Tag Archives: La Demajagua

Il santo fuoco dell’amore patrio

Viva Cuba libera! Viva l’indipendenza cubana! santo grido che ha dato forza alle nostre braccia ed ha infiammato i nostri cuori con il santo fuoco dell’amor patrio.

Continue reading “Il santo fuoco dell’amore patrio” »

Share Button

Guáimaro e lo spirito costituzionale che perdura

Sei mesi esatti dopo il grido libertario di  Carlos Manuel de Céspedes nello zuccherificio  la Demajagua, i patrioti alzati in armi contro il colonialismo spagnolo diedero a Cuba e al mondo una nuova e rilevante lezione di  unità  e civismo.

Continue reading “Guáimaro e lo spirito costituzionale che perdura” »

Share Button

La nostra storia compie 150 anni

A 150 anni dall’inizio delle lotte per l’indipendenza di Cuba, Granma ricorda frammenti dei discorsi pronunciati dal Comandante in Capo a La Demajagua, durante la commemorazione di quella storica data, il 10 ottobre del 1968.

 Fidel Castro Ruz

Continue reading “La nostra storia compie 150 anni” »

Share Button

Un dipinto della nazione

Dal balcone della campana, circondando  il jagüey, schivando le irregolarità del terreno tra le vestigia di uno zuccherificio che esisteva, si poteva vedere il mare tranquillo rompersi soavemente  in una linea di spuma.

Continue reading “Un dipinto della nazione” »

Share Button

Perchè Cuba ha vinto tutte le battaglie

A L’Avana, nella splendida piazza de Armas, tra palazzi antichi e mercatini permanenti di libri contornati da  giardini e palme spicca al centro la statua di Carlos Manuel De Cespedes che nella storia di Cuba è chiamato “Il padre della Patria”.

Continue reading “Perchè Cuba ha vinto tutte le battaglie” »

Share Button

Giorni di ottobre

Gabriella Pogolotti da Juventud Rebelde

cespedesPer gli abitanti delle Antille ottobre è sopratutto un mese di cicloni. Alcuni tra questi uragani sono entrati nella leggenda, trasmessa dai genitori ai  figli. Gli abitanti de L’Avana hanno costruito una cultura attorno a questo fenomeno meteorologico. Tutto cominciava con il blocco, inchiodando porte e finestre e, dipendendo dalle possibilità di ogni casa, si raccoglievano commestibili, candele e cherosene.

Continue reading “Giorni di ottobre” »

Share Button