Tag Archives: Orlando Bosch Avila

Sorveglianza e persecuzione delle navi.

Un’attività illegale degli USA contro Cuba

Pedro Etcheverry Vázquez  http://razonesdecuba.cu

Nell’aprile 2019, il governo USA ha attuato la sorveglianza e persecuzione nei confronti delle petroliere e le sanzioni alle compagnie di navigazione, società assicurative e governi per impedire la fornitura di petrolio a Cuba. Dopo cinque mesi le misure imposte dall’Office of Financial Asset Control (OFAC) avevano sanzionato due società, la Ballito Shipping Incorporated con sede in Liberia e la ProPer in Management Incorporated in Grecia, oltre a 34 navi della società venezuelana PDVSA. In dicembre hanno fatto un altro passo nella loro aggressività contro il Venezuela e Cuba, aggiungendo altre sei navi alla loro lista di entità sanzionate per trasportare l’idrocarburo. In questa occasione le navi colpite furono Icaro, con bandiera panamense, e Luisa Cáceres de Arismendi, Manuela Sáenz, Paramaconi, Terepaima e Yare, con bandiera venezuelana. [1]

Continue reading “Sorveglianza e persecuzione delle navi.” »

Share Button

Piano Condor: la CIA non è innocente

Le recenti rivelazioni collegate a Crypto AG ci confermano che la Central Intelligence Agency (CIA) USA non si accorse del Piano Condor attraverso lo spionaggio; la CIA organizzò, pianificò, consigliò e partecipò all’esecuzione delle azioni del macabro piano di sterminio

Raúl Antonio Capote  www.granma.cu

La CIA spiò, per anni, le comunicazioni diplomatiche e militari di centinaia di paesi, utilizzando macchine di crittografia di una società svizzera, di proprietà della CIA e dell’agenzia dei servizi segreti tedesca BND, hanno rivelato cablo divulgati dal centro indipendente National Security Archive (NSA).

Continue reading “Piano Condor: la CIA non è innocente” »

Share Button

Trump, sulla strada di W. Bush?

Omar Pérez Salomón – https://lapupilainsomne.wordpress.com

Lo scorso 8 novembre, il governo USA ha annunciato ulteriori restrizioni per i cittadini di quel paese interessati a fare affari e viaggi a Cuba, in conformità con il memorandum presidenziale, firmato il 16 giugno di quest’anno a Miami dall’attuale inquilino della Casa Bianca, che, unilateralmente, sopprime la maggior parte dei progressi raggiunti durante il mandato del suo predecessore Barack Obama.

Continue reading “Trump, sulla strada di W. Bush?” »

Share Button

Nuove rivelazioni sul crimine delle Barbados

Nel giugno del 1976 si diedero appuntamento a Bonao, in Repubblica Dominicana, un gruppo di terroristi d’origine cubana, rappresentanti di organizzazioni estremiste  radicate nel territorio degli Stati Uniti.

Come coordinatore figurava il criminale Orlando Bosch Avila, allora evaso dalla giustizia statunitense per aver violato la libertà condizionale, accusato di vari delitti come l’estorsione contro emigranti cubani con l’uso di metodi di terrorismo.

Continue reading “Nuove rivelazioni sul crimine delle Barbados” »

Share Button

Suchlick è in cattive acque a Miami

Edmundo Garcia https://lapupilainsomne.wordpress.com

Jaime_Suchlicki (1)Lo scorso giovedì 15 di questo mese ho scritto un articolo intitolato “Di cosa c’è bisogno per essere un Cubanolo a Miami?“; lo ha motivato una e-mail diffusa dal Centro Studi Cubani e Cubano Americani (ICCAS) presso l’Università di Miami, che conteneva una voce che improvvisamente è diventata “notizia”.

Continue reading “Suchlick è in cattive acque a Miami” »

Share Button

Premio Nobel e terrorismo anti-cubano

tratto da http://razonesdecuba.cubadebate.cu

posadasbarreGenerazioni di cittadini USA non sanno che la loro amata Nazione è stata, dopo Cuba, il paese più colpito dal terrorismo anti cubano, che per più di mezzo secolo ha coesistito in molte delle sue principali città, su entrambe le coste. Dalla California, New York, New Jersey, fino alla calda Florida. Ciò è vitale, perché dobbiamo reintegrare alla memoria storica ciò che, al dimenticarsi, ritornerebbe.

Continue reading “Premio Nobel e terrorismo anti-cubano” »

Share Button

Domande a  Ileana Ros-Lehtinen

http://www.cubasi.cu da Nicanor Leon Cotayo

ileanrosA Washington e Miami la generalità dei suoi osservatori suggeriscono che la legislatrice repubblicana “è indignata” per gli accordi assunti tra Cuba e gli Stati Uniti.

Ha fatto esplosioni, in questa settimana, gettando ogni sorta di insulti verso il compromesso accolto da quasi tutto il mondo.

Così si scontra frontalmente, tra gli altri, con la Casa Bianca, il Vaticano ed il suo Papa Francesco, Canada, America Latina e Caraibi.

Continue reading “Domande a  Ileana Ros-Lehtinen” »

Share Button