Tag Archives: media

Lettera al Direttore di BBC Mondo

Jorge Arreaza 

“Signor Tim Davie, direttore generale della BBC, Londra, Regno Unito.

Le scrivo questa lettera  rispettosamente, obbligato dalle circostanze ed a causa della linea editoriale che il suo network BBC Mundo sta portando avanti sulla realtà della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Continue reading “Lettera al Direttore di BBC Mondo” »

Share Button

Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.

La rivoluzione cubana deve difendere e diffondere i suoi principi anche sulle reti sociali

 

Cosa succedeva nel mondo prima della comparsa del COVID-19? Le proteste sociali erano in corso a diverse latitudini: Beirut, Hong Kong, Catalogna, Porto Rico, Cile, Colombia, Costa Rica. Le richieste di tutti loro erano adattate all’anticonformismo di ciascuna geografia, tuttavia, avevano il comune denominatore di svolgersi in società democratiche e sviluppate, attraverso reti sociali.

Continue reading “Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.” »

Share Button

Cubainformacion: rap e libertà

Rap e libertà: Marocco, Cuba e Spagna

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il cantante cubano Yulien Oviedo ha dichiarato che “Cuba non è una dittatura” (1) e gli hanno annullato i suoi concerti a Miami* (2). A Haila María Mompié (3) e Paulito FG (4), artisti di salsa, hanno sospeso le loro esibizioni negli USA perché “portavoce del regime castrista”. Anche a Gente de Zona (5) e Descemer Bueno (6) hanno avuto il veto, ma hanno reagito in tempo: hanno fatto sonore dichiarazioni contro il governo cubano (7) (8) e hanno partecipato a un pamphlet musicale chiamato “Patria y Vida” (9). Così hanno salvato le loro carriere. E già hanno foto persino con il sindaco di Miami (10). Avevate letto qualcosa di ciò nei media che ci parlano della “censura degli artisti” a Cuba (11)?

Continue reading “Cubainformacion: rap e libertà” »

Share Button

Le parole campanella e un dovere dei rivoluzionari ai tempi di Internet

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

Nelle lezioni di Biologia, non ricordo bene se nella Secondaria di Base o nel Pre-universitario, insegnavano i riflessi condizionati sulla base del lavoro dello scienziato russo e  Premio Nobel per la Medicina Ivan Pavlov. Penso che il suo esperimento sia abbastanza noto: faceva suonare un metronomo prima di alimentare un cane e osservava che al sentire lo stesso suono, quando il cane non si era nutrito da un pò, questi iniziava a salivare. In seguito è rimasta nella leggenda che Pavlov usasse una campanella e non un metronomo, ma il principio è lo stesso: l’associazione indotta tra certi stimoli e le risposte emesse. Sulla base di ciò, si è applicata la psicologia comportamentale nell’educazione, nella pubblicità e in molte altre aree negli USA.

Continue reading “Le parole campanella e un dovere dei rivoluzionari ai tempi di Internet” »

Share Button

Imparare, imparare e imparare sulle reti sociali di Internet

Iroel Sánchez  www.cubadebate.cu

Il primo capitolo della prima stagione della distopica serie britannica Black Mirror, trasmessa dalla televisione cubana più di un anno fa in un orario prossimo all’alba, racconta come il primo ministro del Regno Unito sia costretto dalle pressioni sulle reti sociali di Internet a fare sesso con un maiale, in cambio della libertà della principessa del Galles che è stata rapita.

Continue reading “Imparare, imparare e imparare sulle reti sociali di Internet” »

Share Button

Cuba e il settore privato: ignoranza o malafede?

Negli ultimi giorni, la stampa mainstream occidentale ha pubblicato una serie di articoli fuorvianti sulla riforma del settore privato che verrà implementata a Cuba. Si tratta di mera ignoranza o della solita malafede?

Continue reading “Cuba e il settore privato: ignoranza o malafede?” »

Share Button

María Elvira Salazar e Frank Calzón, pedoni del veleno

La solidarietà è il contrario dell’odio. La giustizia e la verità non le porteranno quelli che chiedono più blocco e non smettono di fabbricare menzogne per giustificare il loro sogno di una Cuba insanguinata dalla violenza.

Continue reading “María Elvira Salazar e Frank Calzón, pedoni del veleno” »

Share Button

Media dipendenti dal cyber-affare contro Cuba

Sono catalogati come indipendenti o alternativi. Ma basta seguire il percorso del denaro che li incoraggia e li articola per sapere da chi dipendono e a quale linea editoriale rispondono.

Una rete di media cerca di legittimare a Cuba la visione egemonica USA di democrazia e libertà. Con la loro strategia annessionista, intossicano costantemente le reti sociali con informazioni distorte su quasi tutto ciò che accade sull’isola.

Continue reading “Media dipendenti dal cyber-affare contro Cuba” »

Share Button

Cubainformacion: censurato portavoce ONU

La censura di un esperto di diritti umani su Venezuela e Cuba

Alfred de Zayas ha lavorato, per sei anni, come esperto indipendente per l’Ufficio dell’Alto Commissario dell’ONU per i diritti umani.

Sul blocco di Cuba, sulla legge Helms-Burton, assicura che sono illegali secondo il diritto internazionale. Ma che questo ha poco valore: gli USA li applica con la forza ed il ricatto.

Continue reading “Cubainformacion: censurato portavoce ONU” »

Share Button

Cubainformacion: CIA e media dissidenti

La CIA ed i media cubani “dissidenti”

 

Nella guerra del Vietnam, ufficiali USA davano alla stampa istruzioni precise su cosa scrivere o fotografare.

Lo abbiamo visto nel film “Full metal jacket”, di Stanley Kubrick, che mostra quello che, più tardi, nella guerra in Iraq, sarebbe stato chiamato “giornalismo incorporato”.

Continue reading “Cubainformacion: CIA e media dissidenti” »

Share Button

La CIA continua soppiantando, nei media, il giornalismo veritiero con propaganda?

Nel febbraio 1981, l’allora direttore della CIA William Casey, in una riunione con il presidente Ronald Reagan, disse qualcosa di agghiacciante sull’intervento della CIA in attività di propaganda: “Sapremo che il nostro programma di disinformazione è completo, quando sia falso tutto ciò che il pubblico statunitense crede di sapere”.

Ruben Luengas Redazione Entre Noticias (Messico) https://cubainformacion.tv

Continue reading “La CIA continua soppiantando, nei media, il giornalismo veritiero con propaganda?” »

Share Button

Guerriglia semiotica contro i modi borghesi per manipolare coscienze

Fernando Buen Abad www.granma.cu

Non si richiede un grande sforzo per identificare l’autoritarismo ideologico borghese. Basta ed avanza con esibirle le sue contraddizioni ed apparirà, vulcanica, una verbosità pagata da sé ed esultante in argomenti di basso livello, ma sputata con grande fiducia e sicurezza. Tutto questo con un tono didattico e una certa dolciastra benevolenza, tipica di quelli che si compatiscono degli esseri inferiori e li conducano con “mano ferma” e generosa, per il sentiero dei loro “ragionamenti” univalenti, frequentemente improbabili e sempre autoritari. È metastasi della corruzione, il profilo demagogico degli imprenditori che, “impegnati in politica”, adottano vociferazioni messianiche. E le diffondono da tutti i loro “media”.

Continue reading “Guerriglia semiotica contro i modi borghesi per manipolare coscienze” »

Share Button

Gli ideologi del golpe blando

Open Society a Cuba e l’articolazione controrivoluzionaria

Javier Gómez Sánchez  www.cubadebate.cu

La trasmissione speciale della televisione cubana, dello scorso 28 novembre, ha segnato un cambio in termini di esposizione pubblica, da parte del sistema mediatico dello Stato cubano, delle intenzioni USA di finanziare ed organizzare una nuova controrivoluzione per provocare un golpe blando a Cuba.

E’ stata seguita dalle trasmissioni della Mesa Redonda, segmenti nel NTV (notiziario TV), programmi di informazione, articoli su Granma e Cubadebate, nonché un seguito su vari media istituzionali. Mai prima il funzionamento di questa nuova controrivoluzione, l’uso intenzionale delle reti sociali e dei media digitali, così come gli atti di vandalismo terroristico ed i loro vincoli, articolati per la destabilizzazione della società cubana, sono stati esposti al popolo in questo modo.

Continue reading “Gli ideologi del golpe blando” »

Share Button

L’indipendenza de “gli ultimi a sapere”

Iroel Sánchez  https://lapupilainsomne.wordpress.com

In Full metal jacket, il film di Stanley Kubrick sul Vietnam, c’è una scena in cui l’ufficiale USA incaricato della stampa durante la guerra dà istruzione ai giornalisti su come coprire gli eventi sul campo. Non c’è spazio per il minimo errore, da come fotografare una cantante e attrice che arriverà per sollevare gli animi delle truppe, sino alla parola esatta per denominare ogni tipo di persona dalla propria parte o nemica, persino se coloro che fuggono dalla guerra debbano essere chiamati “evacuati” o “rifugiati”. I minimi dettagli sono precisati per ogni copertura e notizia. I “giornalisti incorporati” verranno chiamati, tempo dopo, nella guerra in Iraq, quelli che Kubrick ubica a Saigon.

Continue reading “L’indipendenza de “gli ultimi a sapere”” »

Share Button

E’ terminata la pacchia

Pedro Jorge Velázquez  https://bufasubversiva.wordpress.com

C’è un “detto popolare” che tutti conosciamo e che mi serve, che calza come un guanto, per iniziare questo commento:

– Toccami Roque, toccami Roque, toccami Roque …

E quando Roque tocca: –Mamma, Roque mi sta toccando.

Qualcosa di simile, ma con migliaia di esempi da mettere su questa tavola di fine anno, è il gioco che la stampa iscritta a bilancio non statale ha iniziato diversi anni fa a Cuba. Smettiamo con imbrogli ed eufemismi: non chiamiamola più “stampa indipendente” perché non lo e mentiamo a noi stessi. Quella stampa non è indipendente. Quella stampa non è alternativa. Quei media che oggi si articolano intorno al nostro suolo formano una stampa dipendente dal denaro di un’organizzazione (NED, Open Society, ecc.) o di un magnate che dall’esterno del nostro paese dice e detta come e perché si fa, ecco perché propongo di chiamarla stampa preventivata a bilancio non statale. (più lungo, ma si adatta).

Continue reading “E’ terminata la pacchia” »

Share Button