Tag Archives: Chile

Gabriel Boric che non ti raccontano

Guglielmo Serafino, Mision Verdad 5 febbraio 2022

Nome del santo e cognome di origine croata. 36 anni. Il più giovane presidente del paese. Un gabinetto di governo senza precedenti, a maggioranza femminile. Governa in minoranza al Congresso cileno, e parallelamente riunisce una Convenzione Costituente, sullo sfondo di una grave crisi di legittimità dei partiti tradizionali. Gabriel Boric, nuovo presidente del Cile, assume il governo con una veste che gli regala automaticamente ovazioni.

Continue reading “Gabriel Boric che non ti raccontano” »

Share Button

Come ha vinto la sinistra del Cile?

Francisco Dominguez, Orinoco Tribune 23 dicembre 2021

La vittoria di Gabriel Boric in Cile è la rivendicazione del movimento di massa sceso in piazza nel 2019 e indica un Paese pronto a seppellire per sempre l’eredità di Pinochet. Poche settimane fa, quando il candidato neofascista José Antonio Kast stava vincendo al primo turno delle elezioni presidenziali del Paese, la ribellione del Cile del 2019, volta a seppellire il neoliberismo, sembrava essere alla fine. Ma fu rinvigorita dalla vittoria schiacciante del candidato Apruebo Dignidad (“I Vote For Dignity”) Gabriel Boric Font, che otteneva il 56 percento dei voti al secondo turno, quasi cinque milioni di voti e la più grande maggioranza nella storia del Paese.

Continue reading “Come ha vinto la sinistra del Cile?” »

Share Button

Saluti al nuovo presidente del Cile

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Dopo la vittoria del candidato delle sinistre Gabriel Boric alle elezioni presidenziali, non hanno tardato ad arrivare i calorosi messaggi di felicitazioni di tutti i leader politici di sinistra del continente.

“Voglio congratularmi con Gabriel Boric per essere stato eletto presidente dell’amato popolo cileno. Dobbiamo assumerci l’impegno di rafforzare i legami di fratellanza che uniscono i nostri paesi e di lavorare insieme alla regione per porre fine alle disuguaglianze in America Latina”, ha pubblicato il presidente della confinante Argentina Alberto Fernández.
Share Button

Dal Venezuela al Cile, da Caldera a Boric

Sergio Rodríguez Gelfenstein, Mision Verdad, 15 dicembre 2021

La situazione attuale in Cile è sempre più sorprendentemente simile a quella dei primi anni ’90 in Venezuela. Al momento, come oggi in Cile, c’erano stati 30 anni di post-dittatura. I due Paesi all’epoca si presentavano come “modello di democrazia da seguire” ed “esempio per il mondo” basato sul “successo” del sistema di democrazia rappresentativa bipartisan in cui l’economia era messa al servizio di una minoranza della popolazione.

Continue reading “Dal Venezuela al Cile, da Caldera a Boric” »

Share Button

Il Cile volta pagina

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Scampato pericolo. Alle presidenziali cilene, 15 milioni di cileni erano chiamati a scegliere tra Josè A. Kast candidato fascista, apertamente nostalgico del dittatore Augusto Pinochet, e Gabriel Boric, candidato del centrosinistra largo. La destra uscente ha tentato in ogni modo e fino all’ultimo di spianare la strada al suo figlio prediletto, persino bloccando il sistema di trasporti pubblico per impedire alla gente di recarsi alle urne. Ma non è servito. I cileni a votare sono andati ed il verdetto è indiscutibile: sebbene si cerchino spiegazioni nella defezione dell’elettorato di Parisi, dieci punti di distanza tra il fascismo e la democrazia misurano il termometro politico cileno.

Continue reading “Il Cile volta pagina” »

Share Button

Cile vince il candidato di sinistra

 

E’ l’ora del Cile, in una domenica storica. La campagna è stata fortemente polarizzata con l’ex leader della protesta studentesca Gabriel Boric che sfida l’ultraconservatore José Antonio Kast, nostalgico del generale Pinochet.

Una vittoria con il 56% dei voti con una affluenza storica per il Cile, che ha visto le classi popolari respingere fermamente il candidato di estrema destra sostenuto dall’imperialismo USA e che continua a far soffiare forte il vento del cambiamento lungo tutto continente Centro e Sud Americano.

Share Button

Chile: elecciones presidenciales más polarizadas y determinantes en 50 años

Share Button

11.09.73: golpe in Cile

Share Button

Altra notte da incubo per la destra cilena

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Altra notte da incubo per la destra cilena e per la ultra destra filo Pinochet.

L’alleanza del presidente di destra filostatunitense Piñera, “Chile Vamos”, ha perso praticamente tutto al secondo turno delle elezioni regionali.

Il risultato è stato 12-1, che, sommato al 3-0 del primo turno, fa un totale di 15 regioni perse su 16.

Continue reading “Altra notte da incubo per la destra cilena” »

Share Button

Si sono aperti i grandi viali

Atilio A. Boron https://nostramerica.wordpress.com

Nel suo ultimo discorso dell’11 settembre del 1973 e mentre l’aviazione bombardava La Moneda, Salvador Allende dichiarava fiducioso che presto o tardi si sarebbero aperti i grandi viali per far manifestare a cilene e cileni la voglia di un mondo migliore.

Continue reading “Si sono aperti i grandi viali” »

Share Button

Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne

Jorge Piñera, il presidente cileno recentemente denunciato alla Corte penale internazionale per crimini contro l’umanità, ha ammesso senza messi termini la catastrofica sconfitta alle recenti elezioni cilene del raggruppamento di destra di cui è il leader. Ridotta a un 20% dell’elettorato la destra quindi non potrà, auspicabilmente svolgere alcun ruolo di rilievo nella stesura della prossima Costituzione cilena, destinata finalmente a superare quella octroyée da Pinochet.

Continue reading “Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne” »

Share Button

Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile

Histoire et Societé

Sorpresa elettorale, debacle dei partiti tradizionali, “notte dei lunghi coltelli” nella destra, inizio della fine per gli eredi di Pinochet, enorme sconfitta del presidente Sebastián Piñera, che l’ha riconosciuto, vittoria del movimento popolare …

Continue reading “Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile” »

Share Button

Chile: adiós a la Constitución de Pinochet… ¿para siempre?

Storica vittoria in Cile

 

Il Presidente Miguel Díaz-Canel ha definito in un messaggio nel suo account in Twitter “una storica vittoria”, il risultato della votazione del popolo cileno che con il 78,27% a favore ha approvato la redazione di una nuova Costituzione che sostituisca la vigente, del 1980, dal governo del dittatore Augusto Pinochet.

Continue reading “Chile: adiós a la Constitución de Pinochet… ¿para siempre?” »

Share Button

Messaggio Atto Internazionale 50esimo Unidad Popular del Cile

Díaz-Canel: Entusiasma ed emoziona che le forze della sinistra d’ America Latina onorino la nostra comune storia di lotte

Messaggio del Presidente della Repubblica di Cuba in occasione dell’Atto Internazionale in omaggio al cinquantenario dell’Unità Popolare del Cile

www.granma.cu

Continue reading “Messaggio Atto Internazionale 50esimo Unidad Popular del Cile” »

Share Button

Io ero lì, quell’11 settembre del 73 in Cile

Cile 11/09/73: il golpe per fermare la rivoluzione. Il racconto di Erwin Ibarra che all’epoca studiava per entrare nella guardia di Allende

www.ancorafischiailvento.org

«Tre anni prima del golpe la vittoria di Allende fu anche un effetto delle divisioni nella destra. Unidad Popular, invece, era la coalizione che aveva messo insieme i due principali partiti operai (il Pc e i socialisti) con due forze borghesi (il partito radicale e una scissione della Dc, la Izquierda Cristiana) su quello che venne chiamato il “programma delle 40 misure”». L’undici settembre del 73 sorprese Erwin Ibarra, diciannovenne, all’ombra delle Ande, non lontano da Santiago. Lì, a Cañaveral, c’era una delle residenze presidenziali trasformata in scuola militare e politica del Grupo de Amigos Personales del Presidente, una sorta di scorta armata di Allende.

Continue reading “Io ero lì, quell’11 settembre del 73 in Cile” »

Share Button