Tag Archives: Wikileaks

Cile 11.09.73: x non dimenticare

I Maestri del Socialismo

LE RAGIONI PER CUI L’IMPERIALISMO USA DISTRUSSE IL GOVERNO ALLENDE

“Non vedo alcuna ragione per cui ad un paese dovrebbe essere permesso di diventare marxista soltanto perché il suo popolo è irresponsabile. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.”

“Di tutti i capi di governo dell’America Latina, noi ritenemmo Allende il più pernicioso per gli interessi del nostro paese. Egli era palesemente pro-Castro e si opponeva agli Stati Uniti. Le sue politiche interne erano una minaccia per la democrazia cilena e per i diritti umani.”

(Henry Kissinger)

Anche prima della sua vittoria elettorale (avvenuta nel 1970), Allende attirò rapidamente su di sé il veto dell’establishment politico statunitense. A causa delle sue idee socialiste, si cominciò a temere che ben presto il Cile sarebbe diventato una nazione comunista e sarebbe entrato nella sfera d’influenza dell’Unione Sovietica. Per di più gli USA avevano cospicui interessi economici in Cile, con società come ITT, Anaconda, Kennecott ed altre. L’amministrazione Nixon, in particolare, fu la più strenua oppositrice di Allende, per il quale nutriva un’ostilità che il Presidente ammetteva apertamente.

Continue reading “Cile 11.09.73: x non dimenticare” »

Share Button

Joe Biden, il liberatore di Internet?

Venerdì 16 luglio, nei giardini della Casa Bianca e prima di salire a bordo dell’elicottero per recarsi alla residenza di riposo, a Camp David, Joe Biden ha detto alla CNN che “la disinformazione nelle reti ci uccide”. In particolare, il Presidente USA si riferiva alle pubblicazioni nella rete digitale Facebook sulla vaccinazione contro il COVID-19 e accusava quella società di non fare nulla per evitarle.

Iroel Sánchez www.granma.cu

Continue reading “Joe Biden, il liberatore di Internet?” »

Share Button

L’indipendenza de “gli ultimi a sapere”

Iroel Sánchez  https://lapupilainsomne.wordpress.com

In Full metal jacket, il film di Stanley Kubrick sul Vietnam, c’è una scena in cui l’ufficiale USA incaricato della stampa durante la guerra dà istruzione ai giornalisti su come coprire gli eventi sul campo. Non c’è spazio per il minimo errore, da come fotografare una cantante e attrice che arriverà per sollevare gli animi delle truppe, sino alla parola esatta per denominare ogni tipo di persona dalla propria parte o nemica, persino se coloro che fuggono dalla guerra debbano essere chiamati “evacuati” o “rifugiati”. I minimi dettagli sono precisati per ogni copertura e notizia. I “giornalisti incorporati” verranno chiamati, tempo dopo, nella guerra in Iraq, quelli che Kubrick ubica a Saigon.

Continue reading “L’indipendenza de “gli ultimi a sapere”” »

Share Button

L’interventismo con altri mezzi: Foro Penal

https://misionverdad.com

Gli USA hanno una lunga storia di colpi di stato e cambi di governo in America Latina. E quando non è stato per intervento diretto, ha utilizzato le ONG come cavalli di Troia che fungono come operatori o bracci della politica estera USA.

È sufficiente che si installi un governo autonomo dai progetti del paese nordamericano affinché, automaticamente, si svegli l’altruismo di queste organizzazioni. Ma come operano? Uffici come l’Agenzia USA per lo Sviluppo Internazionale (USAID) distribuiscono donazioni e risorse ad organizzazioni non governative (ONG) e faziose della nazione in cui vogliono intervenire.

Continue reading “L’interventismo con altri mezzi: Foro Penal” »

Share Button

Wikileakes svela piani USA per destabilizzare il Venezuela

Pubblicati file di Wikileakes che svelano piani USA per destabilizzare il Venezuela

Può sembrare retorico, ma d’altronde potevamo aspettarcelo.

La Tabla, media venezuelano specializzato in giornalismo e inchiesta, che ha accompagnato le sue pubblicazioni con prove fotografiche, ha pubblicato documenti di WikiLeaks che rivelano cosa pianificavano gli Stati Uniti in Venezuela già da diversi anni.

Continue reading “Wikileakes svela piani USA per destabilizzare il Venezuela” »

Share Button

Cubainformacion: la metafora di Assange

La metafora di Julian Assange

 

Il processo di Julian Assange è una metafora perfetta del mondo in cui viviamo.

Se le rivelazioni di Wikileaks avessero riguardato Cina o Russia, già esisterebbe a Washington un Memorial Assange a difesa della libertà.

Continue reading “Cubainformacion: la metafora di Assange” »

Share Button

Wikileaks, Fidel Castro e la democrazia occidentale

Iroel Sanchez http://espanol.almayadeen.net

Mentre era estratto a forza dall’ambasciata ecuadoriana a Londra, Julian Assange aveva nelle sue mani un libro di Gore Vidal. Non era un libro “scritto” da Vidal, ma una raccolta di interviste in cui l’autore di romanzi come Burr denuncia, con il suo caratteristico sarcasmo, il funzionamento di quello che denominò “gli Stati Uniti di Amnesia”.

Continue reading “Wikileaks, Fidel Castro e la democrazia occidentale” »

Share Button

Manuale del colpo di stato

Svelato nel 2008 e ancora attuale. Ecco come gli USA usano FMI e Banca Mondiale come “armi non convenzionali”

www.lantidiplomatico.it

Svelato nel 2008 e ancora attuale. Ecco come gli USA usano FMI e Banca Mondiale come “armi non convenzionali”

L’esercito americano usa le principali istituzioni finanziarie globali – la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), tra le altre – come “armi” non convenzionali per promuovere i loro interessi all’estero, secondo quanto rivela un manuale militare segreto del 2008.

Continue reading “Manuale del colpo di stato” »

Share Button

Rafael Correa: «Assange è già stato consegnato agli USA»

L’ex presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ha denunciato il grave peggioramento dello stato di salute dal fondatore di Wikileaks, e giornalista, Julian Assange. Correa ha evidenziato che la circostanza non è casuale, ma parte di un accordo tra il suo successore, Lenin Moreno, e il governo degli Stati Uniti, con la scopo di giungere alla conclusione che vede protagonista il giornalista australiano. Visto che gli Stati Uniti che cercano in tutti i modi di catturarlo.

Continue reading “Rafael Correa: «Assange è già stato consegnato agli USA»” »

Share Button

Rafael Correa su Assange

«Moreno parla di dialogo ma già è tutto concordato con gli USA»

 https://www.lantidiplomatico.it

Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno avrebbe deciso di consegnare il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, agli USA. In sostanza questo è quanto dichiara l’ex presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ai microfoni dell’emittente RT.

Continue reading “Rafael Correa su Assange” »

Share Button

L’Ecuador sospende l’accesso ad internet di Assange

teleSUR – https://www.lantidiplomatico.it

Il governo ecuadoriano ha limitato l’accesso alle comunicazioni del giornalista e fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che si trova nell’ambasciata dell’Ecuador nel Regno Unito dal 2012, per aver violato un accordo in cui si era impegnato a non commentare gli affari di altri paesi.

Continue reading “L’Ecuador sospende l’accesso ad internet di Assange” »

Share Button

WikiLeaks: gli obiettivi USA del cambio di regime a Caracas

Sputnik – https://aurorasito.wordpress.com

WikiLeaks ha pubblicato un estratto di un cablo del 1988 tra il dipartimento di Stato USA e la sua ambasciata a Caracas: “Obiettivi, scopi e gestione delle risorse degli Stati Uniti in Venezuela“, evidenziando il valore delle riserve petrolifere del Venezuela per i governanti statunitensi. Il cablo chiarisce che l’obiettivo principale delle relazioni USA-Venezuela è assicurare che quest’ultimo continui a fornire una “quota significativa” delle importazioni di petrolio e abbia una posizione “moderata e responsabile” sui prezzi all’OPEC.

Continue reading “WikiLeaks: gli obiettivi USA del cambio di regime a Caracas” »

Share Button

Come funzionano le rivoluzioni colorate

http://www.lantidiplomatico.it

Alcuni documenti fatti trapelare da “Wikileaks” mostrano come agisce un’organizzazione che addestra i movimenti “di opposizione” in tutto il mondo – dall’Egitto al Venezuela [il riferimento è alle “rivoluzioni colorate” che animarono Nord Africa e parte del Medio Oriente nel 2011, ndt].

Continue reading “Come funzionano le rivoluzioni colorate” »

Share Button

L’arsenale della CIA

Il mondo conosce sempre meglio il funzionamento e la portata dei servizi di spionaggio degli Stati Uniti.

Se lo specialista assunto a contratto Edward Snowden rivelò nel 2013 il programma di vigilanza di massa della NSA, ora il turno è toccato all’Agenzia Centrale d’Intelligenza (CIA), considerata uno Stato nello Stato per il suo modus operandi e l’indipendenza del potere esecutivo.

Continue reading “L’arsenale della CIA” »

Share Button

La guerra mediatica e la postverità

Carlos Fazio http://www.cubadebate.cu

In momenti in cui dalla Casa Bianca fa capolino il volto del fascismo del XXI secolo come l’incarnazione della emergente dittatura della classe capitalista transnazionale, è dato supporre che i patrocinatori della guerra e del terrorismo mediatico contro Venezuela, Cuba, Bolivia, Ecuador e gli altri paesi dell’ALBA intensificheranno, rinnovati, i loro aneliti d’ingerenza, destabilizzatori e golpisti come parte della politica imperiale di cambio di regime nei paesi considerati ostili dalla diplomazia di guerra di Washington.

Continue reading “La guerra mediatica e la postverità” »

Share Button