Tag Archives: USAID

Cubainformacion: 15 N

Cuba 15N: blocco e milioni per il frutto atteso

 

Cosa c’è dietro la presunta “marcia civica” del 15N a Cuba? Un sacco di soldi del governo USA.

La sua Agenzia per lo Sviluppo (USAID) ha appena approvato ulteriori 6,6 milioni di $ per progetti di “cambio di regime” a Cuba.

Continue reading “Cubainformacion: 15 N” »

Share Button

Prendere le distanze da tutto ciò che è inumano

Silvio Rodríguez  www.cubadebate.cu

La strategia di Obama, per me, è sempre stata chiara: “non combatterli, avvicinati al tuo nemico e influenzalo”. Possiamo porgli gli epiteti che vogliamo, ma senza dubbio è stata la politica più pacifica, la meno cruenta di tutti i presidenti nordamericani che ci sono toccato dopo il 1959. D’altra parte, allo stesso modo in cui ricevere borse di studio e ospitare in case di persone di livello medio, negli USA, possa far pensare in modo differente un giovane che, fin da bambino, conosce solo la nostra realtà –di vantaggi sociali e carenze materiali–, visitare Cuba, per un giovane nordamericano, può significare un grande cambio di mentalità rispetto a ciò che sin da bambino ha sentito e letto di noi.

Continue reading “Prendere le distanze da tutto ciò che è inumano” »

Share Button

Vanno contro Cuba e vanno contro tutti in nostra America

Pedro Prada  www.cubadebate.cu/opinion

Ricordarli tutti e ciascuno, i pochi che sono sopravvissuti e quelli che non lo sono più, non solo è parte del dovere, solidarietà e gratitudine nei loro confronti e delle loro famiglie, bensì è anche parte della nostra futura felicità. Ed è, soprattutto, una responsabilità verso la memoria, la verità e la giustizia, soprattutto in momenti in cui le forze dell’odio e del terrore si sono lanciate, rinnovate, in Argentina e contro Cuba, per far deragliare il desiderio popolare di costruire il mondo migliore, di pace e giustizia che ci meritiamo.

Continue reading “Vanno contro Cuba e vanno contro tutti in nostra America” »

Share Button

Cuba: marcia di ciarlatani

Angelo Guerra Cabrera www.jornada.com.mx

La quinta colonna mercenaria USA, a Cuba, sta convocando una marcia civica, apparentemente pacifica, per il 15 novembre, in varie città dell’isola. È un altro passo sulla strada del golpe morbido e del cambio di regime che segue lo schema dei testi di Gene Sharp e dei manuali delle operazioni speciali USA. Lo stesso delle guarimbas (rivolte di strada) in Venezuela, dei blocchi stradali in Nicaragua e delle rivoluzioni di colore in Siria e nei paesi dell’Est Europa.

Continue reading “Cuba: marcia di ciarlatani” »

Share Button

Cuba come disturbo ossessivo compulsivo

Rosa Miriam Elizalde www.cubadebate.cu

Il salvadanaio è tornato a suonare. Meno di un mese fa, nel settembre 2021, l’Agenzia USA per lo Sviluppo Internazionale (USAID) ha assegnato 6 milioni 669 mila dollari in sovvenzioni per progetti volti a un cambio di regime a Cuba, eufemismo per evitare di dire intervento diretto di una potenza straniera.

Continue reading “Cuba come disturbo ossessivo compulsivo” »

Share Button

Il governo USA è il vero organizzatore della provocazione montata per novembre

Sui piani del governo USA e dei suoi operatori politici interni a Cuba, per cercare di rovesciare la Rivoluzione, ora con l’intenzione di effettuare marce in varie province del paese, è apparso Rogelio Polanco Fuentes, membro del Segretariato del Comitato Centrale del Partito e capo del suo Dipartimento Ideologico

Gladys Leidys Ramos López www.granma.cu

Continue reading “Il governo USA è il vero organizzatore della provocazione montata per novembre” »

Share Button

Come l’interferenza USA a Cuba crea un’immagine falsa della sua società

M.De Los Santos e Vijay Prashad, Globetrotter, 27 ottobre 2021 – Scoop

Il senatore statunitense Marco Rubio (R-FL) appare ossessionato da Cuba. Ogni giorno si rivolge ai social media o fa commenti alla stampa sul suo desiderio di rovesciare la rivoluzione cubana. Negli ultimi mesi, Rubio ha svolto un ruolo chiave nel sostenere le proteste antigovernative a Cuba.

Continue reading “Come l’interferenza USA a Cuba crea un’immagine falsa della sua società” »

Share Button

Le maschere cadono

Un drammaturgo che cerca di essere “agente di cambiamento”, formato alla scuola delle “rivoluzioni colorate”, guida l’appello per una marcia il 15 novembre a Cuba, con scopi destabilizzanti

Enrique Ojito  www.escambray.cu

Continue reading “Le maschere cadono” »

Share Button

Bolivia. Think tank di destra tenta di destabilizzare il governo di Luis Arce

Roberto Cursi www.lantidiplomatico.it

Non è bastato quello che il ministro boliviano, Eduardo Del Castillo, ha denunciato il passato lunedì, illustrando il piano del precedente Governo Añez, in cui alcuni dei mercenari che hanno assassinato il presidente haitiano Jovenel Moïse si trovavano in Bolivia a pochi giorni dalle elezioni presidenziali 2020, per uccidere il candidato socialista Luis Arce, poi eletto presidente col 55% dei voti.

Continue reading “Bolivia. Think tank di destra tenta di destabilizzare il governo di Luis Arce” »

Share Button

La ragione è il nostro scudo

www.granma.cu

Dopo mesi duri di pandemia, sconvolgente crisi economica mondiale, di intensificato e sostenuto blocco -che ha palesemente colpito il nostro popolo-, Cuba inizia a rianimare la sua vita sociale, gli spazi e servizi pubblici, le scuole, il turismo ed altri settori dell’economia.

Continue reading “La ragione è il nostro scudo” »

Share Button

Il percorso del denaro per la sovversione a Cuba

Por Orlando Oramas León (*) https://italiacuba.it

Il percorso del denaro per la sovversione a Cuba porta all’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e ad altre istituzioni e organizzazioni sotto l’ombrello della Central Intelligence Agency (CIA).

La CIA degli USA è considerata la forza trainante dietro gli sforzi di destabilizzazione contro la piccola nazione caraibica vicina.

Continue reading “Il percorso del denaro per la sovversione a Cuba” »

Share Button

Ancora una volta, volteggiano gli avvoltoi su Haiti

Jemina Pierre, Internationalist 360°, 19 agosto 2021

Un altro terremoto ad Haiti offre un’altra opportunità alla comunità delle ONG, all’oligarchia haitiana e agli imperialisti di consolidare i loro profitti e potere. Durante una visita ad Haiti all’inizio di aprile 2010, viaggiai con un amico al Club Indigo Hotel, 45 minuti a nord di Port-au-Prince, vicino la piccola comunità di Montrouis. Precedentemente Club Med Haiti (e ora Royal Decameron Indigo), il resort fu presentato come “complesso alberghiero residenziale, ricreativo e d’unico” e “luogo protetto e naturalmente privilegiato”.

Continue reading “Ancora una volta, volteggiano gli avvoltoi su Haiti” »

Share Button

Il Nicaragua e l’isteria imperiale

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Il Parlamento europeo protesta per i recenti provvedimenti assunti dalla magistratura nicaraguense, che solo applica le leggi vigenti. Niente di nuovo: pur omogenee a quelle di molti paesi, soprattutto europei, ogni volta che il Nicaragua emette una legge la UE ritiene di dare autorizzazioni che non le spettano, giudizi che non gli competono e sanzioni illegittime e parole ipocrite a coprire i fatti.

Continue reading “Il Nicaragua e l’isteria imperiale” »

Share Button

Creative Associates International (CAI)

 Non esattamente la CIA, ma sufficientemente vicino

 Alan Macleod

Probabilmente tu non ne hai sentito parlare, ma Creative Associates International (CAI) è una delle organizzazioni non governative più grandi e potenti che operano in tutto il mondo. Un pilastro del soft power (potere blando) USA, il gruppo è stato un architetto nella privatizzazione del sistema educativo iracheno, ha progettato applicazioni di messaggistica volte a rovesciare il governo di Cuba, è servito da gruppo di facciata per la famigerata forza mercenaria Blackwater (ora ribattezzata Academi) ed è stata relazionata agli squadroni della morte della Contra in Nicaragua.

Continue reading “Creative Associates International (CAI)” »

Share Button

Gli USA e il vecchio “chiodo” di Internet per Cuba

M H Lagarde

Il Senato USA ha approvato martedì l’emendamento n. 3097 alla risoluzione di bilancio del Senato che richiederebbe all’amministrazione Biden di facilitare l’accesso libero, aperto e senza censura a Internet per i cubani dell’isola.

Introdotto dai senatori USA Marco Rubio (R-FL) e Rick Scott (R-FL) l’emendamento propone di creare un Deficit Neutral Reserve Fund (DNRF) nella prossima legge di riconciliazione da utilizzare per sviluppare e distribuire la tecnologia esistente sull’isola.

Continue reading “Gli USA e il vecchio “chiodo” di Internet per Cuba” »

Share Button