Tag Archives: fidel

La lettera di un guerrigliero

È il 3 ottobre del 1965 e si costituisce il Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba. La guida di Fidel ha reso possibile l’unità delle diverse forze politiche che hanno affrontato il regime di Batista.

Nella presentazione c’è un assente che riunisce tutti i meriti. E allora Fidel legge la lettera di commiato del Che.

È una delle lettere più commoventi della storia di Cuba.

Continue reading “La lettera di un guerrigliero” »

Share Button

Discurso Fidel – 10.10.60

DISCURSO PRONUNCIADO POR EL COMANDANTE EN JEFE FIDEL CASTRO RUZ EN EL ACTO CLAUSURA DEL PRIMER CONGRESO NACIONAL DE LOS CONSEJOS MUNICIPALES DE EDUCACION, EFECTUADO EN EL SALON TEATRO DEL PALACIO DE LOS TRABAJADORES, EL 10 DE OCTUBRE DE 1960

Share Button

Patria e amore

“Non c’è mai un fine. Ci sono solo sempre degli inizi. Come diceva il Che: ci sono persone che hanno ‘il loro al di là’ nel popolo e che nascono, che nascono sempre …”

L’8 ottobre 1997 è iniziato il V Congresso del Partito Comunista di Cuba. Per tre giorni l’avanguardia rivoluzionaria del nostro paese ha dibattuto e serrato i ranghi per continuare unita la via del socialismo. In quel Congresso la presenza del Che era diversa: i suoi resti mortali erano stati ritrovati e si trovavano nella sua patria delle Antille.

Continue reading “Patria e amore” »

Share Button

Fidel: 15 ottobre 1976

Share Button

Che Guevara a Fidel

Il 3 ottobre 1965, durante la presentazione del primo Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba (PCC), Fidel ha letto la lettera di addio del Che Guevara.

Continue reading “Che Guevara a Fidel” »

Share Button

Discorso Fidel Castro Ruz 03/10/1965

Discorso pronunciato dal Comandante in Capo Fidel Castro Ruz in occasione della presentazione del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, teatro “Chaplin”
03/10/1965
Share Button

Discorso Fidel – 28.09.60

DISCORSO PRONUNCIATO DAL COMANDANTE IN CAPO FIDEL CASTRO RUZ AL SUO RIENTRO DALLE NAZIONI UNITE, NELLA MANIFESTAZIONE DAVANTI AL PALAZZO, IL 28 SETTEMBRE 1960

Cubani,

Noi non eravamo… (Problemi tecnici impediscono l’ascolto al popolo radunato davanti al Palazzo).

Penso che l’imperialismo sta sabotando, che sta facendo uso, in qualche modo, della magia o di qualcosa del genere.

Continue reading “Discorso Fidel – 28.09.60” »

Share Button

UNEAC 1961, una nascita campale

Il Presidente Miguel Díaz-Canel, nel suo account di Twitter, ha scritto: «Auguri agli scrittori e agli artisti cubani che fanno parte della UNEAC, in occasione del suo anniversario. Ho ricordi indimenticabili degli incontri con i membri della UNEAC, che mi hanno apportato preziosi insegnamenti, speranze e criteri».

Continue reading “UNEAC 1961, una nascita campale” »

Share Button

I Dichiarazione de L’Avana, 2 settembre 1960

DISCORSO PRONUNCIATO DAL COMANDANTE IN CAPO FIDEL CASTRO RUZ ALLA GRANDE ASSEMBLEA POPOLARE DEL POPOLO DI CUBA ALLA PIAZZA CIVICA, 2 SETTEMBRE 1960

Continue reading “I Dichiarazione de L’Avana, 2 settembre 1960” »

Share Button

Mercedes Barcha all’Avana

Rosa Miriam Elizalde www.cubadebate.cu

Mercedes Barcha è morta il 15 agosto, a Città del Messico, all’età di 87 anni. La pandemia non ha permesso l’addio che meritava e i necrologi sono troppo simili tra loro. Sono documenti del visibile: la vedova di Gabriel García Márquez; l’amministratrice efficiente; la moglie, la madre e la nonna; la regina “serena e severa” che faceva onore ai suoi antenati egiziani; quella che ha portato i suoi elettrodomestici in un banco dei pegni per pagare la spedizione dell’originale di ‘Cent’anni di solitudine’.

Continue reading “Mercedes Barcha all’Avana” »

Share Button

Vive tra di noi

Eternamente nel cuore del suo popolo, il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz ha ricevuto per il suo 94º compleanno un caldo omaggio dei santiagheri che hanno rappresentato i loro compatrioti che, per la COVID – 19, non hanno potuto partecipare, e gli hanno offerto fiori davanti alla roccia monumento che custodisce le sue ceneri

Eduardo Palomares – Germán Veloz Placencia

Continue reading “Vive tra di noi” »

Share Button

Parole profetiche

Il presidente cubano assicura che è stato grazie al “lavoro” del suo leader Fidel Castro per gli “indubbi” successi del Paese nella lotta alla pandemia COVID-19

“Oggi 94 anni di Fidel, al cui lavoro dobbiamo gli indubbi successi che ci hanno portato a controllare la il COVID-19”, ha detto oggi il presidente cubano Miguel Díaz-Canel attraverso il suo account Twitter, nel 94 ° anniversario della nascita di Fidel Castro, leader della Rivoluzione ed ex capo di stato di Cuba.

Continue reading “Parole profetiche” »

Share Button

Il Fidel che vive in me

Conoscerlo è stato un privilegio; accompagnarlo in vari compiti per alcuni anni, tutta una competizione; imparare dai suoi insegnamenti, una permanente sfida. Fidel era un uragano di idee. Non smetteva un minuto di analizzare, scrutinare, proporre, domandare, contrappuntare. Da ogni gli idea nascevano idee nuove; da ogni problema, una moltitudine di soluzioni.

Continue reading “Il Fidel che vive in me” »

Share Button

Lettera di Frei Betto a Fidel

La nostra amata Cuba, Fidel, ha reagito alla pandemia con uno sforzo eroico

Frei Betto  www.cubadebate.cu

Caro Fidel:

Questo giorno del tuo compleanno provo molta nostalgia per le nostre conversazioni. E, soprattutto, della tua luminosa intelligenza per guidarci in questa nuova situazione pandemica.

La vita e la storia sono piene di imprevisti. Con tanti attentati che la CIA ha preparato per assassinarti, chi avrebbe immaginato che saresti passato dall’altra parte della vita pacificamente nel tuo letto, circondato dai tuoi cari e onorato dal tuo amato popolo cubano? Chi avrebbe immaginato che l’Unione Sovietica si sarebbe disintegrata nel 1991 senza sparare un solo colpo? Chi avrebbe immaginato che gli USA avrebbero avuto un presidente nero e la Chiesa cattolica un papa argentino progressista?

Continue reading “Lettera di Frei Betto a Fidel” »

Share Button

Fidel, il suo popolo ed i nuovi imprescindibili insegnamenti

La trasformazione educativa che ha guidato è stata capace di convertire un popolo, dove erano comuni gli analfabeti totali e funzionali, in protagonista di imprese scientifiche, culturali e militari, che solo possono nascere da uno sviluppo di massa delle intelligenze che il capitalismo ha reso invisibile con l’esclusione classista di una repubblica idealizzata dai suoi nemici ma verificata, da lui e dai suoi compagni, nelle sue più dolorose iniquità.

Iroel Sánchez  www.granma.cu

Continue reading “Fidel, il suo popolo ed i nuovi imprescindibili insegnamenti” »

Share Button