Tag Archives: Orlando Gutiérrez Boronat

Denunciate le intenzioni USA di “surriscaldare” questo Capodanno a Cuba

I venti del nord stanno portando più di un fronte freddo occasionale a Cuba, dove le agenzie di intelligence USA stanno preparando una violenta fine dell’anno, nel desiderio di generare un’esplosione sociale che contribuisca a sovvertire l’ordine socio-politico per distruggere, una volta per tutte, la Rivoluzione cubana.

Continue reading “Denunciate le intenzioni USA di “surriscaldare” questo Capodanno a Cuba” »

Share Button

Cubainformacion: Palestina e Cuba

Oggi Palestina, domani Cuba: i diritti umani della “dissidenza” cubana

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

“Israele ha promesso una risposta senza precedenti che spero possa fare adesso. (…) Magari ci accorgiamo, domani, che l’unica cosa che rimane della Striscia di Gaza è la striscia. Per porre fine a quell’incubo una volta per tutte” (1). Sono le parole del presentatore e candidato sindaco di Miami, Alex Otaola, nel suo programma.

Continue reading “Cubainformacion: Palestina e Cuba” »

Share Button

I terroristi USA pretendono una «fine d’anno di sangue» per Cuba

Fonti negli USA citate da Razones de Cuba  hanno rivelato che i terroristi radicati in Miami pianificano azioni di destabilizzazione negli ultimi mesi del 2023, per far sì che la fine dell’anno sia «tetro»,

L’ informazione ha rivelato che l’articolazione controrivoluzionaria –mal denominata -Fondazione Patriottica- si è riunita nel pomeriggio di domenica 1 agosto per organizzare azioni armate contro l’Isola.

Continue reading “I terroristi USA pretendono una «fine d’anno di sangue» per Cuba” »

Share Button

Cubainformacion: guerra psicologica e guerra in Ucraina

Cuba fa saltare un’operazione di guerra psicologica con l’Ucraina sullo sfondo

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il Governo di Cuba ha neutralizzato una rete di traffico di persone che, dalla Russia, incorporava cubani come mercenari nella guerra in Ucraina, ed ha effettuato numerosi arresti (1).

In una denuncia pubblica, ha messo nero su bianco (2): primo, che “non fa parte del conflitto bellico in Ucraina”; due, che il mercenarismo è proibito dalle sue leggi, al contrario – ricordiamo – che in tanti luoghi vengono assunti ex militari per combattere per l’Ucraina (3); e tre, che la sua presunta collaborazione in “queste azioni” è un ulteriore invenzione dei “nemici di Cuba”.

Continue reading “Cubainformacion: guerra psicologica e guerra in Ucraina” »

Share Button

Dall’ALCA alla CELAC, l’interferenza USA non si ferma

di Katu Arkonada

È evidente quanto sia importante per il governo argentino che il Vertice CELAC abbia successo, poiché nel mezzo della delicata situazione politica interna che sta attraversando il Paese, con le elezioni presidenziali del 22 ottobre, che il Vertice e il trasferimento di la presidenza pro tempore (a Saint Vincent e Grenadine, paese membro dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA-TCP)) andranno bene, contribuirebbero a migliorare l’immagine dell’Argentina in tutta l’America Latina e nei Caraibi.

Continue reading “Dall’ALCA alla CELAC, l’interferenza USA non si ferma” »

Share Button

Rissa “intellettuale” a Miami

Progreso Weekly

Non è strano che qualche altro prodotto intellettuale o artistico provochi reazioni violente tra gli estremisti della comunità cubano-americana di Miami. In quella città sono state distrutte opere di rinomati pittori cubani, bruciati libri in pile o cancellati spettacoli musicali per la minaccia di attacchi terroristici, di tanto in tanto un bulldozer schiaccia per strada i dischi di un artista rinnegato per le sue posizioni politiche. Questa volta il clamore è stato provocato da un libro, che dice cose che la destra cubano-americana non vuole sentire.

Continue reading “Rissa “intellettuale” a Miami” »

Share Button

Cubainformacion: borghesi spaventati

Solidarietà contro odio in Messico

 

Pochi giorni fa, abbiamo visto il Movimento Messicano di Solidarietà con Cuba difendere l’ambasciata cubana nel proprio paese contro una provocazione della Controrivoluzione, guidata da Orlando Gutiérrez Boronat.

Continue reading “Cubainformacion: borghesi spaventati” »

Share Button

Medici cubani in Messico

Angel Guerra Cabrera

Quando il presidente Andrés Manuel López Obrador ha annunciato l’accordo con il suo omologo cubano Miguel Díaz-Canel affinché medici cubani venissero a fornire i loro servizi in Messico, è bruciata troia.

Continue reading “Medici cubani in Messico” »

Share Button

Analista, in Messico, denuncia campagna finanziata dall’USAID per attaccare i medici cubani


L’USAID e i legislatori del PAN hanno cospirato per articolare una vasta campagna contro la presenza di medici cubani in Messico, secondo  quanto segnala un’indagine dell’analista politico Katu Arkonada, condivisa sul suo account Twitter.

Continue reading “Analista, in Messico, denuncia campagna finanziata dall’USAID per attaccare i medici cubani” »

Share Button

A Miami chiedono che gli USA armino la controrivoluzione.

di Volker Hermsdorf https://lapupilainsomne.wordpress.com

Il think tank USA sponsorizzato dallo stato, il Cuban Studies Institute, vuole che il governo del presidente Joseph Biden prenda una posizione ancora più dura contro Cuba. Dopo il fallito tentativo di organizzare “nuove proteste di massa” nella repubblica socialista insulare, il 15 novembre, il direttore dell’influente istituzione, Jaime Suchlicki, ha chiesto che “armi e addestramento militare” siano messi a disposizione degli oppositori cubani del sistema.

Continue reading “A Miami chiedono che gli USA armino la controrivoluzione.” »

Share Button

Cuba: marcia di ciarlatani

Angelo Guerra Cabrera www.jornada.com.mx

La quinta colonna mercenaria USA, a Cuba, sta convocando una marcia civica, apparentemente pacifica, per il 15 novembre, in varie città dell’isola. È un altro passo sulla strada del golpe morbido e del cambio di regime che segue lo schema dei testi di Gene Sharp e dei manuali delle operazioni speciali USA. Lo stesso delle guarimbas (rivolte di strada) in Venezuela, dei blocchi stradali in Nicaragua e delle rivoluzioni di colore in Siria e nei paesi dell’Est Europa.

Continue reading “Cuba: marcia di ciarlatani” »

Share Button

Il governo USA è il vero organizzatore della provocazione montata per novembre

Sui piani del governo USA e dei suoi operatori politici interni a Cuba, per cercare di rovesciare la Rivoluzione, ora con l’intenzione di effettuare marce in varie province del paese, è apparso Rogelio Polanco Fuentes, membro del Segretariato del Comitato Centrale del Partito e capo del suo Dipartimento Ideologico

Gladys Leidys Ramos López www.granma.cu

Continue reading “Il governo USA è il vero organizzatore della provocazione montata per novembre” »

Share Button

La CIA ripete la sua storia contro Cuba

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

Nonostante tanti fallimenti subiti in 62 anni, la CIA e il governo USA insistono per rovesciare il socialismo a Cuba e per questo ripetono vecchi piani, come se i cubani fossero stupidi, smemorati e inesperti.

È vero che c’è una nuova generazione di dirigenti sull’isola, ma tutti sono cresciuti sotto l’educazione storica delle azioni yankee per distruggere la Rivoluzione, compresi i piani del terrorismo di stato, la sovversione politica e le operazioni segrete per assassinare Fidel Castro, qualcosa che sembra gli attuali funzionari della CIA non tengano conto ed è per questo che le loro azioni si falliscono.

Continue reading “La CIA ripete la sua storia contro Cuba” »

Share Button

Un copione anticubano per gente senza scrupoli

Negli ultimi due decenni, i governi USA hanno stanziato quasi 250 milioni di $ per programmi sovversivi nella Maggiore delle Antille

Miguel Febles Hernández  www.granma.cu

Continue reading “Un copione anticubano per gente senza scrupoli” »

Share Button

Cubainformacion: Avana come Gaza?

Gaza e l’Avana: l’amore per i bombardamenti della “dissidenza” cubana

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

La cosiddetta “dissidenza” cubana non ha dubbi sui suoi paradigmi di democrazia e libertà: sono Israele e Colombia.

I bombardamenti israeliani su Gaza hanno causato, in meno di una settimana, circa 200 morti tra la popolazione palestinese (1). Un quarto erano bambini/e. Hanno distrutto centinaia di case, centri educativi e sanitari. Israele ha persino fatto saltare in aria la sede di diverse agenzie di stampa occidentali (2). Eliécer Ávila, capo del gruppo “dissidente” cubano Somos +, lo giustificava così: “Se il popolo palestinese continua a essere in complicità con coloro che attaccano Israele in modo terroristico e codardo, allora, dopo non mi tirino fuori gente guarda! Hanno ucciso mia zia! Sì, sì, è che tua zia vive nello stesso edificio e salutava gente che girava con un razzo. Possa il razzo arrivare, Allah! Lascia che sparino il razzetto e che il drone veda da dove viene e che Israele risponda, affinché tu veda”(3).

Continue reading “Cubainformacion: Avana come Gaza?” »

Share Button