Brasile, la Corte suprema respinge l’appello per la libertà di Lula

https://www.lantidiplomatico.it

All’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva è stata negata la libertà con la Corte Suprema che respinge nuovamente un appello in sua difesa.

Lula si trova agli arresti nel quartier generale della Polizia Federale di Curitiba, a Paranà, con l’accusa di corruzione da quando è stato emesso il mandato di arresto il 7 aprile in seguito ad un processo dalle chiare connotazioni politiche.


I 5 magistrati della Seconda Camera hanno votato all’unanimità contro la richiesta di liberare il fondatore del Partito dei lavoratori del Brasile (PT), condannato a 12 anni e un mese di carcere. Il team di avvocati che difende Lula ha dichiarato in diverse occasioni che il giudice Serio Moro, colui che ha ordito la detenzione di Lula, ha oltrepassato le sue funzioni quando ha emesso il mandato di arresto.

Nonostante la sua incarcerazione, Lula continua a restare nettamente in testa ai sondaggi per le elezioni presidenziali in Brasile, che si terranno in ottobre.

Mercoledì, Lula ha riaffermato che sarà lui a correre come presidente in una lettera inviata al presidente del Partito dei lavoratori, il senatore Gleisi Hoffmann, e ha affermato che arrendersi sarebbe come presumere che abbia commesso un crimine.

“Se accetto l’idea di non essere un candidato, presumo di aver commesso un crimine, non ho commesso alcun crimine”, ha detto Lula nella lettera, che è stata pubblicata mercoledì sera sul sito Web del PT.

“Ecco perché sono un candidato finché non appare la verità e che i media, i giudici e i pubblici ministeri mostrano il crimine che ho commesso o che smettono di mentire”.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *