Tag Archives: OEA

Brasile: almeno 10 contadini sono stati uccisi dalla polizia

Geraldina Colotti* – il Manifesto

Una cinquantina di feriti e almeno 8 arresti. Questo il bilancio della repressione scatenata da Temer contro i manifestanti a Brasilia. Con un decreto-lampo, il presidente «de facto» ha deciso di impiegare 1.500 soldati e marine contro sindacati e movimenti che protestavano al grido di: Fora Temer e che avevano preso d’assalto la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri. Almeno 150.000 persone, in piazza contro le riforme antipopolari (pensioni e lavoro) e contro la corruzione che coinvolge lo stesso presidente e i suoi più stretti collaboratori.

Continue reading “Brasile: almeno 10 contadini sono stati uccisi dalla polizia” »

Share Button

Venezuela, situazione di pericolo

Angel Guerra Cabrera https://lapupilainsomne.wordpress.com

Non credo che in Venezuela ci sia ancora uno stato di guerra civile. Sì noto una situazione estremamente pericolosa che richiede essere rapidamente affrontata.

E’ in atto il copione del Comando Sud USA, il cui obiettivo è non solo terminare con la rivoluzione, ma convertire il Venezuela in un’altra Libia o in un’altra Siria e ha raggiunto alcune delle sue mete.

Continue reading “Venezuela, situazione di pericolo” »

Share Button

Le “sporche mani” dello Stato profondo sul Venezuela

Covert Geopolitics –  https://aurorasito.wordpress.com

Lo Stato profondo occidentale vuole introdurre la “democrazia” in Venezuela con sanzioni politiche, pirateria finanziaria e guerra religiosa per via del rifiuto del Paese a cedere il controllo delle risorse energetiche ai banchieri di Wall Street.

Continue reading “Le “sporche mani” dello Stato profondo sul Venezuela” »

Share Button

Venezuela: la prossima vittima?

Pedro Pablo Gómez https://lapupilainsomne.wordpress.com

A volte nelle nostre analisi possiamo perdere le prospettive del contenuto in cui i fatti, in forma isolati e ripercossi dagli interessati a creare un’immagine concorde ai loro interessi, tendono a darci l’impressione dell’inevitabile e necessario per trovare una ‘soluzione’ compatibile per tutti coloro che sono parte del problema.

Continue reading “Venezuela: la prossima vittima?” »

Share Button

Venezuela: criminalità dell’opposizione ed ingerenza straniera

Gustavo de la Torre Morales http://razonesdecuba.cubadebate.cu

La Rivoluzione Bolivariana del Venezuela si è sviluppata in situazioni di costanti attacchi da parte dell’opposizione interna, della stampa occidentale, della complicità di politici e governi occidentali e alcuni latino-americani (come il caso molto particolare della Colombia), ma anche della ingerenza del governo USA, da cui si inietta finanziamento all’opposizione venezuelana.

Continue reading “Venezuela: criminalità dell’opposizione ed ingerenza straniera” »

Share Button

Le sole due alternative per il Venezuela

Atilio Boron da atilioboron.com.ar Traduzione di Marx21.it

“Le alternative sono solamente due: il consolidamento e l’avanzata della rivoluzione oppure la sconfitta della rivoluzione”

La dialettica della rivoluzione e lo scontro di classe che ne deriva avvicinano la crisi venezuelana al suo esito inesorabile. Le alternative sono due e solamente due: il consolidamento e l’avanzata della rivoluzione oppure la sconfitta della rivoluzione.

Continue reading “Le sole due alternative per il Venezuela” »

Share Button

Venezuela: “che curiosa che è questa ‘dittatura'”

Matías Bosch – Resumenlatinoamericano – http://www.lantidiplomatico.it

È davvero una cosa curiosa la “dittatura madurista” denunciata da Henrique Capriles, Henry Ramos e Julio Borges. Mentre tutti i paesi governati da dittature sono stati punti di partenza di emigrazioni di massa, il Venezuela risulta al primo posto come paese che riceve immigrazione di massa da un paese vicino. Si tratta dei colombiani. C’erano già 5,6 milioni di colombiani in Venezuela, ma lo scorso anno ne sono arrivati altri 100 mila, e nel 2017 ancora altri 30 mila.

Continue reading “Venezuela: “che curiosa che è questa ‘dittatura'”” »

Share Button

Venezuela, il desiderio imperiale e la costituente

Angel Guerra Cabrera https://lapupilainsomne.wordpress.com

Ciò che è in corso in Venezuela è un episodio decisivo nel progetto degli USA e delle oligarchie di non lasciare in piedi un solo governo indipendente e democratico in Nostra America.

Il principale combustibile che alimenta questo progetto, in Venezuela, è il sostegno che riceve la controrivoluzione endogena da Washington/OSA,da i più screditati governi neoliberali e dalla destra adoratrice del dio mercato e dell’assalto al tesoro pubblico. Tutti vincolati con l’uruguaiano Luis Almagro, agente della CIA assegnato alla segretaria generale dell’OSA.

Continue reading “Venezuela, il desiderio imperiale e la costituente” »

Share Button

Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?

Misión Verdad, TeleSUR  https://aurorasito.wordpress.com

Il colpo di Stato contro il Venezuela è già stato scritto e presentato. Il 2 marzo 2017, durante il primo incontro dell’OSA, Shannon K. O’Neil (direttrice per l’America Latina del Consiglio per le Relazioni Estere, CFR) presentava al Comitato degli Esteri del Senato degli Stati Uniti un portafoglio di azioni e misure da intraprendere se gli Stati Uniti volevano abbattere il Chavismo in Venezuela.

Continue reading “Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?” »

Share Button

Venezuela: voti sì, pallottole no

Angel Guerra Cabrera http://www.cubadebate.cu

Con la convocazione dell’Assemblea Nazionale Costituente (ANC) il presidente Nicolás Maduro ha fatto un passo di grande audacia strategica. Se dà risultato, metterà la Rivoluzione Bolivariana in una solida posizione offensiva che le permetterà sconfiggere, in modo decisivo, l’estrema violenza golpista ordita da Washington e dalla destra locale.

Continue reading “Venezuela: voti sì, pallottole no” »

Share Button

L’OSA: un cadavere vivente

Hugo Mercado Moldiz http://www.cubadebate.cu

La pace e la democrazia sono minacciate in America Latina. Di ciò non c’è il minimo dubbio. Il rischio concreto che la regione si converta in una zona politicamente instabile e socialmente convulsiva non proviene da gruppi sovversivi, come li chiamerebbe l’establishment USA, ma dalle azioni intraprese -senza la minima attinenza agli scopi formalmente stabiliti né alla sua lunga istituzionalità costruita, ma sì coerente con la sua lunga storia- dall’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) e dal suo attuale segretario generale, Luis Almagro.

Continue reading “L’OSA: un cadavere vivente” »

Share Button

L’OSA e le sue contraddizioni

Lisbet Matos Penin http://razonesdecuba.cubadebate.cu

Come c’era da aspettarselo … Venezuela ha già annunciato il suo ritiro dall’Organizzazione degli Stati Americani (OSA). Così diventa il primo Stato membro ad avviare il processo di uscita, formale e volontaria, da questa istituzione.

Continue reading “L’OSA e le sue contraddizioni” »

Share Button

Venezuela consegna lettera di ritiro ad Almagro

http://www.cubadebate.cu – http://albaciudad.org

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ha consegnato, questo venerdì, al Segretariato Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) la denuncia della Carta dell’Organizzazione (CARTA-OEA pdf), nome dato alla procedura per iniziare, ufficialmente, il suo ritiro dall’istituzione, iter durerà 24 mesi. Così ha reso noto la rappresentante permanente del Venezuela all’OSA, Carmen Luisa Velásquez.

Continue reading “Venezuela consegna lettera di ritiro ad Almagro” »

Share Button

Venezuela vs OSA

Samuel Moncada, rappresentante permanente del Venezuela presso l’Organizzazione degli Stati Americani (OEA), ha confermato oggi la decisione di iniziare il ritiro ufficiale del suo paese dall’organismo regionale.

Continue reading “Venezuela vs OSA” »

Share Button

CELAC deve ratificare Nostra America come Zona di Pace

Patricio Montesinos http://www.cubadebate.cu

Quando il prossimo 2 maggio i ministri degli esteri della Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) si riuniscono in El Salvador, su richiesta del Venezuela, devono ratificare la Dichiarazione che sottoscrissero nel II Vertice dell’Avana, Cuba, relativa al fatto che Nostra America è e deve continuare a rimanere, come condizione indispensabile per il suo destino, una Zona di Pace.

Continue reading “CELAC deve ratificare Nostra America come Zona di Pace” »

Share Button