Tag Archives: guillermo farinas

Cuba-USA: mercenari cubani divisi in “Spazio Aperto”

https://heraldocubano.wordpress.com

yoanibamanobldinero (2)Una nota pubblicata nel sito digitale ’14ymedio’ ha tentato di riassumere in pochi paragrafi quello che è successo nelle 11 ore che durò, lo scorso lunedì, la celebrazione di uno “Spazio Aperto” della cosiddetta opposizione cubana convocato per fissare la “sua posizione comune di fronte al nuovo scenario che si è aperto con la ripresa dei rapporti con gli USA“.

Continue reading “Cuba-USA: mercenari cubani divisi in “Spazio Aperto”” »

Share Button

È pacifica la “dissidenza” cubana?

Iroel Sánchez http://lapupilainsomne.wordpress.com

pacifista armatoSeguendo le tracce di una notizia su come i potenti si organizzano per la guerra e la repressione si possono trovare sorprese molto interessanti in relazione a Cuba.

Continue reading “È pacifica la “dissidenza” cubana?” »

Share Button

I visti USA generano violenza nella dissidenza

Fernando Ravsberg http://islamiacu.blogspot.it

guillermo-farinayagressorCon due persone pugnalate si è conclusa una riunione della dissidenza. In un primo momento si ebbe molta confusione perché Guillermo Fariñas dichiarò al Miami Herald che fu attaccato da “un agente provocatore della Sicurezza dello Stato, che irruppe mentre si realizzava una riunione di oppositori”. In seguito, ha cambiato versione affermando, ad un periodico dissidente, che “l’aggressore, José Alberto Botell Cárdenas, assisteva alla riunione in qualità di membro dell’organizzazione, quando inaspettatamente brandì un coltello ed iniziò ad aggredire i presenti”.

Continue reading “I visti USA generano violenza nella dissidenza” »

Share Button

Molto denaro in gioco

Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

farinadineroSe gli USA normalizzassero le relazioni con Cuba, migliaia di loro impresari guadagnerebbero milioni di dollari per vendite ed importazioni di prodotti necessari ad ambo i paesi. Milioni di nordamericani potrebbero assaporare il delizioso rum cubano, fumarsi un sigaro fatto con il miglior tabacco del mondo abbronzarsi sulle sue spiagge pulite e belle, inoltre evitare l’amputazioni del cosiddetto “piede diabetico”, grazie ad un nuovo farmaco prodotto sull’isola, così come impiegare vaccini contro il cancro al seno, alla cervice, alla prostata ed altri; farmaci creati da scienziati cubani.

Continue reading “Molto denaro in gioco” »

Share Button

Alleanze ed illusioni della contras e degli yankee

José Daniel Ferrer e il suo delirio di grandezza

Arthur Gonzalez  http://heraldocubano.wordpress.com/

dissidenzaNon è stato il primo né sarà l’ultimo dei salariati di Washington, che vogliono proiettare un’immagine di essere “grandi dirigenti” con “migliaia” di seguaci a Cuba; lo scopo è quello di far credere a quelli che approvano l’invio di centinaia di migliaia di dollari per la controrivoluzione interna a Cuba, che loro sono in grado di mobilitare le masse e sono predestinati a rovesciare il Castrismo. Ora è stata la volta del santiaghero José Daniel Ferrer che, nel 2011, ha formato su indicazioni dei nordamericani, un nuovo gruppuscolo sotto il nome dell’Unione Patriottica di Cuba, UNPACU, dopo che il governo cubano lo ha messo in libertà condizionata. Continue reading “Alleanze ed illusioni della contras e degli yankee” »

Share Button

Continua la campagna mediatica

  Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com/

ImmagineDa diversi giorni si percepisce l’incremento della campagna mediatica contro Cuba, al fine di distorcere la sua realtà interna e creare una corrente d’opinione negativa che oscuri le azioni di Washington nella sua criminale Guerra Economica, tanto rifiutata da tutti i paesi delle Nazioni Unite. Gli stessi stipendiati storici degli Stati Uniti stanno ricevendo ordini su cosa fare e dire di fronte a certi mezzi stampa creati e finanziati dalla CIA.

Continue reading “Continua la campagna mediatica” »

Share Button

Amicizie pericolosissime

Iroel Sanchez  http://lapupilainsomne.wordpress.com

farina-posadaI cosiddetti dissidenti cubani hanno una eccellente obiettivo per farsi ritrarre. Abbiamo visto Guillermo Fariñas in compagnia di Luis Posada Carriles – autore dell’esplosione di un aereo civile della Cubana che uccise 73 personedi, tra altri atti violenti – Yoani Sanchez posare con José María Aznar – compagno di Tony Blair e George W. Bush nella campagna di menzogne ​​per invadere l’Iraq il cui costo in vite ancora non si ferma – e ora circola in rete un’altra di Jorge Luis García, alias Antunez, con Alvaro Uribe, un bugiardo criminale i cui “falsi positivi” hanno fornito molti cadaveri di civili innocenti alle fosse comuni in Colombia.

Continue reading “Amicizie pericolosissime” »

Share Button

I cambiamenti che vogliono per Cuba

 Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

carta-a-obamaDa che si è pubblicata “La lettera aperta al presidente Barack Obama, un sostegno alla Società Civile a Cuba”, firmata da un folto gruppo di personalità della vita politica USA, è stata immediatamente attaccata dai settori più recalcitranti di quel paese a cui si sono aggiunti i membri della mafia anti-cubana e i cosiddetti “dissidenti” interni, pagati dai 20 milioni di $ all’anno approvati dalla Casa Bianca. Per questi signori, qualsiasi cambiamento nella politica fallimentare degli Stati Uniti nei confronti di Cuba fallita dovrebbe andare preceduto dalla resa del Governo cubano e la sua sottomissione agli yankee.

Continue reading “I cambiamenti che vogliono per Cuba” »

Share Button

Soldi e menzogne vanno di pari passo

 Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

$(KGrHqJHJ!4FBPo+)gpmBQWJZsdWyg~~60_57Senza il minimo pudore o paura di peccare davanti a Dio, Elizardo Sanchez-Santacruz Pacheco, il più antico salariato degli Stati Uniti a L’Avana, é recentemente tornato da un viaggio all’estero dove ha ricevuto nuove istruzioni su come gestire le sue campagne mediatiche contro la Rivoluzione cubana, cariche di falsità e mendaci dichiarazioni; ragioni per le quali ha potuto vivere senza lavorare per 40 anni, grazie ai finanziamenti ricevuti da Miami. Nel suo ultimo rapporto su Cuba, Elizardo in nome del piccolo gruppo controrivoluzionario che ha creato, negli anni ’80, e composto da lui, la sua concubina e qualche altro complice per guadagnare un pò di dollari, offre una situazione “spaventosa” di Cuba, quando assicura che,  nel mese di maggio, sono avvenuti 1200 arresti di dipendenti di Miami.

Questa notizia non è casuale, ovviamente cerca di demonizzare la Rivoluzione cubana nei media USA, in un momento in cui vi è un movimento  a favore del cambiamento della politica della Casa Bianca nei confronti di Cuba. Continue reading “Soldi e menzogne vanno di pari passo” »

Share Button

Ciò che Fariñas sempre cerca e ancora più quando c’é la “stampa estera”

farina

 Norelys Morales Aguilera http://islamiacu.blogspot.it

Non è la prima volta che Guillermo Fariñas dopo essersi  incontrato con i suoi collaboratori, per i quali  é più che sufficiente la sala di casa sua, decide di terminare la conversazione con una provocazione pubblica.

Ma, questo 2 giugno, il gruppuscolo guidato dal detentore del record di scioperi della fame, amico dei terroristi di Miami, voleva fare la sua buffonata in grande e l’affare si è sparso come polvere. La gente non gli voleva permettere  che mentendo come fa, annunciasse al mondo “la realizzazione di una manifestazione con il sostegno popolare”. Continue reading “Ciò che Fariñas sempre cerca e ancora più quando c’é la “stampa estera”” »

Share Button

Nessuno che li capisca

 Arthur Gonzalez http://heraldocubano.wordpress.com

lavaggioJorge Mas Santos, presidente della Fondazione Nazionale Cubano Americana (FNCA), ha appena dichiarato, a Miami, che la sua organizzazione controrivoluzionaria amplierà il programma di borse di studio perché sino a 40 studenti cubani possano studiare nelle università della Florida. Il programma che sviluppa la FNCA ha attualmente 15 studenti nel Miami Dade College. Per la prossima edizione della borsa di studi però il governo degli Stati Uniti gli ha assegnato il finanziamento per espandere il progetto di lavaggio del cervello di più ragazzi cubani, con l’obiettivo di formare futuri “agenti del cambiamento”, che possano trasformare il sistema socialista a Cuba nel capitalismo al totale servizio di Washington.

Continue reading “Nessuno che li capisca” »

Share Button