La portata extraterritoriale del blocco danneggia gli eurodeputati

Membri del Parlamento Europeo hanno denunciato l’impatto de blocco statunitense contro Cuba e la sua portata extra territoriale, dopo che una delegazione di deputati del Gruppo della Sinistra di questo ente ha dovuto affrontare ostacoli per visitare l’arcipelago.

In un messaggio indirizzato alla presidente dell’Eurocamera, Roberta Metsola, e all’alto rappresentante dell’Unione Europea (UE) per i Temi Esteri e la Politica di Sicurezza, Josep Borrell, 11 eurodeputati hanno  precisato che l’agenzia di viaggi CWT, fornitrice  ufficiale di servizi all’Europarlamento, ha rifiutato di vendere i biglietti per un viaggio di lavoro a Cuba, ha informato Prensa Latina.

Il rifiuto è avvenuto perché l’entità appartiene a una compagnia USA.

«Quest’azione mostra un’ulteriore faccia del blocco criminale imposto da più di sei decenni, che continua ad essere una misura coercitiva inaccettabile contro uno Stato sovrano, adottata unilateralmente e con carattere extraterritoriale, in franca violazione dei principi della Carta della ONU e del Diritto Internazionale», è stato sottolineato.

Il messaggio indirizzato anche al presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, e al segretario generale del Parlamento, Klaus Welle, esige dall’UE di condannare il blocco.

Inoltre gli eurodeputati hanno elogiato l’aiuto medico che l’Isola ha offerto di fronte alla COVID -19 a tutto il mondo includendo paesi europei.

Inoltre hanno segnalato che la delegazione del Gruppo della Sinistra nel Parlamento Europeo visiterà Cuba dal 31 gennaio al 5 febbraio, per valutare le conseguenze dannose del blocco che limita i diritti del popolo cubano.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.