Tag Archives: Perù

La CELAC e la ribellione peruviana

Angel Guerra Cabrera

Riguardo alla vigorosa ribellione peruviana, credo sia essenziale sottolineare il ruolo decisivo dei popoli e delle loro lotte politiche e sociali nella gestazione e nell’avanzamento dei governi progressisti. Allo stesso modo in cui questo progresso è stato essenziale nella generazione di un’architettura di organizzazioni regionali o subregionali, tra cui la CELAC, che cercavano l’unità e l’integrazione dell’America Latina e dei Caraibi.

Continue reading “La CELAC e la ribellione peruviana” »

Share Button

Il corto circuito simbolico della Vecchia Europa

Geraldina Colotti

Davanti all’ambasciata del Brasile in Italia, un gruppo di persone staziona sotto gli occhi dei turisti incuriositi. Attende il ritorno della delegazione di deputati, salita a consegnare una lettera di sostegno a Lula all’ambasciatore brasiliano. In piazza ci sono parlamentari del Pd, di Sinistra Italiana, esponenti di Rifondazione Comunista, dell’associazionismo e dei movimenti di solidarietà. Un’attivista dei Sem Terra esprime ripudio per l’attacco alle tre principali istituzioni compiuto dai sostenitori di Bolsonaro, il giorno prima, 8 gennaio. “No al golpe in Brasile. No al fascismo in Brasile”. Tutti sembrano convenire, con qualche riferimento a quel che succede in Italia, dove “un governo erede dei fascisti”, è stato votato a cento anni dalla marcia su Roma.

Continue reading “Il corto circuito simbolico della Vecchia Europa” »

Share Button

Repressione senza fine in Perù

lantidiplomatico.it

Continuano senza sosta le proteste in Perù contro il governo di Dina Boluarte, per la liberazione del presidente destituito Pedro Castillo e per la convocazione tempestiva di nuove elezioni.

Tuttavia le forti proteste popolari sino a questo momento come risposta hanno ricevuto solo repressione. Nella sola giornata di venerdì vengono segnalate decine di persone rimaste ferite a seguito di un’altra giornata di manifestazioni in Perù contro la presidente ad interim Dina Boluarte.

Continue reading “Repressione senza fine in Perù” »

Share Button

Susana Barca contro il governo di Dina Boluarte*

 Nostramerica,wordpress.com

Susana Barca, oltre ad essere una famosa cantante afroperuviana, è stata la responsabile per la cultura del Perù e del continente americano nell’ Organizzazione degli Stati Americani (OEA), un’organizzazione molto chiaramente orientata all’obbedienza al Washington Consensus, e notoriamente orientata a destra.

Continue reading “Susana Barca contro il governo di Dina Boluarte*” »

Share Button

Perù: denuncia costituzionale contro il governo Boluarte

antidiplomatico.it

In Perù impazza la repressione contro le proteste scaturite dalla destituzione del presidente Pedro Castillo e il suo successivo arresto. Qualcosa però si muove in seno al Congresso. L’esponente di Perù Libre – partito che ha proposto Castillo alla carica di presidente – Kelly Portalatino ha presentato una denuncia costituzionale contro l’intero guidato dalla presidente Dina Boluarte, nel contesto delle proteste sociali che hanno provocato 42 morti a causa della brutale repressione.

Continue reading “Perù: denuncia costituzionale contro il governo Boluarte” »

Share Button

Attenzione, la destra attacca in America Latina

Hedelberto López Blanch

Qualche settimana fa ho scritto un articolo intitolato “Attenzione! la destra reazionaria agisce”, in cui mettevo in guardia sul pericolo che corrono i governi nazionalisti e progressisti sorti negli ultimi tempi in America Latina.

Continue reading “Attenzione, la destra attacca in America Latina” »

Share Button

Perù: cambiare le regole del gioco

Iroel Sanchez

“America aglii americani” è la frase con cui Pedro Castillo ha chiuso il suo discorso al Vertice delle Americhe di Los Angeles, nell’aprile 2022, al quale ha partecipato senza il suo tradizionale sombrero da insegnante rurale. Nel bel mezzo dello scisma causato dall’esclusione fatta dagli USA, nell’appello per quell’evento, di Cuba, Venezuela e Nicaragua, Castillo è stato uno di quelli che ha scelto di partecipare e non menzionare quel tema che si è convertito nel centro dello stesso.

Continue reading “Perù: cambiare le regole del gioco” »

Share Button

Perù: il “golpe” dimenticato

Vincenzo Brandi

Mentre tutti i riflettori erano puntati sui disordini organizzati a Brasilia dai militanti brasiliani di estrema destra fedeli dell’ex presidente Bolsonaro (disordini comunque finiti nel nulla e nel ridicolo per non essere riusciti a coinvolgere né le forze armate né la popolazione), i nostri media hanno invece quasi taciuto, o dato solo poche notizie false e fuorvianti su un “golpe” di fatto avvenuto in Perù all’inizio di dicembre ai danni del presidente di sinistra Castillo con il suo sanguinoso strascico di proteste e repressione che dura tuttora.

Continue reading “Perù: il “golpe” dimenticato” »

Share Button

Perù. Impazza la repressione: 17 morti a Puno

lantidiplomatico.it

In Perù infuria la repressione più brutale delle proteste scatenate dalla destituzione e il successivo arresto del presidente Pedro Castillo. Il sud del paese è in rivolta. La repressione governativa ha causato 17 morti e 30 feriti.

Continue reading “Perù. Impazza la repressione: 17 morti a Puno” »

Share Button

Perù. Chi è José Williams, leader del congresso che ha rovesciato Pedro Castillo

Joaquín Pérez / Resumen Latinoamericano

José Williams Zapata, generale in pensione e parlamentare di un partito di estrema destra, indicato come uno dei principali istigatori per la destituzione di Petro Castillo, ora figura per succedere a Dina Boluarte alla presidenza del Perù. È accusato di violazione dei diritti umani, arricchimento illecito, legami con il narcotraffico secondo la stessa DEA statunitense.

Continue reading “Perù. Chi è José Williams, leader del congresso che ha rovesciato Pedro Castillo” »

Share Button

Riflessione, allerta e speranza

Un’istruttiva lezione deve aver lasciato, nel contesto latinoamericano, ciascuno degli attacchi della destra oligarchica contro i governi popolari e di sinistra, che sono giunti per voto del popolo a guidare i destini di diversi paesi.

Elson Concepción Pérez

Continue reading “Riflessione, allerta e speranza” »

Share Button

Perù, un banco di prova per i colpi di Stato

Telma Luzzani

Mai i colpi di Stato in America Latina hanno avuto obiettivi puramente locali. Né i dittatori del XX secolo, formatisi alla Scuola delle Americhe presso la base USA a Panama, né i golpe ibridi del XXI secolo, in cui si combinano azioni altamente complesse del potere legislativo e/o giudiziario; i media; settori economici in grado di colpire il mercato e le tradizionali forze di polizia o militari. Da Pinochet e Videla sino alle destituzioni di Dilma Roussef, Fernando Lugo, Manuel Zelaya o Evo Morales, tutti hanno l’impronta inconfondibile degli interessi geopolitici e geoeconomici di Washington. Pedro Castillo non fa eccezione.

Continue reading “Perù, un banco di prova per i colpi di Stato” »

Share Button

Perù. La guerra sporca

Gustavo Espinoza M., Resumen Latinoamericano

È noto che Dante Alighieri, nella sua opera classica poi chiamata “La Divina Commedia”, riservava il settimo girone dell’inferno ai violenti, a tutti coloro che fecero male agli altri con la forza. E riferisce che, dentro quello stesso recinto, sommergeva in un fiume di sangue ribollente e nauseabondo un certo numero di condannati, che descrisse dicendo: “Questi sono i tiranni che vissero di sangue e di rapina. Qui piangono le loro spietate colpe…”.

Continue reading “Perù. La guerra sporca” »

Share Button

Perù,un collasso sociale

José Carlos Agüero Nostramerica… (wordpress.com) 

Lo scrittore peruviano José Carlos Aguero*, intervistato da Enrique Patriau per “La República” il 21.12.22, analizza la situazione drammatica creatasi nel suo paese dopo l’arresto di Pedro Castillo: non si tratta dell’ennesima crisi politica, ma di un collasso sociale.

Continue reading “Perù,un collasso sociale” »

Share Button

Cubainformacion: Cuba, Perù e media

Cuba nello specchio mediatico… del Perù

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

In Perù sono già più di 30 i morti per la repressione della polizia e dell’esercito, dopo il golpe parlamentare che ha destituito e imprigionato il presidente Pedro Castillo (1). Esercito nelle strade, stato di emergenza (2) … Tuttavia, non leggeranno la parola “repressione” in nessuno dei titoli della grande stampa.

Continue reading “Cubainformacion: Cuba, Perù e media” »

Share Button