Tag Archives: sanità

“Grazie” ad un’infermiere di Las Tunas in Italia

Iris Hernández Rodríguez  http://periodico26.cu

Las Tunas – Delle molte esperienze vissute a Crema, in Italia, come parte della Brigata Henry Reeve, Eduardo Brito Pérez, di Las Tunas, conserva numerose foto. Le guarderà più volte nel viaggio di ritorno in Patria, durante l’isolamento che deve continuare a L’Avana, quando passino gli anni, quando la sua famiglia ed i suoi amici gli chiedano e vogliano dettagli, quando i suoi figli desiderino condividere l’orgoglio di loro padre. Ma i ricordi più profondi non sono contenibili in una sola immagine.

Continue reading ““Grazie” ad un’infermiere di Las Tunas in Italia” »

Share Button

Cuba alla sfida della COVID-19

un “miracolo” travestito da normalità

www.pressenza.com Rossella Franconi – Angelo Baracca

Il futuro della nostra patria deve necessariamente essere un futuro di uomini di scienza” [Fidel Castro, 1960]

Nelle ultime settimane la piccola Cuba ha inviato in Italia ben due brigate mediche per supportarci concretamente nella lotta contro questa pandemia 1 : e proprio in due regioni di stretta osservanza leghista, che forse non per caso sono state le più colpite d’Italia dalla pandemia. Sebbene su queste due missioni mediche, dopo i battimani all’arrivo e un certo scalpore iniziale, sia calato un silenzio tombale, è sperabile che molte persone si siano interrogate: “Perché proprio Cuba ci aiuta?”. Noi che seguiamo da anni i grandi progressi di Cuba nel campo medico e scientifico non ci siamo affatto meravigliati, malgrado sappiamo bene che Cuba versa in grandi difficoltà perché sempre più strangolata dal bloqueo, il blocco economico più lungo della storia.

Continue reading “Cuba alla sfida della COVID-19” »

Share Button

Cubainformacion: Premio Nobel o affare?

Cooperazione medica cubana: affare o Premio Nobel?

Il diritto alla salute pubblica è sacro nella Costituzione cubana. Mai un affare.

Ma il discorso della Casa Bianca, ripetuto da un coro mediatico, è che L’Avana “lucra” con i servizi medici che offre ad altri paesi.

Continue reading “Cubainformacion: Premio Nobel o affare?” »

Share Button

Cubainformacion: medicina a Cuba ed Argentina

Medicina in Argentina, medicina a Cuba

In un articolo -che leggeremo solo sui media alternativi- il medico argentino Alberto Cerda ha affrontato l’enorme campagna organizzata nel suo paese contro l’arrivo della cooperazione sanitaria da Cuba.

Nel suo testo, si chiedeva: “per quanto tempo noi medici d’ Argentina lavoriamo nei quartieri marginali o baraccopoli delle nostre città? Questa è la grande differenza tra noi ed i colleghi cubani”.

Continue reading “Cubainformacion: medicina a Cuba ed Argentina” »

Share Button

L’assoluzione di Cuba

La absolución de Cuba

Nello sconcerto dei primi giorni di quarantena, un messaggio è giunto al mio cellulare. Erano incoraggiamenti provenienti da Cuba che, amorevolmente, mi ricordano che sono la mia famiglia. Quel giorno ero andato al supermercato e mi sono ricordato delle mie avventure sull’isola dove il tempo sembra infinito e fare la fila è sport nazionale. Ironie del destino, due anni dopo stavo facendo la fila ed alcuni scaffali iniziavano a mostrare segni di penuria. La realtà aveva appena mostrato la fragilità delle fondamenta dell’Occidente e dal paese che tanto era stato diffamato provenivano esempi, almeno, da considerare.

Continue reading “L’assoluzione di Cuba” »

Share Button

Il blocco colpisce malati oncologici

Le malattie oncologiche costituiscono la prima causa di morte in Camaguey mentre il trattamento dei pazienti nell’Ospedale Oncologico Maria Curìe si complica come conseguenza del blocco yankee a Cuba.

Continue reading “Il blocco colpisce malati oncologici” »

Share Button

Cubainformacion: resurrezioni a Cuba ed altri imbrogli

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il denaro pubblico di agenzie USA come NED, USAID e CIA sostiene decine di media digitali con “tematica cubana” (1) (2). Che agiscono non solo come megafoni di menzogne e voci generate nelle reti sociali, ma -ciò che è più grave- come fonte informativa e d’analisi per non pochi media convenzionali.

Continue reading “Cubainformacion: resurrezioni a Cuba ed altri imbrogli” »

Share Button

Così Cuba sta sconfiggendo il coronavirus

Tra le nazioni che hanno sorprendentemente tenuto a bada (almeno fino a questo momento) la pandemia ce n’è una che spicca più delle altre: Cuba.

Un po’ perché vedere il piccolo arcinemico degli USA riuscire in un’impresa che la rivale superpotenza sta clamorosamente fallendo fa una certa impressione. E un po’ perché la Repubblica socialista sembra smentire le previsioni secondo cui i paesi meno ricchi sarebbero stati quelli più colpiti dall’epidemia. Nonostante le sanzioni e le derisioni statunitensi, la Repubblica socialista ha arginato l’epidemia e inviato medici in tutto il mondo.

Continue reading “Così Cuba sta sconfiggendo il coronavirus” »

Share Button

Sindaca di Crema riconosce il gesto di solidarietà di Cuba

Share Button

Ricordate Katrina!

Luis A. Montero Cabrera  www.cubadebate.cu

Il 29 agosto 2005, l’uragano Katrina colpì con quasi tutta la forza possibile di un ciclone tropicale di grande intensità la costa meridionale degli USA, intorno alla foce del fiume Mississippi. Aveva già colpito Cuba e la Florida come tormenta tropicale. Le morti associate all’uragano si verificarono principalmente in aree con grandi concentrazioni di persone, come nel caso della città di New Orleans, e ammontarono tra le 1245 e le 1836 persone. Una parte di tali perdite fu dovuta all’assenza dell’adeguata opportuna assistenza medica.

Continue reading “Ricordate Katrina!” »

Share Button

Il blocco non impedirà di garantire la salute del suo popolo

Mentre la guerra economica limita il normale sviluppo del settore sanitario sull’isola, Cuba dà agli USA una lezione d’umanità

Alejandra García Elizalde    www.granma.cu

Mentre il nuovo coronavirus scatena la peggiore crisi sanitaria degli ultimi decenni, Washington s’impegna nel limitare la capacità di Cuba di far fronte a questa pandemia. Giornalmente, l’amministrazione di Donald Trump amplia le restrizioni per impedire l’accesso dell’isola a medicine e forniture di prima necessità.

Continue reading “Il blocco non impedirà di garantire la salute del suo popolo” »

Share Button

Cuba, breve storia di un sistema sanitario

di Marinella Correggia – il Manifesto

All’inizio della primavera silenziosa 2020 una missione medica di Cuba è volata per la prima volta in un paese occidentale, membro ben armato della Nato e indifeso davanti a un virus. E’ solo l’ultimo atto di un internazionalismo sanitario esercitato da sessant’anni giusti in America Latina, Africa e Asia e che conta attualmente oltre 30mila operatori (medici, infermieri, tecnici) in 67 paesi. Le ultime missioni – non solo in Italia – partecipano alla campagna mondiale contro la pandemia del Covid-19. Perché «la patria è l’intera umanità».

Continue reading “Cuba, breve storia di un sistema sanitario” »

Share Button

Cubainformacion: cooperazione Cuba-Canada?

Cooperanti sanitari cubani … in Canada?

Le cosiddette Prime Nazioni, le popolazioni native, rappresentano il 4,7% della popolazione canadese.

Ma, in questo paese con elevati standard di vita e salute, le 634 comunità indigene soffrono di gravi carenze sanitarie.

E sapete a chi si sono rivolti i suoi dirigenti? A Cuba.

Continue reading “Cubainformacion: cooperazione Cuba-Canada?” »

Share Button

Medici, no bombe. La lezione di Cuba è sempre valida

Roberto Livi https://ilmanifesto.it

«Medici, no bombe». In un discorso pronunciato a Buenos Aires nel 2003 Fidel Castro affermava che «mai Cuba avrebbe attuato attacchi armati preventivi contro altri paesi, ma sempre sarebbe stata disposta a inviare i suoi medici in qualunque angolo del mondo in cui fossero richiesti».

Continue reading “Medici, no bombe. La lezione di Cuba è sempre valida” »

Share Button

Articolo di Science The Wire

La risposta al coronavirus a Cuba sta facendo vergognare altri paesi

Ben Burgis https://science.thewire.in

Traduzione Matthias Moretti

La MS Braemar, un transatlantico da crociera che trasportava 682 passeggeri del Regno Unito, è rimasta momentaneamente bloccata. Cinque passeggeri della crociera sono risultati positivi al coronavirus. Varie dozzine di passeggeri e membri dell’equipaggio sono rimasti in isolamento dopo aver mostrato sintomi simili a quelli dell’influenza. La nave era stata rifiutata da vari porti d’approdo in tutto il Caribe. Secondo fonti del governo britannico che hanno parlato con la CNN, il Regno Unito ha contattato sia gli Stati Uniti che Cuba “per trovare un porto adeguato per la Braemar”.

Continue reading “Articolo di Science The Wire” »

Share Button