INDER, 60 anni di successi

In mezzo a un contesto avverso, l’Istituto Nazionale di Educazione Fisica e Ricreazione (Inder) ha celebrato il 23 febbraio il 60° anniversario della sua fondazione, determinato a migliorare i risultati, la salute e la qualità della vita della popolazione.

Sei decenni dopo la sua nascita, continua i suoi sforzi per affermarsi come un’entità moderna ed efficiente, sempre sotto la premessa del leader storico della Rivoluzione, Fidel Castro, che “lo sport è un diritto del popolo”. Questa stessa idea ha promosso la massificazione dello sport con strategie per incoraggiare e sviluppare l’abitudine di praticare l’esercizio fisico dai bambini agli anziani e trasformare così Cuba in un punto di riferimento mondiale.

Sotto la guida di Inder, Cuba ha scalato la scena sportiva mondiale e attualmente occupa il 16° posto nel medagliere dei Giochi Olimpici, con figure leggendarie come il corridore Alberto Juantorena, il pugile Teófilo Stevenson, il lottatore Mijaín López, la pallavolista Mireya Luis, il giocatore di baseball Pedro Luis Lazo, tra gli altri.

Più di 70 medaglie d’oro olimpiche oggi avallano i successi di Cuba durante più di 60 anni di Rivoluzione, dai Giochi Panamericani di Chicago nel 1959, poco dopo il trionfo del 1 gennaio, fino alla più recente performance nei Giochi Panamericani di Lima 2019.

Correo de Cuba condivide cinque pietre miliari dello sport cubano che mostrano il ruolo essenziale di Inder nel promuovere un modello inclusivo, partecipativo e di riferimento per le nazioni dell’America Latina e del mondo.

Al di là del secondo posto nei Giochi Centroamericani, l’impresa sportiva nei Giochi di San Juan del 1966 fu immortalata dal ribellismo di una delegazione che non si arrese mai e dalla nave Cerro Pelado sostenne il suo diritto a partecipare.

Le vittorie in pista del velocista Enrique Figuerola illustrano il progresso dello sport sull’isola nei primi anni della rivoluzione e il secondo posto a Tokyo 1964 ha aperto il percorso di prestigio nelle competizioni olimpiche fino ad oggi.

María Caridad Colón ha iniziato il percorso di trionfo delle donne latinoamericane nei cinque anelli, con la corona nel lancio del giavellotto a Mosca 1980.

I giochi centroamericani all’Avana nel 1982 furono il preludio alla potenza organizzativa dell’isola caraibica e il 2 agosto 1991, accolsero le rappresentazioni del continente, in una competizione che convalidò lo sviluppo sportivo con il primo posto di Cuba in America per detronizzare la delegazione degli Stati Uniti.

Nell’ordine collettivo, la squadra di pallavolo femminile ha brillato al ritmo di servizi e punte per migliaia di fan in tutto il mondo e sotto l’epiteto di Morenas del Caribe ha regnato nelle Olimpiadi di Barcellona 1992, Atlanta 1996 e Sydney 2000.

Nonostante l’inasprimento del blocco statunitense e l’impatto della pandemia di Covid-19, Cuba sta rafforzando il suo movimento sportivo e andrà a Tokyo la prossima estate per mantenere la sua posizione tra le prime 20 nazioni del mondo olimpico.

Questo racconto di grandi momenti esemplifica i successi dello sport cubano sulla scena internazionale, come fedeli continuatori del pensiero fidelista di portarlo il più lontano possibile.

Fonte: www.prensa-latina.cu

Traduzione: ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA-CUBA

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.