(ARGENTINA) MAR DEL PLATA, Argentina, 6 novembre

 

Chávez ha ribadito che l’ALCA

è annessionista e perversa

· Diversi paesi coincidono sul fatto che il risultato del Summit delle Americhe è una sconfitta per il presidente nordamericano

 

 

Il Presidente venezuelano, Hugo Chávez, ha ribadito domenica in questa città il fallimento dell’impantanata Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA), perorata dagli Stati Uniti, definendo questo progetto anessionista e perverso, ha riportato PL.

 

Chávez ha denunciato, durante una conferenza stampa offerta al termine del IV Summit delle Americhe svoltosi in questa città balneare, che “la proposta dell’ALCA è fondamentalista: o stai con lei o stai contro coloro che la vogliono far rivivere”.

 

Il Capo dello Stato ha avvertito tuttavia, che coloro che adorano questo progetto cercheranno di rilanciarlo. “Cercheranno di farla rivivere e continueranno a proporla, ma è già defunta”, ha detto Chávez dopo aver annunciato che nell’appuntamento emisferico il Venezuela ha proposto la creazione di un’Alleanza contro la Fame e la Povertà.

 

Lo statista ha lamentato che “avevamo chiesto a paesi ricchi come il Canada e gli Stati Uniti di dare l’esempio contribuendo a questo piano, ma non hanno risposto”.

 

Chávez, interrogato sulla mancanza di consenso nei negoziati sulla dichiarazione finale di Mar del Plata (in forse fino all’ultimo momento per profonde divergenze), ha definito i dibattiti come incontri di scherma.

 

Il leader della Rivoluzione Bolivariana ha rivelato, alludendo alla postura assunta dalle quattro nazioni del Mercato Comune del Sud (MERCOSUR): Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay, oltre che dal Venezuela, che “quando abbiamo finito di discutere mi sono congratulato con il presidente argentino Néstor Kirchner e gli ho detto che i moschettieri erano tre, ma che qui siamo stati in cinque”.

 

“Qui eravamo cinque moschettieri esperti nella scherma”, ha aggiunto dopo essersi congratulato per la ferma posizione assunta dai membri del MERCOSUR e dalla Repubblica Bolivariana.

 

Ha affermato che il grande sconfitto nel forum emisferico è stato Bush “il quale”, ha sottolineato, “se n’è andato prima del tempo e con il volto marcato”.

 

Kirchner ha elogiato a Mar del Plata la fermezza del MERCOSUR e del Venezuela di fronte alla pretesa USA di imporre l’ALCA.

 

Il presidente argentino ha affermato, in un’intervista concessa al quotidiano ‘La Capital’, che “questo è un giorno storico per il MERCOSUR, perchè i paesi più importanti e grandi (Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay), più il Venezuela, hanno riconosciuto che non ci sono le condizioni per l’ALCA”.

 

 

IN BOLIVIA E’ STATO MESSO IN RISALTO E FESTEGGIATO IL FALLIMENTO DELL’ALCA

 

 

La Paz 6 novembre. – Il fallimento del progetto nordamericano dell’ALCA nel Summit di Mar del Plata è stato festeggiato domenica come una vittoria popolare dal candidato presidenziale boliviano Evo Morales.

 

Morales, in una dichiarazione a Prensa Latina, si è congratulato con i popoli latinoamericani perchè la loro lotta, “valorosa, coerente ed efficace”, ha reso possibile la vittoria concretizzatasi con il fallimento del cosiddetto Summit delle Americhe, terminato senza un consenso rispetto all’ALCA.

 

Anche la stampa nicaraguense ha fatto riferimento domenica al fallimento del Summit.

 

Il titolo utilizzato dal quotidiano ‘La Prensa’ per aprire la sua pagina internazionale è stato: “Fiasco nel Summit americano per l’ALCA”.