Tag Archives: Ecuador

Tra i carri armati di Sebastián Piñera e i voti per Evo Morales

Gennaro Carotenuto –  https://nostramerica.wordpress.com

New York – Solo il Cile riesce ad accendere uno spot informativo sull’America latina nuovamente in fiamme, felicemente restituita al suo destino di essere governata dalle destre, col bastone e senza carota, rispetto all’anomalia dei governi di centro-sinistra definiti da Donald Rumsfeld “l’asse del male latinoamericano da colpire”. E colpita, non con le bombe, ma con un uragano di propaganda.

Continue reading “Tra i carri armati di Sebastián Piñera e i voti per Evo Morales” »

Share Button

E se fosse successo in Venezuela

quello che succede in Ecuador e Cile?

Clodovaldo Hernandez – LaIguana.tv

 

Poiché oggi è domenica, facciamo un po’ di esercizio. Ovviamente raccomando anche l’esercizio fisico, ma in questo caso mi riferisco al gioco di ipotizzare, cosa sarebbe successo se…? Vediamo:

Continue reading “E se fosse successo in Venezuela” »

Share Button

Ecuador: i politici di opposizione imprigionati dalla dittatura di Moreno

di Fabrizio Verde  www.lantidiplomatico.it

Nonostante la ferrea censura mediatica la storia la conosciamo. Il regime di Lenin Moreno in Ecuador decide di implementare una serie di misure neoliberiste per soddisfare le richieste del Fondo Monetario Internazionale. Queste misure provocano, tra le altre cose, un forte aumento del costo del carburante e dei trasporti. Nasce una vera e propria ribellione popolare capeggiata dai settori indigeni del paese. Dopo 12 giorni di proteste durissime il governo capitola e decide di abrogare l’ormai famigerato decreto 883.

Continue reading “Ecuador: i politici di opposizione imprigionati dalla dittatura di Moreno” »

Share Button

Distopia alla finestra

Rosa Miriam Elizalde

L’ispanista Karl Zeligman raccontò che aveva 12 anni quando lasciò la Germania, nel 1939, in un aereo occupato da bambini ebrei diretti a Londra. All’arrivo nello spazio aereo britannico, la torre di controllo vietò l’atterraggio ed esigette al pilota di tornare in Germania. Egli simulò un’avaria ed un atterraggio forzato, cosciente di cosa aspettasse ai passeggeri se fossero tornati nel loro paese. Il professor Zeligman per decenni continuò a sognare di essere su quell’aereo e che mai atterravano a Londra. Il suo incubo -lo sapeva- era la realtà in cui erano installati altri.

Continue reading “Distopia alla finestra” »

Share Button

Le ultime di Luis Almagro

A grosso modo, affrontiamo solo alcune delle sue ultime apparizioni. In nessuna di esse ha usato una parola per condannare ciò che ha sofferto il popolo ecuadoriano e tanto meno il “pacchetto” neoliberale imposto

Elson Concepción Pérez  www.granma.cu

Continue reading “Le ultime di Luis Almagro” »

Share Button

L’Ecuador, cinque anni fa

Alessandra Riccio https://nostramerica.wordpress.com

Ce l’avevo fatta: dopo tanti anni quel tabù era caduto ed io ero finalmente arrivata in Ecuador, uno dei pochi paesi che ancora non conoscevo di un’ America che ha assorbito gran parte dei miei interessi e suscitato molte delle mie passioni. Calpestavo una terra che per molti anni ero stata incapace di includere nei miei viaggi, dopo che un terribile e crudelissimo incidente aereo aveva posto fine ai trenta anni di Ines, la migliore fra le mie allieve, la più ribelle e appassionata.

Continue reading “L’Ecuador, cinque anni fa” »

Share Button

Perché la vittoria del movimento indigenista non è totale in Ecuador?

Ci sono alcune celebrazioni in Ecuador. Sono cominciate la serata della domenica quando il governo nazionale ed il movimento indigeno, centralmente attorniato nella Coordinatrice delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (CONAIE) hanno annunciato di essere giunti ad un accordo rispetto al decreto 883, quello che ha tolto i sussidi alla benzina.

Continue reading “Perché la vittoria del movimento indigenista non è totale in Ecuador?” »

Share Button

Come interpretare ciò che accade in Ecuador

Mision Verdad

Molte cose sono successe negli ultimi giorni in Ecuador. Questo nuovo ciclo di crisi e instabilità è caratterizzato dall’applicazione di stato di eccezione, militarizzazione delle piazze, sistematica persecuzione dei media e forte repressione poliziesca delle manifestazioni. Il governo veniva trasferito a Guayaquil, dopo che il traballante presidente Lenín Moreno perdeva il controllo della capitale Quito.

Continue reading “Come interpretare ciò che accade in Ecuador” »

Share Button

Trump e il suo cortile in profonda crisi

controrivoluzione, ciclo breve e pericoloso

Clodovaldo Hernández, Laiguana TVHistoire et Societé,

Trump, Ecuador, Argentina, Perù e l’opposizione venezuelana soffrono di crisi simultanee: un momento di grande pericolo

 

Continue reading “Trump e il suo cortile in profonda crisi” »

Share Button

Intervista ad Amauri Chamorro: Ecuador è vicino alla guerra civile.

di Geraldina Colotti

“Siamo al bordo di una guerra civile”. Amauri Chamorro, analista e consulente internazionale di formazione marxista commenta così la situazione in Ecuador, suo paese di nascita nel quale ha accompagnato la campagna elettorale di Rafael Correa e poi di Lenin Moreno. Lo abbiamo incontrato a Caracas, nel pieno di una rivolta popolare contro le misure neoliberiste imposte dal governo Moreno, che ha tradito il programma per il quale era stato proposto dallo stesso Correa.

Continue reading “Intervista ad Amauri Chamorro: Ecuador è vicino alla guerra civile.” »

Share Button

Ecuador, la democrazia dal basso

 Fabrizio Casari – www.altrenotizie.org

Il fiume di indigeni che invade Quito, proietta sulla scena internazionale un film da non perdere. Protagonisti, coloro i quali vengono immaginati sempre e solo come braccia povere destinate a produrre altrui ricchezze. Stavolta però il film si fa documentario e racconta una storia diversa, quella di chi non accetta di vedersi ridurre lo spazio di sopravvivenza per favorire un ulteriore salto dei profitti privati. E non pensa nemmeno di dover ridurre le sue possibilità per aumentare le royalties delle imprese estrattive statunitensi che, dall’arrivo a Quito di Lenin Moreno, hanno ricominciato a considerare l’Ecuador come un protettorato energetico di Washington.

Continue reading “Ecuador, la democrazia dal basso” »

Share Button

Fine del ciclo (breve) in Ecuador

Alfredo Serrano Mancilla – Celag

L’Ecuador è un altro esempio dell’incapacità del neoliberismo di fornire stabilità politica, sociale ed economica. L’FMI può diventare “un’arma di distruzione di massa” in tempi record. E ancora di più se il paese è stato precedentemente trasformato con politiche progressiste in base ai principi di sovranità. Come spesso ci affrettiamo a credere, i cittadini non dimenticano così in fretta. Il ciclo progressista ecuadoriano, sotto l’impronta del correismo, non era terminato, nonostante la svolta a 360 gradi che Lenin Moreno ha cercato di imporre – a tal proposito, vale la pena ricordare che non è stato eletto per questo.

Continue reading “Fine del ciclo (breve) in Ecuador” »

Share Button

Riflessioni su Ecuador e Venezuela

Fabrizio Verde www.lantidiplomatico.it

La sollevazione popolare in Ecuador scatenata dalla volontà del presidente Lenin Moreno di implementare un pacchetto di misure antipopolari richieste dal Fondo Monetario Internazionale ci porta ad effettuare alcune necessarie riflessioni.

Continue reading “Riflessioni su Ecuador e Venezuela” »

Share Button

Tutto quello che devi sapere sulla situazione in Ecuador

(con le ripercussioni sullo scenario venezuelano)

MISION VERDAD

Molte cose sono successe negli ultimi giorni in Ecuador.

Questo nuovo ciclo di crisi e instabilità è stato caratterizzato dall’applicazione di uno stato di eccezione, dalla militarizzazione delle strade, dalla sistematica persecuzione dei media e da una forte repressione poliziesca delle manifestazioni. Il governo è stato trasferito a Guayaquil, dopo che il traballante presidente Lenín Moreno ha perso il controllo della capitale Quito.

Continue reading “Tutto quello che devi sapere sulla situazione in Ecuador” »

Share Button

Ecuador: popoli indigeni e movimenti sociali entrano a Quito

di Fabrizio Verde 

Immagini che valgono più di mille parole e tante cronache: i movimenti indigeni e sociali dell’Ecuador in rivolta contro le misure neoliberiste implementate dal presidente Lenin Moreno avanzano entrando nella capitale Quito al grido di «el Pueblo Unido jamas sera vencido», con le forze di sicurezza del regime che arretrano.

Continue reading “Ecuador: popoli indigeni e movimenti sociali entrano a Quito” »

Share Button