Tag Archives: brics

Lula: lettera ai BRICS

lula.com.br– Traduzione di Marica Guazzora –  www.marx21.it

Mercoledì, l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha inviato una lettera ai BRICS, gruppo formato da Brasile, Russia, India e Cina. La lettera è stata consegnata dalla Presidente del PT, senatrice Gleisi Hoffmann, al segretario generale del Congresso Nazionale Africano e organizzatore dell’incontro Ace Magashule. Nel testo Lula salva la storia dei successi del gruppo e la necessità che ha il Brasile di integrarsi nuovamente nella comunità internazionale.

Leggi il testo completo:

Continue reading “Lula: lettera ai BRICS” »

Share Button

L’America Latina cammina sulle macerie di progetti falliti

William Serafino http://misionverdad.com

L’ascesa di figure come Jair Bolsonaro in Brasile non risponde a una situazione strettamente brasiliana. La polarizzazione tra settori nazionalisti, considerati come neofascisti, e progressisti inclinati verso la socialdemocrazia e la sinistra, riafferma una cruda realtà: la dipendenza dell’America Latina dagli USA, oltre ad essere economica o produttiva, è spirituale.

Continue reading “L’America Latina cammina sulle macerie di progetti falliti” »

Share Button

Un ‘cane rabbioso’ contro il Venezuela

di Geraldina Colotti

Un “cane rabbioso” s’aggira per l’America Latina. Un cane da guardia del complesso militare-industriale, che risponde al nome di James Mattis, Segretario alla Difesa nordamericano. “Cane rabbioso” è il soprannome che l’ex generale Mattis si è guadagnato in Afghanistan e in Iraq, dove gli Usa sono andati a esportare il loro modello di “democrazia”. Lo stesso che gradirebbero nuovamente imporre al continente latinoamericano, fidando sull’appoggio di governi tanto subalterni quanto screditati, disposti a rimodernare convenientemente il “cortile di casa”.

Continue reading “Un ‘cane rabbioso’ contro il Venezuela” »

Share Button

Venezuela, motivi per l’attentato

Gli accordi geopolitici per aggirare le sanzioni USA

Mision Verdad – https://www.lantidiplomatico.it

 

Secondo un rapporto diffuso dalla banca d’investimenti Torino Capital, alla chiusura del primo quadrimestre del 2018, il Venezuela ha fatto segnare un aumento del 200% delle sue esportazioni non petrolifere rispetto allo scorso anno. La maggior parte di questi proviene dall’oro, minerale commercializzato con l’Olanda, il Portogallo, la Spagna, la Svezia, la Svizzera, gli Stati Uniti, il Regno Unito e in particolare con la Turchia.

Continue reading “Venezuela, motivi per l’attentato” »

Share Button

Cosa significa Lula?

C. Vollenweider, A. S. Oroño, A. Gómez http://www.cubadebate.cu

Perché quest’uomo è in prigione? Se fino a qualche anno fa era un esempio di statista, un esempio per la regione e per il mondo -la rivista Time gli ha dedicato, a suo tempo, una copertina elogiativa-. Gli imprenditori brasiliani e stranieri battevano le mani ai suoi interventi: “che uomo saggio, che capacità di articolazione di interessi”, “proprio quello di cui il Brasile ha bisogno, soprattutto in questo paese, con tutte le differenze che ci sono”.

Continue reading “Cosa significa Lula?” »

Share Button

Brasile: grottesca farsa giudiziaria contro Lula

Ángel Guerra Cabrera  https://lapupilainsomne.wordpress.com

Come previsto, il tribunale di seconda istanza di Porto Alegre ha ratificato la condanna per corruzione dello svergognato giudice del 13 Tribunale federale di Curitiva, Sergio Moro. Non solo questo, i tre giudici hanno aumentato la pena richiesta da Moro da 9 anni e mezzo a 12 anni. Il sogno di Moro, magistrato responsabile dell’oscura operazione di Lava Jato ed il suo principale obiettivo nella vita, è condannare, senza prove, Lula. Solo “basato su indicazioni”, come non si è stancato di ripetere da quando ha iniziato questa ingiusta, grottesca e spregevole farsa giudiziaria.

Continue reading “Brasile: grottesca farsa giudiziaria contro Lula” »

Share Button

Russia e Cina sventano l’opzione militare USA contro il Venezuela

Venezuela Infos  – https://aurorasito.wordpress.com

Parte finale

America Latina all’orizzonte

Gli analisti affermano che l’esistenza stessa del gruppo dei BRICS (Brasile, Russia, Cina, India e Sudafrica) promuove l’autonomia degli Stati latinoamericani a livello internazionale e ne allarga il margine di manovra in politica estera. È un gruppo che occupa il 29% della terra del pianeta (non contando l’Antartide), concentra il 43% della popolazione mondiale e quasi il 27% del PIL globale in termini di potere d’acquisto.

Continue reading “Russia e Cina sventano l’opzione militare USA contro il Venezuela” »

Share Button

Il Venezuela non è solo

di Alfredo Serrano Mancilla – Celag 

Russia, 145 milioni di abitanti; Cina, 1,38 miliardi; Turchia, 80 milioni; Iran, 80 milioni. Le cifre parlano da sole. Il mondo non è composto solo da Stati Uniti ed Europa, anche se la loro influenza globale non deve essere sottovalutata. Tuttavia, in questo ventunesimo secolo, il cambiamento geopolitico e geoeconomico è evidente. La Banca Asiatica d’Investimento per le infrastrutture (AIIB) è quasi potente come il FMI; il gruppo BRICS è altrettanto dinamico come il G7. La Via della Seta ha un potenziale più o meno rilevante di quello di altri spazi tradizionali. Sotto tutti gli aspetti, l’unipolarità è finita.

Continue reading “Il Venezuela non è solo” »

Share Button

Il Venezuela smette di accettare dollari per il petrolio

Zerohedge –  https://aurorasito.wordpress.com

Apparentemente confermando ciò che Maduro aveva avvertito dopo le ultime sanzioni statunitensi, il Wall Street Journal riferisce che il Venezuela ha ufficialmente smesso di accettare i dollari USA come pagamento per l’esportazione del greggio. Come già notato, il Presidente venezuelano Nicolas Maduro affermava il 13 settembre che il Venezuela intende “liberarsi” del dollaro statunitense.

Continue reading “Il Venezuela smette di accettare dollari per il petrolio” »

Share Button

In Ecuador c’è il rischio di un colpo di stato

di Geraldina Colotti – il Manifesto

Pedro Paez, economista ecuadoriano di fama internazionale, ha svolto molti incarichi, anche di governo, nel suo paese. Soprattutto, ha avuto un ruolo centrale in quella che, in America latina, si definisce la Nuova architettura finanziaria. Lo abbiamo incontrato a Roma durante un giro di conferenze che lo ha portato anche al centro sociale Spartaco, attivo nei percorsi territoriali di «democrazia partecipata». Attualmente presiede la Superintendencia de Control del Poder de Mercado, l’equivalente dell’Antitrust.

Continue reading “In Ecuador c’è il rischio di un colpo di stato” »

Share Button

Ciò che Washington propone all’America Latina

Emir Sader http://www.pagina12.com.ar

al-obamaDopo il buon viso che riusciva a mettere durante il periodo del suo ampio isolamento in Sud America, gli USA tornano a tenere interlocutori privilegiati della loro politica, in particolare in Argentina ed in Brasile (non importa che, in questo caso, attraverso un golpe). E cosa è ciò che gli USA hanno da proporre al continente?

Continue reading “Ciò che Washington propone all’America Latina” »

Share Button

America Latina: la frattura geopolitica comincia in Brasile

Rafael Bautista S.* da www.alainet.org – Marx21.it

tiburon brasilePubblichiamo, come stimolante contributo alla comprensione del momento di crisi attraversato dai processi progressisti in America Latina, la riflessione di uno studioso boliviano alla vigilia della destituzione della presidente del Brasile.

Continue reading “America Latina: la frattura geopolitica comincia in Brasile” »

Share Button

Obama in Vietnam

una cosa pensa l’ubriacone e un’altra l’oste

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

imagesMolto è stato detto, in questi giorni, in cui il presidente Barack Obama ha visitato il Vietnam, della fine dell’embargo della vendita di armi USA al paese indocinese, ma pochi ricordano che in soli tre decenni, la politica degli USA in Asia ha virato di 180 gradi in rapporto con la Cina ed il Vietnam.

Continue reading “Obama in Vietnam” »

Share Button

Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile

Pedro Marin Off Guardian  – Russia Insider

marcha-brasil-golpe_1572843699-700x395“Ciò che è necessario in Brasile è che il governo faccia ciò che Putin ha fatto: costringere tutte le ONG a registrarsi e a registrare il denaro che ricevono, da dove lo ricevono e come lo usano… Tutte queste organizzazioni sono finanziate e addestrate dall’estero…”

Continue reading “Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile” »

Share Button

Brasile: da potenza a repubblica bananera

Ángel Guerra Cabrera  https://lapupilainsomne.wordpress.com

brasil1Le prime misure economiche annunciate dal capo golpista del Brasile, Michel Temer, non hanno sorpreso, se non forse per la sua estrema durezza. Confermano uno degli obiettivi fondamentali del circo mascherato da inizio di processo di provenienza montato dalle due camere del Congresso per sospendere, provvisoriamente, la presidentessa Dilma Rousseff e chi sta dietro la mossa.

Continue reading “Brasile: da potenza a repubblica bananera” »

Share Button