Tag Archives: Philip Agee

Un partito, quello di Fidel

Ho la più profonda convinzione che
                                                                    l’esistenza di un partito è e dev’essere,
                                                                  per un lungo periodo storico che nessuno
                                                                      può prevedere sino a quando, la forma
                                                                                 di organizzazione politica della
                                                                                                       nostra società»

                                                                                                       —Fidel Castro

L’ex agente della CIA Philip Agee dichiarò nel marzo del 1987, in un’intervista a Zona Zero citata da Alfredo Grimaldos a pagina 150 del suo libro del 2006 “La CIA in Spagna”, pubblicato a Cuba nel 2007:

«Nel Programma Democrazia, elaborato dall’Agenzia, si dedica una speciale attenzione alle fondazioni dei partiti politici tedeschi, soprattutto alla Friedrich Ebert, del Partito Socialdemocratico, e la Konrad Adenauer Stiftung, dei democristiani. Queste fondazioni erano state stabilite dai partiti tedeschi negli anni ’50 e si utilizzarono per canalizzare il denaro della CIA verso queste organizzazioni, come parte delle operazioni di ‘costruzione della democrazia’, dopo la Seconda Guerra Mondiale. Dopo negli anni ’60, le fondazioni tedesche cominciarono ad appoggiare i partiti fratelli ed altre organizzazioni all’estero e cercarono nuovi canali per il denaro della CIA.

Continue reading “Un partito, quello di Fidel” »

Share Button

Cubainformacion: casi di coscienza

Philip Agee e Ana Belén Montes: la vittoria della coscienza, invisibile per la stampa

Sono passati dieci anni dalla morte, all’Avana, di Philip Agee, che fu un agente della CIA per 12 anni. Ruppe con l’Agenzia nel 1968 per motivi di coscienza.

Continue reading “Cubainformacion: casi di coscienza” »

Share Button

Cuba possibile, fondazioni e…CIA

Completando l’ “esperienza di assistere alcune società in transizione” della Fondazione Friedrich Ebert

Iroel Sanchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

obama friedrich-ebertL’informazione pubblicata dagli organizzatori permette sapere che il primo seminario dell’evento su “Cuba e le sue sfide attuali” realizzato da ‘Cuba Posible’ presso la sede, newyorkese, della Fondazione Open Society del miliardario Gorge Soros è stata moderata dal Sign. Uwe Optenhogel, direttore dell’Ufficio della Fondazione Friedrich Ebert di Bruxelles, che ha fatto le domande ai relatori, ha dato la parola e ha anche espresso la sua opinione, sottolineando e offrendo per Cuba, la sua “esperienza assistendo alcune società in transizione”, secondo le sue parole.

Continue reading “Cuba possibile, fondazioni e…CIA” »

Share Button

Ecuador: se non la CIA, chi mette i soldi?

Orlando Pérez* http://www.eltelegrafo.com.ec

ecuador-cia blancaIniziamo dal dubbio. Non è la CIA? Bene, allora tutto quanto denunciato è una di quelle invenzioni nate della testa (come dice l’ambasciatore) di qualche nostalgico delle teorie della cospirazione? Così facile?

Continue reading “Ecuador: se non la CIA, chi mette i soldi?” »

Share Button

World Learning per Cuba, nuovo programma della CIA?

http://percy-francisco.blogspot.it

WLNon risulta una sorpresa per nessuno che nel nuovo contesto delle relazioni tra Cuba e USA comincino ad apparire programmi sospetti volti a ricercare tra i giovani cubani per creare un gruppo di potenziali nuovi leader “per il cambiamento” secondo gli standard della guerra sovversiva.

Continue reading “World Learning per Cuba, nuovo programma della CIA?” »

Share Button

Smemorati o ignoranti

Arthur Gonzalez  http://heraldocubano.wordpress.com

bugiaQuando si pretende demonizzare un sistema politico socialista, non mancano personaggi che ballano al suono del denaro; questo è il caso dei salariati di Washington creati contro la Rivoluzione cubana. Nel suo tentativo di mantenere correnti d’opinione contrarie a Cuba, il libello di Miami “El Nuevo Herald” pretendere distorcere la storia, raccontandola a suo modo e convenienza.

Continue reading “Smemorati o ignoranti” »

Share Button