Tag Archives: Fidel Castro

Fidel ed il suo lavoro in Messico

15 luglio 1956 – Sulla rivista Bohemia viene pubblicato un lavoro di Fidel intitolato “Basta con le menzogne” che aveva realizzato il giorno nove di quello stesso mese dalla prigione di Miguel Schultz, a Città del Messico. Smentisce quanto pubblicato in un reportage nel numero precedente di quella rivista sulla sua detenzione in Messico.

Continue reading “Fidel ed il suo lavoro in Messico” »

Share Button

Fidel Castro

Fidel Castro Ruz nacque il 13 agosto del 1926 a Birán, allora provincia cubana d’Oriente. Suo padre, Angel Castro Argíz, figlio di contadini poveri della Galizia era un ricco proprietario terriero e colono di campi di canne da zucchero. Sua madre, Lina Ruz González, proveniva da una famiglia contadina della  provincia di Pinar del Río.

Imparò a leggere e scrivere nella scuola pubblica rurale di Birán e frequentò le elementari nei collegi cattolici privati La Salle e Dolores, nella città di Santiago di Cuba. Iniziò gli studi liceali nello stesso collegio di Dolores e li terminò nel collegio di  Belén, della Compagnia di Jesús, a L’Avana, dove si diplomò in lettere nel giugno del 1945.

Continue reading “Fidel Castro” »

Share Button

La controrivoluzione cubana e le sue origini

Fabián Escalante Font https://lapupilainsomne.wordpress.com

Molto è stato scritto e speculato sulle origini della controrivoluzione cubana, alcuni adducono le misure socio economiche e politiche prese dalla Rivoluzione, altri la natura socialista della stessa, i più l’influenza del “comunismo internazionale” e una infinità di spiegazioni, come fattori determinanti nel suo processo di radicalizzazione, ma purtroppo senza basi oggettive, con molta passione in correlazione con le posizioni che si siano prese, ma quasi sempre su giudizi soggettivi e solo pochi hanno raggiunto il cuore del tema.

Continue reading “La controrivoluzione cubana e le sue origini” »

Share Button

Cuba, un’ossessione nordamericana

Fabián Escalante Font https://lapupilainsomne.wordpress.com

Le relazioni tra Cuba e gli USA sono state antagonistiche fin da tempi remoti. La famosa Dottrina Monroe, che aggiudicava Cuba al Nord America al momento di rendersi indipendente dalla Spagna, più tardi due interventi militari per imporre una neocolonia vanificando l’indipendenza e la sovranità nazionale e quindi l’imposizione di diversi governi e dittature corrotte che garantiranno agli USA il controllo politico, economico e sociale dell’Isola furono le strategie seguite per assicurarsi che la “frutta matura” cadesse nel suo cortile.

Continue reading “Cuba, un’ossessione nordamericana” »

Share Button

Gli dolga o no Trump

15 anni dal dichiarare irrevocabile il Socialismo a Cuba

Enrique Rivero Atienzar – http://www.cubadebate.cu

Coloro che hanno sognato dalla fine del XIX secolo e conservano, nel XXI secolo, l’arcaica idea di annettersi Cuba hanno visto crollare, davanti ai loro occhi, quella chimera; crollo frutto del solido buon senso del popolo e della forza della Riforma Costituzionale approvata il 26 giugno 2002 dall’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, che sovranamente sottoscrisse il carattere irrevocabile del socialismo a Cuba, espanso da una estremità all’altra dell’arcipelago.

Continue reading “Gli dolga o no Trump” »

Share Button

Mangusta non mangia coccodrillo (Parte VI)

Fabián Escalante Font https://lapupilainsomne.wordpress.com

Nel suo discorso al senato, il 14 giugno 1960, pochi mesi prima della sua elezione, John F. Kennedy disse, “Dobbiamo mantenere invulnerabile una forza nucleare di rappresaglia che non sia inferiore a nessun altra (…) dobbiamo sviluppare un programma di dispersione di basi, allo stesso tempo accelerare lo sviluppo e la produzione di alcuni missili che non possano essere distrutti da un attacco a sorpresa: Polaris, Minuteman, e missili terra-aria a lungo raggio, e anche aumentare la nostra produzione di missili Atlas … “

Continue reading “Mangusta non mangia coccodrillo (Parte VI)” »

Share Button

Mangusta non mangia coccodrillo (Parte V)

Fabián Escalante Font https://lapupilainsomne.wordpress.com

I mesi che precedettero lo scoppio della Crisi dei Missili, ottobre 1962, molto prima della proposta sovietica per la dislocazione dei missili nucleari sull’isola, furono tesi e di quotidiane aggressioni, come è stato dimostrato. I tamburi di guerra avevano cominciato a suonare fin dall’inizio di quell’anno.

Continue reading “Mangusta non mangia coccodrillo (Parte V)” »

Share Button

Fidel: Conferenza ONU su Ambiente e Sviluppo

Rio de Janeiro – giugno 1992

Sig. Presidente del Brasile, Fernando Collor de Mello;

Sig. Segretario Generale delle Nazioni Unite, Butros Ghali;

Eccellenze:

Un’importante specie biologica corre il rischio di sparire per la rapida e progressiva liquidazione dalle sue condizioni naturali di vita: l’uomo.

Continue reading “Fidel: Conferenza ONU su Ambiente e Sviluppo” »

Share Button

Il sabotaggio silenzioso, che Cuba non dimentica

Alejandra García http://www.granma.cu

Fu un incubo. Ai corpi di guardia cominciarono ad arrivare, ad ondate, bambini e poi adulti, con gli stessi sintomi che sembravano un comune raffreddore e che peggioravano quando la malattia era trattata come tale. In pochi giorni, alla fine di maggio del 1981, tutti gli ospedali e policlinici dell’isola stavano assistendo alla più letale delle epidemie fino a quel momento vissute, negli anni della Rivoluzione, senza neppure sapere da dove venisse quella malattia né come fermarla.

Continue reading “Il sabotaggio silenzioso, che Cuba non dimentica” »

Share Button

Perchè Cuba ha vinto tutte le battaglie

A L’Avana, nella splendida piazza de Armas, tra palazzi antichi e mercatini permanenti di libri contornati da  giardini e palme spicca al centro la statua di Carlos Manuel De Cespedes che nella storia di Cuba è chiamato “Il padre della Patria”.

Continue reading “Perchè Cuba ha vinto tutte le battaglie” »

Share Button

Rafael Correa rende omaggio a Fidel Castro

Gratitudine risultò essere la parola più pronunciata durante poco più di 12 ore che durò la visita a Santiago di Cuba del presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, iniziando il suo soggiorno ufficiale nel paese.

Continue reading “Rafael Correa rende omaggio a Fidel Castro” »

Share Button

L’impazienza dell’impero ed il suo danno collaterale

Iroel Sánchez – https://lapupilainsomne.wordpress.com/

“C’è stato un periodo di pazienza strategica, ma è terminato”, ha affermato il vicepresidente USA Mike Pence. Lo ha detto dalla frontiera che divide a metà la penisola coreana, ma dalle sue parole, lì, è chiaro non si riferisse solo alle minacce che il suo governo ha fatto contro la Corea del Nord poiché, ha aggiunto, riferendosi ai bombardamenti USA con missili Tomahowk contro una base aerea delle forze armate siriane, e con una “super bomba” in Afghanistan, effettuati giorni prima: “In queste due ultime settimane, il mondo è stato testimone della forza e della determinazione del nostro nuovo presidente durante le operazioni effettuate in Siria ed Afghanistan”.

Continue reading “L’impazienza dell’impero ed il suo danno collaterale” »

Share Button

L’epopea di Giron

L’esempio della dignità e della morale di Fidel, primo artefice del trionfo, è stato esaltato nella manifestazione per il 56º anniversario della vittoria di Playa Girón, avvenimento che ha posto le fondamenta dell’eroismo del popolo cubano.

Continue reading “L’epopea di Giron” »

Share Button

La battaglia per l’indennizzo.La seconda vittoria di Girón

Fidel sapeva già come negoziare  con gli Stati Uniti dopo la  vittoria lampo di 72 ore, che portò alla detenzione dei 1200 mercenari a Playa Girón.

Continue reading “La battaglia per l’indennizzo.La seconda vittoria di Girón” »

Share Button

Venezuela: “lei ha in me un figlio”

Elier Ramirez Cañedo https://lapupilainsomne.wordpress.com

“Mi dia Venezuela il modo in cui posso servirla: lei ha in me un figlio”

A solo 23 giorni dal trionfo della Rivoluzione cubana, il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz, con la chiaroveggenza che sempre lo caratterizzò, nel discorso pronunciato a Caracas disse: “Il Venezuela è il paese più ricco d’America, il Venezuela ha un popolo formidabile, il Venezuela ha dirigenti formidabili, sia civili che militari; il Venezuela è la patria di El Libertador, dove si concepì l’idea dell’unione dei popoli dell’America. Quindi il Venezuela deve essere il paese leader dell’unione dei popoli d’America; noi cubani li appoggiamo, noi cubani appoggiamo i nostri fratelli in Venezuela”.

Continue reading “Venezuela: “lei ha in me un figlio”” »

Share Button