Tag Archives: Cile

Menzogne e “sanzioni” per far “urlare” l’economia venezuelana

Geraldina Colotti

L’11 settembre 1973, il colpo di stato contro Salvador Allende in Cile aprì la strada alla devastante politica economica dei “Chicago Boys”. I meccanismi con cui Washington ha deciso di “far urlare l’economia cilena” – attacco alla moneta, blocco finanziario, inflazione indotta – sono gli stessi che ha imposto al Venezuela bolivariano attraverso “sanzioni”, moltiplicate per via della diffusione globale del capitalismo. Non per niente, dopo il golpe cileno, il FMI ha aiutato il governo Pinochet con ingenti prestiti, mentre negava qualsiasi aiuto finanziario al presidente Allende. Lo stesso accade oggi nell’Ecuador del banchiere Guillermo Lasso,

Continue reading “Menzogne e “sanzioni” per far “urlare” l’economia venezuelana” »

Share Button

11.09.73: golpe in Cile

Share Button

Cile 11.09.73: x non dimenticare

I Maestri del Socialismo

LE RAGIONI PER CUI L’IMPERIALISMO USA DISTRUSSE IL GOVERNO ALLENDE

“Non vedo alcuna ragione per cui ad un paese dovrebbe essere permesso di diventare marxista soltanto perché il suo popolo è irresponsabile. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.”

“Di tutti i capi di governo dell’America Latina, noi ritenemmo Allende il più pernicioso per gli interessi del nostro paese. Egli era palesemente pro-Castro e si opponeva agli Stati Uniti. Le sue politiche interne erano una minaccia per la democrazia cilena e per i diritti umani.”

(Henry Kissinger)

Anche prima della sua vittoria elettorale (avvenuta nel 1970), Allende attirò rapidamente su di sé il veto dell’establishment politico statunitense. A causa delle sue idee socialiste, si cominciò a temere che ben presto il Cile sarebbe diventato una nazione comunista e sarebbe entrato nella sfera d’influenza dell’Unione Sovietica. Per di più gli USA avevano cospicui interessi economici in Cile, con società come ITT, Anaconda, Kennecott ed altre. L’amministrazione Nixon, in particolare, fu la più strenua oppositrice di Allende, per il quale nutriva un’ostilità che il Presidente ammetteva apertamente.

Continue reading “Cile 11.09.73: x non dimenticare” »

Share Button

Uno spettro si aggira per l’America Latina

Fabrizio Verde  www.lantidiplomatico.it

Fino a non molto tempo fa era comune ascoltare ragionamenti sulla fine del cosiddetto ciclo progressista in America Latina. Discorsi forse più vicini al pensiero illusorio, wishful thinking in inglese, che ad analisi fondate sulla realtà dei fatti. E’ vero che negli ultimi anni in America Latina la sinistra aveva perso alcune posizioni, ma nonostante tutto il nocciolo duro di paesi socialisti e integrazionisti ha tenuto.

Continue reading “Uno spettro si aggira per l’America Latina” »

Share Button

Altra notte da incubo per la destra cilena

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Altra notte da incubo per la destra cilena e per la ultra destra filo Pinochet.

L’alleanza del presidente di destra filostatunitense Piñera, “Chile Vamos”, ha perso praticamente tutto al secondo turno delle elezioni regionali.

Il risultato è stato 12-1, che, sommato al 3-0 del primo turno, fa un totale di 15 regioni perse su 16.

Continue reading “Altra notte da incubo per la destra cilena” »

Share Button

Si sono aperti i grandi viali

Atilio A. Boron https://nostramerica.wordpress.com

Nel suo ultimo discorso dell’11 settembre del 1973 e mentre l’aviazione bombardava La Moneda, Salvador Allende dichiarava fiducioso che presto o tardi si sarebbero aperti i grandi viali per far manifestare a cilene e cileni la voglia di un mondo migliore.

Continue reading “Si sono aperti i grandi viali” »

Share Button

Duque, Bolsonaro e Piñera: tra tutela e crimini contro l’umanità

Mision Verdad,

Giorni fa alcuni portali riferivano che il presidente colombiano Iván Duque fu denunciato alla Corte penale internazionale (CPI) per crimini contro l’umanità. Questo rapporto fu realizzato dal senatore Iván Cepeda e dalle organizzazioni sociali a causa delle manifestazioni nel contesto dello sciopero nazionale iniziato il mese scorso ed ancora in corso in Colombia.

Continue reading “Duque, Bolsonaro e Piñera: tra tutela e crimini contro l’umanità” »

Share Button

Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne

Jorge Piñera, il presidente cileno recentemente denunciato alla Corte penale internazionale per crimini contro l’umanità, ha ammesso senza messi termini la catastrofica sconfitta alle recenti elezioni cilene del raggruppamento di destra di cui è il leader. Ridotta a un 20% dell’elettorato la destra quindi non potrà, auspicabilmente svolgere alcun ruolo di rilievo nella stesura della prossima Costituzione cilena, destinata finalmente a superare quella octroyée da Pinochet.

Continue reading “Cile, la riscossa del popolo passa anche per le urne” »

Share Button

Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile

Histoire et Societé

Sorpresa elettorale, debacle dei partiti tradizionali, “notte dei lunghi coltelli” nella destra, inizio della fine per gli eredi di Pinochet, enorme sconfitta del presidente Sebastián Piñera, che l’ha riconosciuto, vittoria del movimento popolare …

Continue reading “Debacle dei “partiti d’ordine” in Cile” »

Share Button

Che l’ultimo spenga la luce

Sergio Rodríguez Gelfenstein, Mision Verdad

Il mio caro amico Luis Casado mi ha detto più volte che i titoli dei miei articoli non corrispondono al contenuto. La ragione non mancava, riconosco che è un’abilità che non ho. Al contrario, gli scritti di Luis dicono molto dal titolo. Uno dei suoi ultimi si chiamava “Salvare il business” e forse non c’è modo migliore di esprimere le vicissitudini che attraversa il sistema di democrazia rappresentativa neoliberale per sostenere il potere ad ogni costo, anche truccandosi in modo che “tutto cambi senza niente cambi” coll’obiettivo di mantenere i privilegi a costo di esclusione e repressione della maggioranza con una delle poche risorse rimaste: la forza.

Continue reading “Che l’ultimo spenga la luce” »

Share Button

Il Venezuela ha la sua strategia: scudo bolivariano

Sergio Rodríguez Gelfenstein  https://misionverdad.com

Nel corso della storia (per lo meno dalla fine della seconda guerra mondiale) l’impronta interventista USA ha avuto la CIA come attore principale. L’intera impalcatura cospirativa che ha portato a invasioni armate, colpi di stato contro presidenti democratici, assassinio di dirigenti, destabilizzazione di paesi, addestramento di terroristi e ufficiali di altre nazioni, applicazione di interrogatori sotto tortura e la sistematizzazione di metodi per ottenere informazioni violando i diritti umani e tutti i tipi di azioni illegali avevano come asse operazioni segrete e d’intelligence di quel servizio fondato nel 1947.

Continue reading “Il Venezuela ha la sua strategia: scudo bolivariano” »

Share Button

Cubainformacion: sistema inefficiente?

Qual è il sistema inefficiente che genera emigrazione?

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

A gennaio, una nuova carovana con seimila persone in fuga dalla miseria, condizioni malsane e violenza in Honduras, diretta negli USA, è stata fermata ed attaccata con gas dalla polizia guatemalteca (1). Un paese, questo che -a sua volta- ha il più alto tasso di denutrizione cronica di tutta l’America Latina (2).

Continue reading “Cubainformacion: sistema inefficiente?” »

Share Button

Cubainformacion: vaccini e frodi elettorali

Vaccini e frodi elettorali: una stampa per governi ed aziende farmaceutiche

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

Senza completare gli studi clinici, senza verifica sanitaria: un semplice comunicato stampa della multinazionale USA Pfizer, assicurando che il suo vaccino contro il Covid è efficace al 90%, ha accresciuto a dismisura il valore della società (1) ed il suo presidente ha intascato, in un giorno, 5,6 milioni di $ dopo aver venduto le azioni (2).

Continue reading “Cubainformacion: vaccini e frodi elettorali” »

Share Button

Nuovi documenti CIA confermano ruolo USA nel Golpe contro Allende

I documenti declassificati mostrano come Nixon e Kissinger abbiano stabilito la strategia di destabilizzazione e come l’hanno attuata

www.lantidiplomatico.it

All’inizio di questo mese, l’Archivio della sicurezza nazionale USA, NSA, ha pubblicato una raccolta di documenti declassificati che forniscono una registrazione dettagliata di come e perché il presidente statunitense dell’epoca, Richard Nixon (1968-1973) e il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Henry Kissinger, stabilirono e seguirono una politica di destabilizzazione in Cile prima della vittoria di Salvador Allende.
Share Button

Alla ricerca del sud

Le recenti sconfitte della destra continentale in Bolivia e in Cile lasciano in discussione la ripetuta ma fallace tesi della fine delle alternative progressive nella Nostra America. In un paio di settimane, i popoli della Bolivia e del Cile hanno inferto duri colpi all’offensiva conservatrice della regione, dimostrando che più che un pendolo politico o una chiusura del ciclo progressista, l’America Latina sta vivendo un crescente inasprimento della lotta politica. In questo ottobre andino del 2020, le urne hanno tradotto gli anni di lotta accumulati dai movimenti sociali di questi popoli, dimostrando l’incredibile capacità di resistenza popolare di fronte alla cruda repressione che hanno dovuto affrontare.

Continue reading “Alla ricerca del sud” »

Share Button