Tag Archives: Reporter senza Frontiere

Cubainformacion: votazione ONU e coincidenze

Cuba: ciò che unisce Donald Trump e Reporter Senza Frontiere

 

A pochi giorni da che l’Assemblea Generale dell’ONU voti, per un altro anno, contro il blocco USA a Cuba, la Casa Bianca lancia una nuova campagna di intossicazione sui “diritti umani” nell’isola.

“Jailed for What” (“Imprigionati per cosa”) è il suo slogan. Richiede la liberazione di 130 presunti prigionieri/e politici sull’isola, ed ha il sostegno del Segretario Generale dell’OSA Luis Almagro.

Continue reading “Cubainformacion: votazione ONU e coincidenze” »

Share Button

Ripudiabili menzogne

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

È noto che il tema migratorio cubano è manipolato dagli USA per scopi sovversivi da 60 anni. Tale interesse ha dato origine alla creazione della Legge di Aggiustamento Cubano, come giustificazione per cui i cubani “fuggono dal comunismo”.

Per tale motivo rimane inamovibile con un trattamento che ricevono solo i nati a Cuba, benché, al raggiungere gli USA, stessero risiedendo in qualsiasi paese del “mondo libero”.

Continue reading “Ripudiabili menzogne” »

Share Button

Breve ed incompleta cronologia di un fallimento

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

II PARTE (2015-2018)

2015

-20 gennaio: Primo numero di Cuba Posible nel suo sito ufficiale

-27 e 28 gennaio: Evento di Cuba Posible, a Washington DC, con il Cuba Research Center della Georgetown University coordinato da Phil Peters, che Ted Henken menziona come la persona che lo ha presentato a Yoani Sánchez. Come pubblicato da Progreso Semanal vi assistono Hugo Cancio (OnCuba), Harold Cardenas (La Joven Cuba-El Toque), Elaine Diaz (Periodismo de Barrio), Norge Rodríguez Armiñán (Salir a la Manigua) e dirigenti e collaboratori di Cuba Posible.

Continue reading “Breve ed incompleta cronologia di un fallimento” »

Share Button

Cuba nei media: consenso informativo ed interessi di classe

José Manzaneda http://www.cubasocialista.cu

Coordinatore di Cubainformacion TV. Responsabile dei media dell’Associazione di Amicizia Euskadi-Cuba

Il consenso informativo su Cuba

L’industria dell’informazione e della comunicazione è il motore ideologico per la fabbricazione dell’imprescindibile consenso nella legittimazione del sistema capitalista globale (1). Le principali reti televisive, le produzioni di cinema commerciale, le stazioni radio, i giornali di grande tiratura e le altre grandi imprese del settore delle comunicazioni di massa realizzano una gestione privata di un servizio pubblico trascendentale per la sua influenza politica e sociale: la selezione delle agende informative rilevanti per la cittadinanza, delle opinioni di esperti che quella deve considerare per forgiare le sue opinioni, delle tendenze, valori, stili di vita e modelli di consumo da imitare e, naturalmente, dei modelli di condotta politica che è necessario escludere o condannare.

Continue reading “Cuba nei media: consenso informativo ed interessi di classe” »

Share Button

RSF finanziò seminario in Germania per giornalisti cubani?

Norelys Morales Aguilera http://islamiacu.blogspot.it

periodismo de barrio RSF“Dieci giovani giornalisti cubani, con e senza affiliazione a media dello Stato, hanno partecipato ad un seminario (workshop), di dieci giorni, organizzato dalla fondazione del quotidiano Taz, a Berlino, finanziato dalla fondazione Taz Panter Stiftung con il sostegno del Ministero degli Esteri tedesco”, secondo Deutsche Welle (DW) [1]

Continue reading “RSF finanziò seminario in Germania per giornalisti cubani?” »

Share Button

Cubainformacion: RSF e altre amenità

Share Button

Cubainformacion: RSF e altre amenità

José Manzaneda www.cubainformacion.tv

cubainformacionLo vedevamo in televisione. Il creatore dell’ ONG Reporter senza frontiere, Robert Menard, appariva visitando famiglie siriane rifugiate nella località francese di Beziers, dove è il sindaco … per il Fronte Nazionale di estrema destra. E non lo faceva per portar loro aiuto, ma per minacciarle di usare la forza se non andavano via (1). È curioso che nessun media ora ricordi che questo neofascista guidò, per anni, le campagne contro il Governo di Cuba perché nell’isola -ci diceva- non sono permessi i media “indipendenti”, cioè, di proprietà di aziende private (2).

Continue reading “Cubainformacion: RSF e altre amenità” »

Share Button

Giornalismo di Quartiere

Justo Cruz Coordinatore di Cuba Sì https://lapupilainsomne.wordpress.com

periodista bombPrima di iniziare e per chiarimento: Con questo titolo non è mia intenzione mettere in discussione le buone intenzioni del giornalismo di quartiere “profondamente umano, rispettoso e sensibile al dolore altrui” parole della fondatrice del progetto, che ho avuto il piacere di conoscere a Berlino.

Ho sentito parlare del progetto “Giornalismo di Quartiere” per la prima volta qualche giorno fa in un’attività organizzata dal quotidiano di Berlino TAZ con un gruppo di giovani giornalisti cubani, che aveva lo scopo di discutere sul giornalismo a Cuba, che secondo la redazione di questo giornale e con riferimento al Barometro della Libertà di Stampa di Reporter Senza Frontiere, il nostro paese è al 169 posto, in una lista composta da 180 paesi.

Continue reading “Giornalismo di Quartiere” »

Share Button

Le pressioni della contras su Hollande

http://percy-francisco.blogspot.it

hollandeSi sono dati la zappa sui piedi. Non ci sarà nessun incontro con la controrivoluzione.

L’On. François Hollande, Presidente della Repubblica Francese, arriverà a Cuba questa domenica 10 maggio in visita ufficiale, secondo una nota pubblicata sul quotidiano Granma, diventando il primo capo di stato francese a visitare Cuba dal 1959.

Continue reading “Le pressioni della contras su Hollande” »

Share Button

Premi: altra forma di stimolare la sovversione

http://percy-francisco.blogspot.it

ynobldineroSecondo quanto si può contabilizzare, solo nel 2014, sono stati consegnati ai controrivoluzionari interni ed esterni un totale di 112 premi – 63 meno rispetto al 2013 -, da vari governi ed organismi di circa 10 nazioni, in particolare USA (50) e Spagna (42).

Continue reading “Premi: altra forma di stimolare la sovversione” »

Share Button