Tag Archives: telesur

Il criminale di guerra Elliott Abrams attacca Telesur

www.lantidiplomatico.it

Sanzioni, omicidi, minacce. La tracotanza degli Stati Uniti non sembra avere limiti. Adesso vogliono anche imporre ai giornalisti quali sono le fonti.

A riprova di questo arrivano le minacce del criminale di guerra Eliott Abrams all’emittente teleSUR.

Continue reading “Il criminale di guerra Elliott Abrams attacca Telesur” »

Share Button

Cubainformacion: in morte di un bambolotto

La morte del bambolotto Guaidó ed altre censure

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

La fotografa Nicole Kramm ha perso la vista da un occhio a causa dello sparo di un carabiniere a Santiago del Cile (1). È la giornalista che -un anno fa- fu travolta, al confine con la Colombia, da un blindato di militari disertori venezuelani (2). Gran parte della stampa internazionale li ha trattati come eroi (3). Mentre -esattamente come fa oggi- si è dimenticata della giornalista che era…nel posto sbagliato.

Continue reading “Cubainformacion: in morte di un bambolotto” »

Share Button

Cubainformacion: difendiamo teleSUR

L’orgoglio di essere teleSUR

Oggi, la squadra di teleSUR deve provare un immenso orgoglio. Perché le minacce di intervento del Dipartimento di Stato, attraverso il suo agente venezuelano Juan Guaidó, sono la prova del suo impatto e del suo successo.

Continue reading “Cubainformacion: difendiamo teleSUR” »

Share Button

Telesur a L’Avana, contro minacce ed aggressioni

Il Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha partecipato nel pomeriggio di lunedì 27 all’inaugurazione del Centro di Produzione di Telesur in Cuba, con sede negli Studi d’Animazione del ICAIC.

Continue reading “Telesur a L’Avana, contro minacce ed aggressioni” »

Share Button

Guaidó: encargado de “rescatar” TeleSUR

Share Button

Motivi evidenti (ed altri non tanto) per distruggere teleSUR

Augusto Marquez http://misionverdad.com

UN QUADRO GENERALE: I MEDIA A CAPO DELLA BATTAGLIA E DELLA CAMPAGNA PRESIDENZIALE NEGLI USA

 

Il 12 gennaio scorso, il deputato Juan Guaidó ha annunciato che il suo falso interinato avrebbe avviato azioni e misure “legali” contro la televisione multistatale Telesur. Le stesse sarebbero incamminate a ripetere il modello di saccheggio ed espropriazione illegali di beni venezuelani che incassò come prime vittime alla filiale Citgo ed alla società petrolchimica Monómeros lo scorso anno.

Continue reading “Motivi evidenti (ed altri non tanto) per distruggere teleSUR” »

Share Button

Telesur non si tocca

Stella Calloni  www.cubadebate.cu

Come se qualcosa mancasse nello scenario venezuelano degli ultimi giorni, dove la stessa opposizione venezuelana ha detto “no” a uno screditato burattino degli USA, come Juan Guaidó, questi esegue gli ordini del suo padrone annunciando che inizia il tentativo di “recuperare” la rete televisiva venezuelana e latinoamericana TeleSUR che è vista in tutto il mondo e specialmente nella nostra regione, nonostante che alcuni governi, che agiscono come sudditi coloniali di Washington, come è stato il caso dello sconfitto Mauricio Macri in Argentina, l’abbiano fatta scomparire dalle reti locali.

Continue reading “Telesur non si tocca” »

Share Button

Telesur: la voce e l’immagine di coloro che lottano e resistono

Il Presidente cubano, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha respinto «energicamente le minacce contro la voce e l’immagine dei popoli che lottano e resistono contro l’aggressione imperiale», ed ha esclamato che: «Da Nuestra America e dal mondo Viva Telesur».

Continue reading “Telesur: la voce e l’immagine di coloro che lottano e resistono” »

Share Button

Cubainformacion: dittatura, censura e furto

Dittatura, censura e furto elettorale in Bolivia: le chiavi di un altro golpe mediatico

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il furto della vittoria elettorale ottenuta dal Movimento al Socialismo (MAS) e la dittatura imposta in Bolivia non sarebbero stati  possibile senza i media internazionali (1).

Che, come il quotidiano spagnolo El País, convertono un golpe militare in una “crisi politica” (2). Che, come l’agenzia AP, qualificano Evo Morales, minacciato e perseguitato (3), come “ex presidente auto-esiliato” (4). O che, come la rivista Forbes, dedicano copertine ad esaltare una presidentessa golpista che ci racconta “come si è pacificata la Bolivia” (5).

Continue reading “Cubainformacion: dittatura, censura e furto” »

Share Button

Le censure che non fanno notizia

Dopo Telesur anche RT viene chiusa dal regime golpista in Bolivia

 

Cotas, il principale operatore privato in Bolivia di tv via cavo, ha comunicato all’emittente russa RT in spagnolo che il suo segnale sarà sospeso a partire da lunedì 2 dicembre. Lo riferisce oggi RT. La decisione “è stata adottata da autorità superiori” ha dichiarato una fonte allo Sputnik.

Continue reading “Le censure che non fanno notizia” »

Share Button

Cubainformacion: teleSUR media antigolpe


teleSUR: il media … antigolpe

Nel 2009, grazie a teleSUR, milioni di persone seguirono il golpe in Honduras e conobbero le sue trappole e menzogne mediatiche.

Gli stessi che oggi cercano di giustificare l’ennesimo tentativo di golpe in Venezuela.

Continue reading “Cubainformacion: teleSUR media antigolpe” »

Share Button

Cubainformacion: le tre verità di teleSUR


New York Times, CNN, Forbes? TeleSUR lo ha già detto

The New York Times ha dimostrato con un video che, il 23 febbraio, il cosiddetto “aiuto umanitario” al Venezuela non è stato dato alle fiamme dalla “polizia di Maduro”, come ci hanno detto, ma dall’opposizione stessa.

Continue reading “Cubainformacion: le tre verità di teleSUR” »

Share Button

Vzla: una delle più violente aggressioni in 200 anni di sovranità

Così come lo ha chiesto sabato 9 il presidente Costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, il popolo venezuelano ha affrontato con molto coraggio le nuove manovre contro di lui.

Continue reading “Vzla: una delle più violente aggressioni in 200 anni di sovranità” »

Share Button

Un Partito di Rivoluzione

«Il tema del ruolo del Partito Comunista nella nostra società, al quale non rinunciamo e che è appoggiato dalla maggioranza del popolo, ha a che vedere con ragioni di fondamenta storiche, a volte non si capisce questa realtà cubana, perchè si cerca sempre di vedere la posizione del Partito o il ruolo che disimpegna il Partito Comunista de Cuba nella società nostra come un partito elettorale, ma è che nelle condizioni di Cuba, il Partito non è elettorale, ma ha a che vedere con radici storiche».

Continue reading “Un Partito di Rivoluzione” »

Share Button

Cuba: Presidente e popolo costituente (I)

Ángel Guerra Cabrera https://lapupilainsomne.wordpress.com

L’intervista a Telesur dal presidente cubano Miguel Díaz-Canel è un modello di buon giornalismo, facilitato da una profonda conoscenza, dell’intervistato, sull’anima del suo paese e dei problemi che deve affrontare. Nel suo colloquio con Patricia Villegas, Diaz-Canel ci dimostra, con semplicità, quella Cuba profondamente democratica, rivoluzionaria, generosa, solidaria e battagliera per la giustizia sociale che i media dominanti cercano di rendere invisibile.

Continue reading “Cuba: Presidente e popolo costituente (I)” »

Share Button