Come gli USA finanziano

la "dissidenza" cubana, 

GiÓ spesi 150 milioni di dollari del contribuente statunitense

 

 

 

8/11/11 - JosÚ Manzaneda, coordinatore di http://www.cubainformacion.tv

 

 

 

All'inizio di ottobre, la sede diplomatica statunitense all'Avana ha preparato una festa in grande stile, con la speranza che due "dissidenti" cubani  fossero insigniti del Premio Nobel per la Pace (1). L'Agenzia per la Cooperazione Internazionale USA (USAID) aveva giÓ stanziato 250000 dollari per il merchandising, come la stampa di 100000 magliette con i volti dei premiati, su uno sfondo di bandiere di USA e Cuba e la frase "Per Cuba Ú arrivata l'ora". Infine, il premio si Ú fermato ad altre latitudini (2). Ma l'aneddoto Ŕ rappresentativo del grado di rapporto organico tra dissidenza cubana e il governo degli Stati Uniti, qualcosa che i media internazionali occultano deliberatamente.

 

I giganti della informazione tacciono il provato finanziamento da parte statunitense a questa "dissidenza", fatto che, di per sÚ, invalida la sua legittimitÓ politica. Solo per l'anno fiscale 2011, il governo degli Stati Uniti ha approvato 62 milioni di dollari per la incidenza politica, sociale e mediatica a Cuba, indipendentemente da altre voci non dichiarate (3). Ci˛ suppone un aumento del 34% rispetto all'anno precedente nonostante la crisi che colpisce gli Stati Uniti, con pi¨ di 46 milioni di persone al di sotto della soglia di povertÓ (4).

 

Quasi la metÓ di questi 62 milioni annuali Ŕ presa dalle emittenti governative di propaganda Radio e TV MartÝ, che trasmettono verso l'isola da un aereo militare USA, violando tutte le regole dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni.
 

La  parte per la cosiddetta "dissidenza" si eleva a 20 milioni di $, che Ú gestita dall'Agenzia di Cooperazione Internazionale degli USA (USAID), dentro il suo "programma per la democrazia a Cuba" (5). Questi fondi sono destinati in prima istanza, a organizzazioni ed imprese contrattiste degli Stati Uniti - principalmente di Miami - programmi canalizzati, attrezzature e fondi a qualsiasi  gruppo umano in Cuba, per quanto piccolo, che soddisfi il requisito di opporsi al Governo cubano. I beneficiari sono i mini partiti di ogni tipo, sette religiose, gruppi gay e lesbiche apparentemente "indipendenti",  blogger anticomunisti, tra cui gruppi infantili "non ufficiali" (6).

 

 

La consegna tramite istituzioni intermediarie di fondi del governo USA per la "dissidenza" cubana agisce come uno schermo per occultare la natura collaborazionista di questa ed, incidentalmente, impedire l'applicazione delle leggi cubane (7).

 

Pochi giorni fa, la nuova leader della cosiddette Dame in Bianco, Berta Soler, cercando di smentire una presunta appropriazione indebita di 20000 dollari dalle casse del suo gruppo (8) ha negato che il governo USA abbia mai dato loro denaro; questo gli vien inviato dagli "esuli (di Miami), che lo raccolgono con la loro attivitÓ" (9). Soler non ha spiegato che la pi¨ efficace di queste "attivitÓ" dell'estrema destra di Miami Ŕ proprio la presentazione di progetti all'USAID per beneficiare di una quota dei 20 milioni di $ che, alla fine, finanziano le Dame in Bianco e molti altri gruppi.

Questo metodo di pagamento indiretto non esclude, tuttavia, alcune dirette partite governative, come evidenziato da un cablo dell' Ufficio di Interessi USA all'Avana, datato 2008, rivelato da Wikileaks pochi mesi fa, ma censurato dai media internazionali (10).

Dalla metÓ degli anni 90, il governo USA ha speso circa 150 milioni di dollari in questi programmi a sostegno della "dissidenza", con un incremento spettacolare a partire dall'anno 2006, subito dopo la grave malattia di Fidel Castro, arrivando nel 2008 alla cifra record di
45 milioni di $ (11).

Un documento del Dipartimento di Stato, dell'aprile 2011, ammette apertamente che finanzia la "dissidenza" cubana. Si legge: "Gli sforzi congiunti dei programmi di governo degli Stati Uniti hanno contribuito a innalzare il profilo internazionale di attivisti della societÓ civile, in particolare di blogger e giornalisti. (...) Stiamo cercando di collaborare con la pi¨ ampia fascia della societÓ civile cubana, compresi i gruppi con cui non ha funzionato in passato. Abbiamo addestrato centinaia di giornalisti il ​​cui lavoro Ŕ apparso nelle principali agenzie di stampa internazionali"(12).

Ma su questo scandalo politico, che mette a nudo la natura collaborazionista della cosiddetta "dissidenza" cubana, i media mainstream preferiscono non informare. Sarebbe come riconoscere che coloro che hanno presentato, per anni, come "pacifici oppositori" o "difensori dei diritti umani" sono, in realtÓ, quello  che in ogni altro paese del mondo chiamerebbero mercenari.

 

 

(1) http://www.contrainjerencia.com/index.php/?p=27430

(2) http://www.canalsolidario.org/noticia/triple-nobel-a-la-paz-en-femenino-ya-era-hora/27562

(3) http://lapupilainsomne.wordpress.com/2011/03/10/obama-planifica-62-millones-para-acciones-contra-cuba-en-2012/

(4) http://www.bbc.co.uk/mundo/noticias/2011/09/110913_eeuu_pobreza_censo_en.shtml

(5) http://www.ddcuba.com/cuba/5307-usaid-anuncia-21-millones-para-proyectos-destinados-promover-la-democracia-en-cuba

(6) http://www.contrainjerencia.com/index.php/?p=20360

(7) http://www.cubadebate.cu/noticias/2011/03/18/a-donde-va-dinero-gobierno-de-eeuu-para-la-subversion-en-cuba/

(8) http://www.avn.info.ve/contenido/cuba-damas-de-blanco-sospechan-de-l%C3%ADder-fallecida-por-desv%C3%ADo-de-20000-d%C3%B3lares

(9) http://www.ddcuba.com/derechos-humanos/7829-berta-soler-desmiente-un-supuesto-faltante-en-los-fondos-de-las-damas-de-blanc

(10) http://islamiacu.blogspot.com/2011/09/wikileaks-pago-de-la-oficina-de.html

(11) http://www.cubainformacion.tv/index.php?option=com_content&view=article&id=23567:el-negocio-de-la-contrarrevolucion-cubana&catid=61&Itemid=200077

(12) http://alongthemalecon.blogspot.com/2011/06/exclusive-state-department-responds-to.html