Tag Archives: fidel

Fidel: parole profetiche

Share Button

USA vs Cuba … prima del 1959

Julio Alcorta  https://lapupilainsomne.wordpress.com

Se domandassimo a molti dei nostri compatrioti, e anche di altri luoghi, quali furono le accuse che sarebbero state asserite dal governo degli USA, per iniziare la sua illegale, criminale e sproporzionata aggressione contro il nostro incipiente governo rivoluzionario, il 1 gennaio 1959, sicuramente affermerebbero:

Per l’immediata approvazione della Legge sulla Riforma Agraria.

Per l’avvicinamento ai paesi socialisti, compresa l’URSS-

Per l’esempio che potremmo dare ad altri paesi dell’America Latina; eccetera eccetera

Continue reading “USA vs Cuba … prima del 1959” »

Share Button

E allora arrivò Fidel

Quando Fidel e  la sua agguerrita truppa di barbudos, induriti nella guerra contro le truppe della dittatura, irruppero nella caserma Columbia, l’8 gennaio del 1959, terminava una tappa ardua delle gesta di liberazione nazionale e cominciava un promettente e inedito capitolo della storia patria.

Continue reading “E allora arrivò Fidel” »

Share Button

Quando vedo cose buone o cose cattive, penso a come agirebbe lui

Con le stesse illusioni con cui si giunge per la prima volta al luogo di lavoro che ci accoglierà come lavoratori, la giornalista Martha Rojas giunge ogni giorno, tanto vicina e unita per sempre, da quando era molto giovane, al leader eterno della Rivoluzione Cubana, il Comandante in Capo Fidel Castro.

Noi che l’abbiamo vicina conosciamo bene l’utilità della sua presenza e la gioventù reale che padroneggia.

Continue reading “Quando vedo cose buone o cose cattive, penso a come agirebbe lui” »

Share Button

Il giorno in cui per la prima volta la Patria si vestì di verde ulivo

Santiago di Cuba – Il sollevamento armato del 30 novembre del 1956 a Santiago di Cuba s’iscrive come espressione suprema dell’identificazione del suo artefice, Frank País García, e al meglio della gioventù santiaghera, con le idee del leader della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro Ruz.

Continue reading “Il giorno in cui per la prima volta la Patria si vestì di verde ulivo” »

Share Button

Essere continuità, il miglior omaggio

Meditavo su quale poteva essere il miglior omaggio a Fidel a tre anni dalla sua mancanza fisica tra di noi e sono sicuro che «essere continuità», è la risposta.

Continue reading “Essere continuità, il miglior omaggio” »

Share Button

Il giorno in cui Fidel se n’è andato per restare per sempre fra noi

Paco Azanza Telletxiki (*); da: insurgente.org; 

Quando, nel 1991, l’URSS crollava, la controrivoluzione e l’impero che la alimentava davano per certo che a Cuba socialista rimanessero solo pochi giorni prima che le succedesse lo stesso.

A Miami i ‘gusanos’ cominciavano a preparare le valige per tornare “trionfanti” alla terra che avevano abbandonato perchè la nascente Cuba non permetteva loro di vivere come re a costo del lavoro degli altri. Ma, per loro disgrazia e non per quella del popolo cubano, dovettero disfarle e tornare alla routine quotidiana in quel putrefatto luogo chiamato ‘Little Havana”. E questo nonostante che il governo degli Stati Uniti avesse stretto ancor più il blocco approvando la legge Torricelli -1992 – e la Helms/Burton – 1996.

Continue reading “Il giorno in cui Fidel se n’è andato per restare per sempre fra noi” »

Share Button

Fidel es Fidel – Teniente Rey

Share Button

Fidel: “Evo, alzati e cammina”

Cubadebate ed il sito “Fidel, Soldato delle Idee” condividono tre aneddoti su Fidel ed Evo:

“Conobbi Fidel in un incontro per l’autodeterminazione e la solidarietà tra i popoli, organizzato nel 1992 a L’Avana. Io non avevo denaro e con quello che ho risparmiato, ho potuto comprare solo un passaggio di andata. A Cochabamba, gli organizzatori boliviani mi hanno detto: “Spendi solo quello che hai, poi là ti restituiranno il denaro e ti daranno anche il tuo passaggio di ritorno.”

Continue reading “Fidel: “Evo, alzati e cammina”” »

Share Button

Dalla mattina, sulla scalinata

25 novembre 2019. Scalinata dell’Università de L’Avana. La notte è sveglia. Gli stessi luoghi che ti hanno visto camminare tante volte nei corridoi e difendere con la forza del tuo cuore la continuità della lotta indipendentista del paese, la stessa nella quale ti formasti come rivoluzionario, smentisce gli addii e pianti di Cuba intera di tre anni fa.

Continue reading “Dalla mattina, sulla scalinata” »

Share Button

La doppia sconfitta dei nemici di Fidel

Iroel Sánchez

Bisogna situarsi, per un momento, nelle loro menti. Molto lo desiderarono e cercarono di anticiparlo mediante invasioni, rivolte innescate dalla “insoddisfazione economica e dalla penuria” suggerite in un vecchio memorandum a Eisenhower, per il successo di uno dei più dei 600 piani di assassinio a cui la congressista USA, Ileana Ros Lehtinen, ha dato il benvenuto (“I welcome the opportunity of having anyone assassinate Fidel Castro”), o augurando un fatto biologico inevitabile per ogni essere vivente che molte volte fu carne per fake news (notizie false), come si dice oggi.

Continue reading “La doppia sconfitta dei nemici di Fidel” »

Share Button

Fidel è Cuba, Cuba è Fidel

Elier Ramírez Cañedo – Cubadebate

Il destino voleva, come per avvisarci che si trattava di un nuovo viaggio verso altri orizzonti di lotta e di epopea rivoluzionaria, dare un grande simbolismo alla data della morte del Comandante, avvenuta il 25 novembre 2016, esattamente 60 anni dopo che il leader della rivoluzione cubana, sfidando l’impossibile, si lancerà in mare da Tuxpan sullo yacht Granma con i suoi compagni, determinati a liberare o dare la vita la propria patria.

Continue reading “Fidel è Cuba, Cuba è Fidel” »

Share Button

Fidel di fronte all’impero: piano contro piano

Il 13 agosto il Comandante in Capo avrebbe compiuto 93 anni. La vigenza del suo pensiero e delle sue azioni lo portano sino ai nostri giorni e sono una luce che guida i processi progressisti e giusti in tutto il mondo

Continue reading “Fidel di fronte all’impero: piano contro piano” »

Share Button

Studiare Fidel: bilancio ancora da fare

Il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz (1926-2016), è nato un 13 agosto, nella proprietà Biran, appartenente all’antica provincia di Oriente, oggi nella provincia di Holguin. Il nuovo anniversario di questo avvenimento felice trova Cuba in un momento trascendente di rottura e negazione dialettica. Già il Comandante non è con noi per offrirci le sue soluzioni di fronte alle nuove sfide. Questo, adesso, è un compito di tutti e tutte. Avanza un nuovo modello di socialismo –e sappiamo che Fidel ha aiutato a scriverlo – che abilmente sottolinea e realizza nella pratica la continuità di principi ed opere.

Continue reading “Studiare Fidel: bilancio ancora da fare” »

Share Button

Al vertice il presidente cubano

Ángel Guerra Cabrera

I

Il nuovo presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, è risultato una completa rivelazione nella massima responsabilità dello Stato. Non è che non si conoscesse il suo buon disimpegno nei precedenti incarichi. È che la massima responsabilità del governo e la complessa e difficile circostanza in cui ha dovuta esercitarla hanno richiesto, da lui, porsi rapidamente a un eccezionale livello come dirigente rivoluzionario e statista.

Continue reading “Al vertice il presidente cubano” »

Share Button