Tag Archives: Perù

Perú estrena presidente (otra vez): Francisco Sagasti releva a Manuel Merino

Share Button

Perù tra colpi di stato e corruzione

Giorgio Trucchi – www.altrenotizie.org

Il Perù ha un nuovo presidente, il quarto in due anni. Si tratta di Francisco Sagasti, del Partido Morado (centro-destra), che prende il posto del dimissionario Manuel Merino, travolto dalla contestazione di piazza. L’ingegnere, industriale ed ex dirigente della Banca Mondiale, è stato eletto con 97 voti a favore e 26 contrari e domani assumerà l’incarico rimasto vacante. Domenica scorsa, dopo una settimana di proteste, il paese andino si era risvegliato piangendo i suoi primi morti. Due ragazzi, Inti Sotelo Camargo di 24 anni e Bryan Pintado Sánchez di 22 anni, sono caduti sotto i colpi della polizia. Più di un centinaio i feriti, alcuni gravi, e almeno venti le persone di cui non si hanno più notizie.

Continue reading “Perù tra colpi di stato e corruzione” »

Share Button

Il Perù s’infiamma contro il sistema “corrotto e assassino”

di Geraldina Colotti

“Nuova costituzione subito. Assemblea costituente adesso. Abbasso il capitalismo. Viva il socialismo”. “No al massacro in Perù. Né Vizcarra né Merino”. I cartelli esposti al Colosseo dalla comunità peruviana di Roma sintetizzano i termini della protesta di piazza, che da cinque giorni si svolge nel paese. Il neo-eletto presidente a interim, Manuel Merino è stato obbligato a dimettersi al grido di “Fuori Merino corrotto assassino”.

Continue reading “Il Perù s’infiamma contro il sistema “corrotto e assassino”” »

Share Button

Perú: ¿vacancia o golpe? PPK, Vizcarra, Merino…

Share Button

Le 10 funzioni dell’USAID, la mega agenzia “umanitaria” della CIA

L’Agenzia USA per lo Sviluppo Internazionale (USAID) è stata creata nel 1961 con l’intento di espandere il “Piano Marshal” ai paesi strategici del mondo, incanalando le sue politiche per: uno, impedire che le forze comuniste – che si erano rafforzate dalla sconfitta del fascismo nella Seconda Guerra Mondiale – prendessero il potere e, due, aprire nuovi mercati per le aziende USA. Il legame tra l’USAID e l’Office of Public Security, allora guidato dall’agente della CIA (Central Intelligence Agency) Byron Engle, si è rinnovato anno dopo anno: nel 2015 Barack Obama ha nominato la direttrice del National Security Council della casa Bianca, Gayle Smith, come direttrice dell’Agenzia.

Continue reading “Le 10 funzioni dell’USAID, la mega agenzia “umanitaria” della CIA” »

Share Button

Cubainformacion: giornalismo mercenario

Perù e Messico: giornalismo mercenario contro la cooperazione cubana

 

Negli USA, intellettuali come la scrittrice Alice Walker o l’attore Danny Glover chiedono il Premio Nobel per la Pace per le brigate mediche internazionali di Cuba.

L’invio di tre di esse, per la prima volta, in Europa (due in Italia, una in Andorra), ha posizionato Cuba come un vera potenza medica solidaria.

Continue reading “Cubainformacion: giornalismo mercenario” »

Share Button

Cubainformacion: El Comercio del Perù

La stampa del Perù sputa sulla mano di Cuba

Cuba, recentemente, inviava in Perù una brigata medica contro il Covid-19.

Non è la prima volta Lo ha fatto dopo i terremoti del 1970 e del 2007 e le inondazioni del 2017.

Ma oggi la stampa peruviana sputa sulla mano solidale di Cuba. “Il mondo occulto dei medici cubani”, intitolava il quotidiano El Comercio.

Continue reading “Cubainformacion: El Comercio del Perù” »

Share Button

Una vittoria della Rivoluzione cubana che non si adatta ad alcun silenzio

Fabián Escalante Font  https://lapupilainsomne.wordpress.com

Qualsiasi analisi che si realizzi delle relazioni tra USA e Cuba, negli anni ’70 del XX secolo, deve tener conto di importanti eventi verificatisi sia a Cuba che negli USA e nel mondo: il rovesciamento del presidente Allende in Cile, da parte di un golpe ideato dalla CIA, lo scandalo Watergate e le dimissioni del presidente Nixon, le rivelazioni della commissione Church che svelò al mondo i piani della CIA per cercare di assassinare dirigenti politici stranieri, in particolare Fidel Castro; la sconfitta USA in Vietnam, ecc .; mentre a Cuba si teneva il I Congresso del Partito, si inaugurava un nuovo tipo, al mondo, di Assemblea Legislativa, si rafforzavano politicamente ed economicamente le relazioni con l’URSS; cominciava la guerra di liberazione in Angola, con il risoluto sostegno cubano, trionfava la Rivoluzione Popolare Sandinista, solo per citarne alcuni.

Continue reading “Una vittoria della Rivoluzione cubana che non si adatta ad alcun silenzio” »

Share Button

Quando la solidarietà mette a tacere l’infamia

http://www.granma.cu

Solo nell’intolleranza di coloro che infieriscono per la profusione di solidarietà di un’isola socialista per il mondo, si può spiegare l’assurda e falsa campagna di discredito che contro i medici cubani pagano ed incoraggiano i nemici della Rivoluzione.

Si faccia attenzione. Se si eleva il volume di un altro di quelle note “scenate”, è perché Cuba ha offerto un qualche gesto di amore collaborativo ed internazionalista.

Continue reading “Quando la solidarietà mette a tacere l’infamia” »

Share Button

Medici cubani: ragioni e non parole

In tutti i paesi in cui stanno, possano arrivare o arriveranno medici cubani in base ad accordi intergovernativi, si ripete, nelle reti sociali, lo stesso coro di voci conservatrici ed intolleranti e di “troll” anonimi che, iracondi, si pronunciano contro. E sta succedendo in Perù da quando è stata ufficialmente annunciata la firma di un accordo per ricevere questi cooperanti.

Manuel Robles Sosa  www.granma.cu

Continue reading “Medici cubani: ragioni e non parole” »

Share Button

Bolivia, il golpe etnico

Fabrizio Casari

Evo Morales è giunto in Messico a bordo di un aereo militare inviatogli da Andrès Manuel Lopez Obrador. Perù ed Ecuador hanno negato il diritto di sorvolo all’aereo messicano e la cialtronata rende bene l’idea di cosa siano i governi di Lima e Quito. Evo è stato costretto all’esilio per fermare la caccia all’uomo che i golpisti avevano previsto, che sarebbe terminata solo con la morte del presidente legittimo della Bolivia e del suo vice, Alvaro Garcia Linera.

Continue reading “Bolivia, il golpe etnico” »

Share Button

Perché non bruciano il Venezuela, la Bolivia

ma il Cile, l’Argentina e simili neoliberal?

di Pino Arlacchi www.lantidiplomatico.it

Non è autunno caldo globale. E non è una generica richiesta di partecipazione via hashtag, come tentano di far credere i media dell’ establishment neoliberal. E’ vero che i milioni di individui scesi in piazza in questi giorni sono sparsi in molti paesi, ma per capire cosa succede le assenze contano quanto le presenze.

Continue reading “Perché non bruciano il Venezuela, la Bolivia” »

Share Button

E se fosse successo in Venezuela

quello che succede in Ecuador e Cile?

Clodovaldo Hernandez – LaIguana.tv

 

Poiché oggi è domenica, facciamo un po’ di esercizio. Ovviamente raccomando anche l’esercizio fisico, ma in questo caso mi riferisco al gioco di ipotizzare, cosa sarebbe successo se…? Vediamo:

Continue reading “E se fosse successo in Venezuela” »

Share Button

Trump e il suo cortile in profonda crisi

controrivoluzione, ciclo breve e pericoloso

Clodovaldo Hernández, Laiguana TVHistoire et Societé,

Trump, Ecuador, Argentina, Perù e l’opposizione venezuelana soffrono di crisi simultanee: un momento di grande pericolo

 

Continue reading “Trump e il suo cortile in profonda crisi” »

Share Button

Medaglia d’oro per la pace

Lima – Lacrime di felicità, abbracci, strette di mano e baci si uniscono alla meta quando il sudore inonda il corpo e la mente del vincitore non assimila ancora che è nato un campione che sarà adorato, per ringraziarlo di tanto sforzo.

Continue reading “Medaglia d’oro per la pace” »

Share Button