Tag Archives: guerra economica

La mappa delle forze in Venezuela

a 9 giorni dalle elezioni dei governatori

Marco Teruggi http://www.cubadebate.cu

Poco più di due mesi fa, la destra venezuelana parlava dell’ “ora zero”, il “punto di non ritorno”, non riconosceva il presidente Nicolás Maduro e faceva i primi passi per nominare un governo parallelo. Il suo progresso sembrava difficile da fermare, era accompagnata da un’architettura internazionale guidata dagli USA, un macchinario di formazione di senso comune globale, soldati diplomatici, indignati dell’ultima ora, e -per convinzione o dinamica del conflitto- settori di sinistra e progressisti. Erano giorni di persone bruciate, assalti a caserme militari, cittadine assediate con gruppi di incappucciati con armi alla mano, una lista di morti che s’ingrossava.

Continue reading “La mappa delle forze in Venezuela” »

Share Button

Venezuela, situazione di pericolo

Angel Guerra Cabrera https://lapupilainsomne.wordpress.com

Non credo che in Venezuela ci sia ancora uno stato di guerra civile. Sì noto una situazione estremamente pericolosa che richiede essere rapidamente affrontata.

E’ in atto il copione del Comando Sud USA, il cui obiettivo è non solo terminare con la rivoluzione, ma convertire il Venezuela in un’altra Libia o in un’altra Siria e ha raggiunto alcune delle sue mete.

Continue reading “Venezuela, situazione di pericolo” »

Share Button

Venezuela: criminalità dell’opposizione ed ingerenza straniera

Gustavo de la Torre Morales http://razonesdecuba.cubadebate.cu

La Rivoluzione Bolivariana del Venezuela si è sviluppata in situazioni di costanti attacchi da parte dell’opposizione interna, della stampa occidentale, della complicità di politici e governi occidentali e alcuni latino-americani (come il caso molto particolare della Colombia), ma anche della ingerenza del governo USA, da cui si inietta finanziamento all’opposizione venezuelana.

Continue reading “Venezuela: criminalità dell’opposizione ed ingerenza straniera” »

Share Button

Cubainformacion: le CLAP venezuelane

Share Button

Venezuela: aumentano salari e pensioni

Fabrizio Verde http://www.lantidiplomatico.it

maduro«Il 50%. Vuol dire che a partire dal mese di gennaio le pensioni e il salario minimo saranno di 40.638 bolívares, più 63.720 Bs. del Cesta-Ticket, significa che il Reddito Minimo Integrale passa a 104.358 bolívares.

Continue reading “Venezuela: aumentano salari e pensioni” »

Share Button

Il chavismo, padrone della piazza

Angel Guerra Cabrera

guerra-economicaIl ritiro dalla circolazione, da parte del governo venezuelano, dei biglietti di 100 bolivar e la loro sostituzione con unità di taglio superiore, tra i 500 e 20 mila bolivar, era una necessità urgente.

L’alto tasso di inflazione indotto dalla guerra economica contro la Rivoluzione Bolivariana e la brusca e prolungata caduta degli introiti del petrolio lo richiedeva, al fine di facilitare e razionalizzare la circolazione monetaria.

Continue reading “Il chavismo, padrone della piazza” »

Share Button

Illuminante lettera dal Venezuela

resizeUna lettera dell’educatrice venezuelana Jacquelyn Jiménez porta alla luce quanto occultato dai media che coprono in maniera vergognosa la situazione in Venezuela: «Viene messa in discussione la gestione di Maduro ma non la dittatura finanziaria che quotidianamente sottomette i venezuelani alla minaccia della fame»

di Fabrizio Verde http://www.lantidiplomatico.it

Continue reading “Illuminante lettera dal Venezuela” »

Share Button

Venezuela, le cifre della guerra economica

Geraldina Colotti – il manifesto

maniìfestoCaracas. Scontro sul referendum. Abbattuto El Topo, ricercato per il massacro di 17 minatori

Le denunce si rincorrono sui social network. Molti chiamano di notte per raccontare pressioni e minacce subite durante la raccolta di firme per revocare il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro. «Ero andato a Farmatodo a ritirare le medicine per mio figlio – racconta un cittadino di Caracas – e quando ho consegnato la ricetta me l’hanno trattenuta chiedendomi di firmare per il revocatorio. Ho detto di no e mi hanno risposto che i farmaci non c’erano più».

Continue reading “Venezuela, le cifre della guerra economica” »

Share Button

Mentre l’aquila va a caccia di mosche

di Aram Aharonian* – rebelion.org

http://www.comitatobolivariano.info

venezuela operazione gericoIl Venezuela è sommerso da una crisi ostinata e il sistema politico è bloccato, voltando le spalle alla stessa, la quale continua ad aumentare senza trovare risposte. Nel frattempo il presidente Nicolás Maduro è occupato a cacciare mosche nella sua ininterrotta guerra dei microfoni, quando invece la gente è lì ad aspettare che si trovino soluzioni alla scarsità di cibo, medicinali, ecc., all’inflazione, all’insicurezza. (Alcuni sostengono che la frase sia di Seneca, altri invece di Platone, ma chi l’ha resa popolare è stato Hugo Chávez: “L’aquila non va a caccia di mosche”).

Continue reading “Mentre l’aquila va a caccia di mosche” »

Share Button

Venezuela: guerra economica e guerra mediatica

http://percy-francisco.blogspot.it

venezuela congiura mediaticaQuando il presidente Barack Obama ha annunciato il cambiamento di politica nei confronti di Cuba, non ha annunciato in concomitanza il cambio di obiettivi. Questi sono gli stessi dal lontano decennio degli anni sessanta: il rovesciamento del governo rivoluzionario. O, per dirla in linguaggio politicamente corretto, il cambio di regime. Il sillogismo è chiaro: se la metodologia utilizzata fino ad ora per rovesciare il governo cubano non ha avuto successo, cambiamo la metodologia. Oppure seguendo gli insegnamenti del primo Roosevelt, “parlare a bassa voce, ma impugnando un grosso bastone”.

Continue reading “Venezuela: guerra economica e guerra mediatica” »

Share Button

Obama incrementa la Guerra Economica contro Cuba

Arthur Gonzalez  http://heraldocubano.wordpress.com


20111215070159-usamNon soddisfatto dell’enorme multa di 10 miliardi di dollari recentemente imposta alla banca francese Paribas, una nuova azione è tessuta contro una società svizzera che presumibilmente ha investito in un cementificio a Cuba, sorto su terreni confiscati dalla Rivoluzione. Secondo informazioni del libello di Miami “El Nuevo Herald”, la domanda giudiziale é stata imposta contro il consorzio Holderbank, perché il governo USA considera la presunta inversione a Cuba, come traffico di proprietà confiscate, ai sensi del titolo IV della legge Helms-Burton”, approvata dal presidente William Clinton, nel 1996, di fronte alle pressioni della mafia anti cubana nel Congresso. Continue reading “Obama incrementa la Guerra Economica contro Cuba” »

Share Button