Tag Archives: Luis Posada Carriles

Cosa non si è detto su Celia Cruz

http://cubasi.cu

A proposito dei recenti dibattiti nella rete sociale Facebook, CubaSí traduce e pubblica un dispaccio del The Miami Herald, del 23 settembre 2004, che, sulla base di documenti segreti dell’FBI, rivela che Celia Cruz ha avuto difficoltà, per dieci anni, ad essere ammessa negli USA a causa di vecchi legami con il Partito Socialista Popolare che sono stati risolti solo dopo aver potuto dimostrare i suoi vincoli e donazioni di denaro ad organizzazioni violente di Miami come la Junta Revolucionaria Cubana (JURE) diretta dal terrorista Manuel Ray Rivero.

Continue reading “Cosa non si è detto su Celia Cruz” »

Share Button

Cuba ed USA: condotte differenti nella battaglia contro il terrorismo

Orestes Hernández   www.cubadebate.cu

Nel memorandum della Corte del Distretto di Columbia (Washington DC), che fa parte dell’indagine della polizia USA contro il cittadino di origine cubana Alexander Alazo, autore dell‘attacco terroristico con un fucile automatico alla sede diplomatica di Cuba, lo scorso 30 aprile, si riconosce esplicitamente che questi ha visitato diverse agenzie federali, (supponiamo associate all’applicazione della legge, ossia di sicurezza nazionale), per esporre la presunta persecuzione di cui si credeva vittima da parte del governo cubano e, sicuramente, ha dato indizi sulla sua decisione di agire, come Alazo stesso ha dichiarato agli ufficiali dei Servizi Segreti che lo hanno interrogato in base al menzionato documento.

Continue reading “Cuba ed USA: condotte differenti nella battaglia contro il terrorismo” »

Share Button

Sorveglianza e persecuzione delle navi.

Un’attività illegale degli USA contro Cuba

Pedro Etcheverry Vázquez  http://razonesdecuba.cu

Nell’aprile 2019, il governo USA ha attuato la sorveglianza e persecuzione nei confronti delle petroliere e le sanzioni alle compagnie di navigazione, società assicurative e governi per impedire la fornitura di petrolio a Cuba. Dopo cinque mesi le misure imposte dall’Office of Financial Asset Control (OFAC) avevano sanzionato due società, la Ballito Shipping Incorporated con sede in Liberia e la ProPer in Management Incorporated in Grecia, oltre a 34 navi della società venezuelana PDVSA. In dicembre hanno fatto un altro passo nella loro aggressività contro il Venezuela e Cuba, aggiungendo altre sei navi alla loro lista di entità sanzionate per trasportare l’idrocarburo. In questa occasione le navi colpite furono Icaro, con bandiera panamense, e Luisa Cáceres de Arismendi, Manuela Sáenz, Paramaconi, Terepaima e Yare, con bandiera venezuelana. [1]

Continue reading “Sorveglianza e persecuzione delle navi.” »

Share Button

Piano Condor: la CIA non è innocente

Le recenti rivelazioni collegate a Crypto AG ci confermano che la Central Intelligence Agency (CIA) USA non si accorse del Piano Condor attraverso lo spionaggio; la CIA organizzò, pianificò, consigliò e partecipò all’esecuzione delle azioni del macabro piano di sterminio

Raúl Antonio Capote  www.granma.cu

La CIA spiò, per anni, le comunicazioni diplomatiche e militari di centinaia di paesi, utilizzando macchine di crittografia di una società svizzera, di proprietà della CIA e dell’agenzia dei servizi segreti tedesca BND, hanno rivelato cablo divulgati dal centro indipendente National Security Archive (NSA).

Continue reading “Piano Condor: la CIA non è innocente” »

Share Button

USA-Cuba: ciò che iniziò da dicembre

Randy Alonso Falcón  www.cubadebate.cu

La Rivoluzione non aveva trionfato, sebbene il risultato sembrasse una questione di giorni. Batista non era ancora fuggito. Ma al governo USA preoccupava, oltremodo, una vittoria di Fidel Castro.

Continue reading “USA-Cuba: ciò che iniziò da dicembre” »

Share Button

La Rivoluzione non ha mai auspicato il terrorismo

ma lo ha sofferto con la morte di 3478 dei suoi figli

 

Ieri, 6 ottobre Giorno delle Vittime del Terrorismo di Stato, è stato reso omaggio a coloro che persero la vita nell’orrendo crimine di Barbados. Il Generale d’Esercito Raúl Castro, Primo Segretario del PCC, e Miguel Díaz-Canel, Presidente dei  Consigli di Stato e dei Ministri, hanno inviato corone di fiori.

Continue reading “La Rivoluzione non ha mai auspicato il terrorismo” »

Share Button

«Nerón» l’agente cubano che burlò la CIA

«Nerón» el agente cubano que burlo a la CIA

L’Agente dei Servizi Operativi della Sicurezza dello Stato di Cuba, Nicolas Alberto Sirgado Ros, che stette, sotto lo pseudonimo di NERÓN per quell’organismo, per più di 10 anni si infiltrò e burlò la Central Intelligence Agency USA nelle sue azioni di sovversione contro Cuba, che lo considerava un uomo dia sua più completa ed assoluta fiducia.

Continue reading “«Nerón» l’agente cubano che burlò la CIA” »

Share Button

Breve storia della CIA (e nuovi metodi) in Vzla

https://comitatoitaliavenezuelabolivariana.blogspot.com

Vi sono abbondanti prove che rivelano l’infiltrazione dell’Agenzia Centrale d’Intelligence-CIA negli affari interni della regione dell’America latina sotto forma di colpi di stato e promozione di guerre civili.

Le sue operazioni in Venezuela sono cambiate nel tempo. Dall’essere negli anni 60 una base non dichiarata per pianificare le sue attività segrete nel resto del continente, all’essere, attualmente, il centro geopolitico che definisce la prevalenza o meno degli USA come potere egemonico nella regione latinoamericana.

Continue reading “Breve storia della CIA (e nuovi metodi) in Vzla” »

Share Button

Military Intervention and Mercenaries, Inc. (MIAMI)

Wayne Madsen, SCF – http://aurorasito.altervista.org

La città di Miami, in Florida, potrebbe essere presentata come mecca per i pensionati che svernano dai climi nordici. Tuttavia, dall’inizio della Guerra Fredda e l’intervento militare degli Stati Uniti in Guatemala, Cuba, Repubblica Dominicana, Cile, Nicaragua, Venezuela, Guyana, Bahamas e altre nazioni dell’emisfero occidentale, Miami divenne rifugio per i ricchi esiliati, affaristi che sfuggono dalle rivoluzioni popolari e dalle elezioni nell’America del Sud e centrale, e spie. La capitale della pensione e delle vacanze degli Stati Uniti divenne rapidamente la “Casablanca tropicale”. Ora sede di migliaia di società a responsabilità limitata legate alla CIA, così come appaltatori militari privati, compagnie aeree semi segrete che operano da aeroporti remoti della Florida, dell’interventista US Southern Command (SOUTHCOM) ed oligarchi in esilio che gestiscono operazioni di destabilizzazione nei loro Paesi nativi.

Continue reading “Military Intervention and Mercenaries, Inc. (MIAMI)” »

Share Button

17 dicembre 2014

Cuba ricorda oggi il ritorno, il 17 dicembre 2014, dei cinque combattenti antiterroristi imprigionati ingiustamente nelle carceri degli Stati Uniti, come aveva predetto il leader Fidel Castro quando disse in un discorso memorabile: ¡Volverán!

Continue reading “17 dicembre 2014” »

Share Button

I mafiosi della CIA in Bolivia

Francisco Arias Fernández http://razonesdecuba.cubadebate.cu

La presenza di un folto gruppo di agenti della Central Intelligence Agency (CIA), di origine cubana, infiltrati nel Ministero dell’Interno della Bolivia per far la guerra alla guerriglia del Comandante Ernesto Che Guevara e dirigere le criminali azioni contro la sinistra è stata recentemente ratificata nelle rivelazioni di un collaboratore profondo degli USA, che ha servito come capo dei Servizi di Intelligence della Bolivia e del Dipartimento Tecnico della CIA a la Paz, tra il 1964 ed il 1968.

Continue reading “I mafiosi della CIA in Bolivia” »

Share Button

6 ottobre ’76: attentato delle Barbados

Cuba ricorda le vittime dell’azione terrorista del 1976 ed esige giustizia

 

I cubani, sabato 6, hanno reso omaggio alle 73 vittime dell’attentato terrorista commesso nel 1976 contro un aereo della Cubana de Aviación ed hanno reclamato giustizia per questo crimine.

Nel Cimitero di Colón centinaia di persone hanno realizzato in nome del popolo cubano una processione sino al Pantheon delle Forze Armate dove hanno posto varie corone di fiori, una del presidente Miguel Díaz-Canel.

Continue reading “6 ottobre ’76: attentato delle Barbados” »

Share Button

Mappa ampliata del tentato assassinio

http://misionverdad.com

(secondo informe speciale) 

Seguono il loro corso le indagini condotte dallo Stato venezuelano sul fallito tentato omicidio dello scorso 4 agosto. Finora le indagini, prove ed attori coinvolti sono sufficienti per descrivere il modo di funzionamento dell’agenda terroristico-mercenaria che sperimenta il paese, ma anche gli impatti di un punto di svolta cruciale per la questione venezuelana.

Continue reading “Mappa ampliata del tentato assassinio” »

Share Button

Il Nicaragua e la mafia di Miami

Francisco Arias Fernández http://razonesdecuba.cubadebate.cu

Nel 2016, da Miami tornarono ad ascoltarsi minacce di guerra quando le strade del Nicaragua erano un esempio regionale di sicurezza, pace e prosperità; dove un popolo molto laborioso e pacifico mostrava orgoglioso i progressi socio-economici degli ultimi anni di governo sandinista, che aveva ottenuto la concordia nazionale dopo i peggiori esperimenti bellici USA in America Centrale, che comprese operazioni segrete con la partecipazione di mafiosi, ufficiali dei servizi segreti e personale militare USA; un’associazione tristemente famosa nei crimini contro Nostra America.

Continue reading “Il Nicaragua e la mafia di Miami” »

Share Button

Cubainformacion: un terrorista ‘obbediente’

 


Luis Posada Carriles: terrorista, dissidente, torturatore … o soldato obbediente?

 

Dopo la morte a Miami di Luis Posada Carriles, abbiamo letto sulla stampa globale che era un “militante anti-castrista”, incluso un “esiliato cubano”. La parola “terrorista” appare tra virgolette, sempre legata alle accuse, contro di lui, del governo cubano.

Continue reading “Cubainformacion: un terrorista ‘obbediente’” »

Share Button