Tag Archives: fidel

I giorni che fecero tremare il mondo

Ci sono fatti che identificano gli uomini. Uomini che identificano i popoli.

Idee che sono principi. Principi che conducono alla vittoria.

E nessuna vittoria si ottiene senza lotta, senza che avvengano contrarietà, senza sogni, non tutti realizzati.

Fidel Castro, il più grande dei cubani del XX secolo, non solo ha parlato e scritto su questi temi, ma ha predicato con esempio e tenacia irripetibili che la lotta è possibile, che i rovesci ne sono parte e che la vittoria si può conquistare.

Continue reading “I giorni che fecero tremare il mondo” »

Share Button

Fidel: l’uomo che ha svelato l’inganno della democrazia liberale

di Fabrizio Verde – Cubadebate – https://www.lantidiplomatico.it

Ampio è il dibattito intorno al concetto di democrazia. Nell’Occidente capitalistico, per un vecchio retaggio ideologico risalente ai tempi della Guerra Fredda, si tende a far collimare perfettamente la democrazia con il regime liberal-capitalistico. L’operazione – che non trova alcun fondamento dal punto di vista teorico – fu imbastita da chi potrebbe essere definito un pasdaran del «fondamentalismo democratico», come ebbe a indicare Gabriel Garcia Marquez, per ovvi motivi di polemica verso l’allora blocco socialista.

Continue reading “Fidel: l’uomo che ha svelato l’inganno della democrazia liberale” »

Share Button

La storia che stiamo vivendo

Leydis María Labrador Herrera

A vent’anni la vita è ancora un sogno. C’è un futuro da scoprire, mete da edificare e fantasie da realizzare. A questa età non si pensa alla morte. Con tanta energia che pulsa nel petto, chi può immaginare che gli tocchi la fine, chi vuole andarsene quando comincia appena la sua presentazione nel mondo.

Continue reading “La storia che stiamo vivendo” »

Share Button

Il secolo di Madiba

A cento anni dalla nascita il quotidiano cubano Granma ricorda Nelson Mandela

Era l’immagine viva dell’ottimismo, della volontà di carattere. Il prolungato martirio a cui era stato ingiustamente sottoposto per più di cinquant’anni non scalfì il suo volto. Più esile e ingrigito rispetto alle foto che per anni sono circolate in tutto il mondo per chiedere la sua liberazione, ma con il sorriso come specchio della sicurezza nella vittoria, lo abbiamo visto quel 26 luglio 1991 a Matanzas, condividendo la celebrazione ‘moncadista’ con milioni di cubani.

Continue reading “Il secolo di Madiba” »

Share Button

La sedia

Marta Rojas Rodríguez

Solo in apparenza non occupava la sedia a destra di Díaz-Canel, appena eletto  presidente del Consiglio di Stato e dei Ministri, come avveniva quando Raúl occupava questo posto. La coerente continuità che l’immensa maggioranza del popolo cubano ha scelto con il suo voto, è la vittoria di chi ha occupato questa sedia fisicamente nell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare dalla sua fondazione: Fidel.

Continue reading “La sedia” »

Share Button

30° anniversario della vittoria di Cuito Cuanavale (Ip)

l’inizio della fine dell’Apartheid

Abel Sosa Martínez https://lapupilainsomne.wordpress.com

Il villaggio di Cuito Cuanavale, nel sud dell’Angola trova a circa 250 chilometri da Menongue, capitale della provincia di Cuando Cubango, era fino alla fine del 1987 una località praticamente sconosciuta al resto del mondo. Riceve tale nome per essere situata alla confluenza di due fiumi, il Cuito e il Cuanavale.

Continue reading “30° anniversario della vittoria di Cuito Cuanavale (Ip)” »

Share Button

Portorico ha sconfitto l’Impero

Papo Coss http://www.cubadebate.cu/opinion

“La patria è il punto di partenza.”

Eugenio María de Hostos

Fidel ha espresso in diverse occasioni che la cultura era la prima trincea di lotta dei popoli.

Continue reading “Portorico ha sconfitto l’Impero” »

Share Button

Due uomini, lo stesso sogno

E il barbuto parlava davanti alla folla come se avesse l’Apostolo al suo fianco.  Accompagnandolo. Guidando il cammino. Perchè più della statua perpetuata nel marmo – questa che ai cubani fa fremere ogni fibra dell’anima, quello che c’era dietro il palco della piazza era la continuità di uno stesso pensiero, come se il discepolo e il Maestro si fossero messi d’accordo.

Continue reading “Due uomini, lo stesso sogno” »

Share Button

Le basi del nostro patriottismo

Alla fine del  XIX secolo era già inimmaginabile una Rivoluzione sociale autentica che non ubicasse i suoi sogni di redenzione nell’essere umano, una torretta al disopra dei limiti della razza e della nazione.

La democrazia greca escludeva gli schiavi e le donne e senza estendermi in esempi di altre epoche, gli ideologi della Rivoluzione borghese non si occupavano dei popoli colonizzati.

Continue reading “Le basi del nostro patriottismo” »

Share Button

Discorso Fidel 08.01.1959

scarica libro in PDF caravana-libertad-completo

Discorso del Comandante in Capo Fidel Castro Ruz, al suo arrivo a L’Avana, Ciudad Libertad, 8 gennaio 1959

Compatrioti,

Io so che nel parlarvi qui, questa sera, mi trovo davanti a uno degli obblighi più difficili, forse, in questo lungo processo di lotta, avviatosi a Santiago de Cuba, il 30 novembre 1956.

Continue reading “Discorso Fidel 08.01.1959” »

Share Button

Sulla spalla dell’Isola

Torna gennaio con il suo carico di sogni limpidi e come ogni volta sembra che la truppa dei barbudos entri di nuovo nella capitale di un paese commosso dalla speranza.

Continue reading “Sulla spalla dell’Isola” »

Share Button

Io non so cos’e vivere senza Fidel…

Parole d’omaggio e rispetto per il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz, a un anno dalla sua partenza fisica, dette nella cerimonia della Cattedra d’Onore per lo studio del pensiero e dell’Opera di Fidel nell’Università d’Oriente

Io sono Fidel. Mio padre è Fidel. Mio nonno è e sarà sempre l’eterno e invitto Fidel. Il mio nome è Fidel, e la mia vita si chiama  Fidel. I miei pensieri, i miei sogni, i miei desideri, si chiamano anche loro Fidel.

Continue reading “Io non so cos’e vivere senza Fidel…” »

Share Button

Il bel messaggio a Fidel di una dottoressa laureata all’ELAM

“Arrivai a Cuba il 28 febbraio 1999. Conobbi Fidel un giorno molto normale, mentre andavamo dall’edificio degli alloggi verso l’edificio dove rimanevano le aule, ed all’improvviso lì in quel corridoio che conduceva anche al mare, pieno di palme, scende da un carro nero quell’uomo alto ed imponente, ma dolce nel suo sguardo, con una voce soave ed incomincia a salutare i miei compagni di studio che passavamo in quel momento; io lo vidi e senza sapere molto di lui, mi è venuto da piangere, per l’ammirazione, una sensazione immensa di volerlo abbracciare. Furono solo pochi minuti.

Continue reading “Il bel messaggio a Fidel di una dottoressa laureata all’ELAM” »

Share Button

Fidel tra due infanzie

Silvio Rodríguez http://www.cubadebate.cu

Ascoltai parlare di Fidel per la prima volta nella mia infanzia, ben prima del 1 gennaio 1959. A quel tempo il suo nome si diceva a bassa voce e, a volte, si percepiva nei mormorii degli anziani. Una notte lo sentii menzione alla radio, anch’essa a basso volume, in casa di alcuni parenti che avevano onde corte. Lì ascoltammo un’emittente clandestina che trasmetteva dalle montagne della Sierra Maestra, dove quel nome proibito ed i suoi amici combattevano, sparando, l’ esercito.

Continue reading “Fidel tra due infanzie” »

Share Button

Fidel Castro: etica ed azione rivoluzionaria

Omar Pérez Solomon https://lapupilainsomne.wordpress.com

Nel mezzo dell’attuale lotta ideologica, in cui alcuni insistono nel ristabilire il capitalismo a Cuba e altri nel difendere il progetto socialista cubano, è necessario persistere nel lascito fidelista per continuare l’opera di emancipazione, accogliendo le idee guida e le pratiche che preconizzasse Fidel.

Continue reading “Fidel Castro: etica ed azione rivoluzionaria” »

Share Button