CDR – Un’organizzazione di massa nell’ora decisiva di Cuba

Era il 28 settembre 1960 nell’ex palazzo presidenziale di Cuba quando diversi colpi di pistola hanno interrotto il discorso del leader rivoluzionario Fidel Castro nella notte in cui è nata la più grande organizzazione di massa del paese.

Il sito, ora il Museo della Rivoluzione, è stato il luogo di una cerimonia di benvenuto per l’allora primo ministro, che tornava dalla 15a sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite negli Stati Uniti.

Circa un milione di persone stavano ascoltando le parole del leader, e improvvisamente, il suono assordante delle esplosioni ha cambiato il turno del discorso.

Stabiliremo un sistema di vigilanza rivoluzionaria collettiva”, fu la proposta di Fidel Castro a coloro che stavano in piedi sull’attenti, e subito si udirono le note dell’inno nazionale, in quello che costituì l’effervescente preambolo alla creazione quel giorno dei Comitati di Difesa della Rivoluzione (CDR).

Il contesto non poteva essere più complesso: l’aggressività del governo degli Stati Uniti contro la Rivoluzione Cubana stava aumentando con continui attacchi alla nazione, dalla guerra batteriologica e le campagne diffamatorie agli atti terroristici e l’aggressione armata a Playa Girón nel 1961, per citare solo alcuni esempi.

Lo storico Ventura Carballido, dedicato allo studio della nascita e dello sviluppo della CDR, afferma che la proposta emerse come un evento spontaneo, e solo due giorni dopo gli eventi al Palazzo Presidenziale, lo storico leader riaffermò la creazione dell’organizzazione CDR in un intervento alla stazione radio CMQ.

Immediatamente, il movimento che è emerso inizialmente nei blocchi e nei palazzi si è diffuso in tutte le province del paese, e ha iniziato l’organizzazione delle sue diverse strutture.

Testimone di quegli eventi, Reimundo Quesada descrive a Prensa Latina gli anni della fondazione e “le azioni dei gruppi che cercavano di sabotare l’economia, creare disordini e mettere in pericolo l’integrità fisica dei dirigenti”.

Il professore universitario ha passato in rassegna momenti cruciali della storia dell’organizzazione, tra cui la lotta contro i banditi (1959-1965) nelle zone montagnose dell’Escambray, dove si rifugiarono le bande nemiche della nascente Rivoluzione che commisero di tutto, dagli omicidi alle umiliazioni di ogni tipo contro i contadini.

La guardia di quartiere in quel momento adempiva al ruolo assegnatogli da Fidel Castro nella sua costituzione, essere la retroguardia nella lotta contro i sabotatori e i terroristi, ha detto Quesada, mentre riconosceva “le molteplici attività sociali per lo sviluppo della comunità, come le donazioni di sangue e le attività produttive”.

Ha anche ricordato che i CDR sono stati protagonisti di varie marce di massa, tra cui quella per il ritorno del bambino Elián González, trattenuto negli Stati Uniti per sette mesi senza il consenso del padre, e restituito a Cuba dopo una battaglia condotta dal popolo nelle strade e nelle piazze dell’isola delle Antille.

Da parte sua, la professoressa Bárbara Valdés ha partecipato all’organizzazione della campagna che nel 1961 fece della nazione caraibica il primo paese dell’America Latina a liberarsi dall’analfabetismo, e ricorda il lavoro dell’organizzazione di massa nella “mobilitazione casa per casa, sollecitando la gente che voleva imparare o alfabetizzarsi”.

Ricorda il lavoro dei CDR insieme alla Federazione delle Donne Cubane per ottenere il pieno accesso allo studio e al lavoro delle donne, oltre ad essere un anello fondamentale nella protezione dei cittadini e dell’economia durante il passaggio degli eventi climatici, accanto alla Protezione Civile.

I CDR sono stati presenti negli eventi più importanti della vita sociale e politica di questo paese”, insiste Valdés, prima di indicare anche i censimenti della popolazione e delle abitazioni, il volontariato, i processi di istituzionalizzazione del paese e la creazione degli organi del potere popolare.

Entrambi gli intervistati hanno sottolineato il sostegno fornito al Ministero della Salute Pubblica nelle varie campagne sanitarie e di vaccinazione del paese, compresa la più recente, che ha fornito a più di otto milioni di cubani almeno la prima dose dell’immunogeno creato qui contro il virus SARS-CoV-2, che causa la Covid-19.

Hanno anche evidenziato il lavoro attualmente svolto dai CDR nei quartieri e nelle comunità vulnerabili, insieme ai ministeri e alle organizzazioni studentesche, per rispondere ai problemi dei cittadini e realizzare una trasformazione che comprenda scuole, istituzioni sanitarie, strade, infrastrutture idriche e abitazioni.

Oggi più che mai, il lavoro dei CDR è più rilevante che mai, con metodi rinnovati che corrispondono alle nuove forme di aggressione usate dagli Stati Uniti contro l’isola, come la guerra non convenzionale”, ha sottolineato Quesada, e le sue parole sono un’evidente allusione alle sfide attuali di un’organizzazione che è decisiva, sei decenni dopo, per il tempo di Cuba.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: @ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA-CUBA

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.