Tag Archives: Citibank

Cifre e Dati che smontano la “Crisi Umanitaria” in Venezuela

da lantidiplomatico.it – Mision Verdad

L’annuncio dell’ingresso  di “aiuti umanitari” da parte degli Stati Uniti attraverso i confini della Colombia e del Brasile – valutato 20 milioni di dollari e totalmente irrisorio in contrasto con il danno prodotto dall’assedio finanziario quantificato in 30 miliardi di dollari – non riesce ad egemonizzare l’opinione pubblica, in particolare per le minacce di intervento militare che sono filtrate dalla Casa bianca, ma anche perché i dati reali sulla situazione politica ed economica del Venezuela non sono in sintonia con quelli delle nazioni che vivono una profonda devastazione sociale.

Continue reading “Cifre e Dati che smontano la “Crisi Umanitaria” in Venezuela” »

Share Button

Venezuela: sanzioni economiche e manipolazione migratoria

Katu Arkonada  www.cubadebate.cu

L’imminente visita di Nicolás Maduro in Messico ha suscitato l’indignazione non solo della destra, ma anche di alcuni settori di Morena.

Continue reading “Venezuela: sanzioni economiche e manipolazione migratoria” »

Share Button

Alla rovescia

Pasqualina Curcio https://lapupilainsomne.wordpress.com

1. Il Venezuela è uno dei pochi paesi, se non l’unico, con un regime “dittatoriale” il cui “dittatore” esercita la tirannia dopo aver lasciato l’incarico. Di più: essendo dittatore, organizza un auto-golpe: nel gennaio 2017, l’Assemblea Nazionale, con il voto maggioritario della rappresentanza dell’opposizione al governo nazionale (la maggioranza del Parlamento è in mano all’opposizione dopo le ultime elezioni parlamentarie, ndr) ha deciso che il presidente Nicolás Maduro aveva abbandonato l’incarico di Presidente; un mese più tardi, gli stessi rappresentanti deputati convennero che eravamo in presenza di una dittatura guidata dal Presidente della Repubblica (lo stesso che secondo loro aveva lasciato l’incarico un mese prima). Un mese più tardi, essendo già “dittatore” in carica, secondo gli stessi rappresentanti deputati, il presidente ha fatto un colpo di stato.

Continue reading “Alla rovescia” »

Share Button

Un piccolo dettaglio sulle accuse alla Russia

 di influire sull’elezione di Trump

Iroel Sánchez  https://lapupilainsomne.wordpress.com

trump-putin-russo“Dobbiamo fare qualcosa e lo faremo”, ha detto il presidente USA, Barack Obama, in un’intervista alla National Public Radio (NPR) riguardo all’accusa di agenzie di intelligence USA che segnalano il governo russo dietro le pubblicazioni di email di personale della campagna della candidata del Partito Democratico, Hillary Clinton, fatto a cui attribuiscono la vittoria di Donald Trump nelle ultime elezioni USA dell’8 novembre.

Continue reading “Un piccolo dettaglio sulle accuse alla Russia” »

Share Button

Bisogna dirla tutta

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

vietnamLeggendo il web, in questi giorni, torno a ricordare a John Kerry, quando durante l’inaugurazione dell’ambasciata USA a L’Avana, ci pose d’esempio il Vietnam, “un paese dinamico con un’economia in crescita”, ma non ci disse che in quella terra sorella, con la forza culturale che rappresentano migliaia di anni come nazione prima che esistessero gli USA ed una propria lingua, con otto volte la popolazione di Cuba ed a migliaia di chilometri dal territorio USA, tutti i media sono di proprietà pubblica, e le normative in materia di diffusione delle informazioni da parte dei privati attraverso Internet sono molto più restrittive di qui. E’ molto interessante quando proprio da fonti che, in Vietnam, mai esisterebbero si coincide nel dire e tacere lo stesso di Kerry sul Vietnam.

Continue reading “Bisogna dirla tutta” »

Share Button

Né Trump né Hillary, le banche!

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

trump-clinton-dollar

Il mondo ha passato mesi a chiedersi chi governerà, nei prossimi quattro anni, il paese più potente della storia, se la “democratica” Hillary Clinton o il “repubblicano” Donald Trump e, infine, questo martedì assisteremo al coronamento di un processo a cui è stato molto difficile restare indifferenti.

Continue reading “Né Trump né Hillary, le banche!” »

Share Button