare un fenomeno noto come legge, basato sull’abuso delle leggi della procedura legale per scopi politici.

Continue reading “Lula, una sentenza senza prove” »

Share Button

Una primavera con milioni di Lula

Ilka Oliva Corado – Crónicas de una Inquilina – AntiDiplomatico

Nel 1958, fu scoperta quasi per caso e nel suo stesso habitat, la cronista e poetessa della favela, Carolina Maria de Jesus; che si incaricò di ritrarre nel suo diario la vita quotidiana nelle favelas in Brasile. Una realtà cruda, di miseria, di abuso, di esclusione e; anche una realtà di sogni, di lealtà e di puro amore. Molto poco conosciuta in America Latina, Carolina Maria de Jesus ha catturato nei suoi testi l’essenza della periferie brasiliane, che con fervente amore ha fatto irruzione nelle strade per difendere un lavoratore che le riscattò e restituì voce oltre al potere dei sogni: Lula.

Continue reading “Una primavera con milioni di Lula” »

Share Button

Dichiarazione MINREX (Lula)

Il Ministero delle Relazioni Estere della Repubblica di Cuba denuncia la detenzione con fini politici del compagno Luiz Inácio “Lula” da Silva, che costituisce un fatto gravissimo  perché impedisce che il leader più popolare del Brasile sia candidato alla presidenza di questo paese.

Continue reading “Dichiarazione MINREX (Lula)” »

Share Button

Lula decide di consegnarsi alle autorità

https://www.lantidiplomatico.it

L’ex presidente di sinistra del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, ha rispettato il mandato federale che chiede il suo arresto per scontare la condanna a 12 anni per corruzione: un mandato che Lula e i suoi avvocati affermano sia illegale.

Continue reading “Lula decide di consegnarsi alle autorità” »

Share Button

PT e PCdoB x Lula

Il Partito dei Lavoratori (PT) del Brasile, ha convocato ad una mobilitazione generale alla periferia della città di Sao Paulo, dopo che il giudice Sergio Moro ha dettato un ordine di detenzione contro il pre-candidato alla presidenza, Luiz Inácio Lula da Silva.

Continue reading “PT e PCdoB x Lula” »

Share Button

Senza crimine né prove né habeas corpus

Emir Sader https://www.pagina12.com.ar

Negli ultimi giorni la destra brasiliana era entrata in uno stato di disperazione. Dopo aver imposto all’agenda politica la possibilità della detenzione di Lula, scontando una decisione che ritenevano certa del Supremo Tribunale Federale del Brasile, i suoi sogni avevano cominciato ad indebolirsi. Un conteggio preliminare dei voti della corte sembrava favorire Lula, suggerendo un fallimento del consenso di Curitiba che si era imposto sino a quel momento. Un consenso giuridicamente assurdo, di condanna senza crimine né prove, che configura, chiaramente, una persecuzione politica, basata sul lawfare – l’uso unilaterale delle leggi per perseguitare gli avversari politici-. Nessuno ha dubbi che il giudice Sergio Moro è un feroce avversario politico di Lula, che gli ha negato ogni tipo di risorse, che lo tratta in forma razzista e discriminatorio, che frequenta, amichevolmente, feste con i leader dei partiti di destra, nessuno dei quali è stato neppure accusato dal giudice e dai suoi colleghi.

Continue reading “Senza crimine né prove né habeas corpus” »

Share Button