USA: multata con quasi 6 milioni di $ un’impresa turistica

Continuano senza sosta le manovre USA per danneggiare l’economia cubana e allo stesso tempo per trarre beneficio economico.

La società Generali Global Assistance, Inc. (GGA), che si occupa anche di forniture di servizi di viaggio, ha accettato di pagare quasi 6 milioni di dollari agli Stati Uniti per presunta violazione del blocco degli USA contro Cuba.

L’annuncio è stato reso noto sul sito ufficiale dell’Ufficio di Controllo dei Patrimoni Stranieri (OFAC) del Dipartimento del Tesoro statunitense, dove si specifica che l’importo da pagare ammonta esattamente a 5.864.860 dollari.

Secondo l’OFAC, tale importo è dovuto per la presunta responsabilità civile in 2593 violazioni del Regolamento di Controllo dei Beni Cubani (CACR) creato dalla amministrazione statunitense in maniera arbitraria.

La sanzione arriva nonostante il fatto che Generali abbia indirizzato i pagamenti relativi a Cuba alla sua filiale canadese.

Nonostante ciò, l’OFAC ha specificato nella sua dichiarazione che questo fatto costituisce un’atroce violazione delle sanzioni degli Stati Uniti contro Cuba nel campo del turismo e dei guadagni che esso genera alla economia cubana.

In questo modo, Generali si unisce ad altre istituzioni internazionali multate nel corso dell’ultimo anno, tra cui la banca britannica Standard Chartered, Expedia Group, General Electric, Allianz Global Risks U.S, Assicurazioni Company e Swiss Chubb Limited.

Il governo statunitense motiva queste sanzioni affermando che violano la politica di embargo contro l’isola, sostenuta già da 6 decenni da Washington, nonostante l’opposizione della stragrande maggioranza della comunità internazionale.

Ogni anno Cuba presenta all’ONU una mozione di condanna del blocco economico a cui è sottoposta e il risultato finale è sempre il medesimo, oltre 190 Paesi appoggiano Cuba mentre 2-3 paesi appoggiano gli USA o si astengono di anno in anno (Israele, isole Marshall, Ucraina, e quest’anno il Brasile di Bolsonaro).

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.