Tag Archives: USAID

El Toque, indipendente o dipendente

Cuba por Siempre 

“Segui la rotta del denaro” è una frase famosa negli USA, emersa durante le indagini sullo scandalo Watergate che terminò con le dimissioni del presidente Richard Nixon, ed è esattamente ciò che abbiamo cercato di fare, trovare la rotta del denaro che finanzia “elTOQUE“. Sebbene “sia una piattaforma multimediale indipendente” secondo le loro stesse affermazioni, dietro di essa, come anche loro indicano, esiste una rete di ONG destinate a “sostenere” le loro attività.

Continue reading “El Toque, indipendente o dipendente” »

Share Button

Blocco e sovversione contro Cuba

multe alle banche e più di 50 milioni per programmi d’ingerenza

Randy Alonso Falcón

Con totale cinismo, il governo USA e la sua ambasciata all’Avana hanno cercato di smarcarsi dalle cause reali e profonde che hanno provocato le proteste popolari di domenica scorsa in alcuni quartieri cubani. “Gli USA non sono dietro le proteste e queste accuse sono assurde”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato, mentre la legazione diplomatica ha esortato il governo cubano ad attendere “alle legittime necessità del popolo cubano”.

Continue reading “Blocco e sovversione contro Cuba” »

Share Button

Influencer o latitanti?

Attraverso i cybermercenari, la Casa Bianca fa rivivere vecchie pratiche della Guerra Fredda e del Piano Condor

Francisco Arias Fernández

Eseguono ordini della Comunità di Intelligence USA anche se, indistintamente, siano accuditi dall’Agenzia Internazionale per lo Sviluppo (USAID), dal National Endowment for Democracy (NED), dal National Democratic Institute (NDI), Freedom House, Atlas Network o altre mostruosità terroristiche e sovversive, e si presentano come “giornalisti indipendenti“, youtubers, editorialisti, corrispondenti o non nascondino il loro status di agenti mercenari dei monopoli comunicativi occidentali.

Continue reading “Influencer o latitanti?” »

Share Button

Sono mercenari e operano contro Cuba dall’Europa

Beto Rodríguez Ángeles

Ancora una volta, il governo USA stanzia risorse milionarie per la realizzazione di azioni sovversive contro Cuba. E la cosa peggiore: ora usa l’Unione Europea e alcuni dei suoi rappresentanti ancorati al neofascismo. Ma ci sono cose che non cambiano. Oltre alla sua ossessione di rovesciare la Rivoluzione, la Casa Bianca continua a utilizzare due delle sue principali armi geopolitiche: il National Endowment for Democracy (NED) e l’Agenzia USA per lo Sviluppo Internazionale (USAID) per fornire denaro ad organizzazioni anti-cubane che attuano programmi e piani controrivoluzionari.

Continue reading “Sono mercenari e operano contro Cuba dall’Europa” »

Share Button

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Hernando Calvo Ospina

L’ho sentito pronunciare quei nomi a qualcuno che mi si è presentato come un funzionario del Dipartimento di Stato, addetto all’ambasciata a Parigi. Era qualche anno fa nel bar di quell’elegante albergo di Parigi, a pochi metri dal Museo del Louvre. Cinque giorni prima mi aveva avvicinato durante un cocktail alla Casa dell’America Latina (Maison de l’Amérique Latine). Ha detto che mi conosceva grazie ai miei libri e articoli su Cuba.

Continue reading “Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba” »

Share Button

I terroristi USA pretendono una «fine d’anno di sangue» per Cuba

Fonti negli USA citate da Razones de Cuba  hanno rivelato che i terroristi radicati in Miami pianificano azioni di destabilizzazione negli ultimi mesi del 2023, per far sì che la fine dell’anno sia «tetro»,

L’ informazione ha rivelato che l’articolazione controrivoluzionaria –mal denominata -Fondazione Patriottica- si è riunita nel pomeriggio di domenica 1 agosto per organizzare azioni armate contro l’Isola.

Continue reading “I terroristi USA pretendono una «fine d’anno di sangue» per Cuba” »

Share Button

La migrazione come scena nelle negoziazioni USA-Venezuela

misionverdad.com

Con rispettive dichiarazioni, i governi del Venezuela e USA forniscono all’opinione pubblica nazionale e internazionale chiare prove che, dietro le quinte, esiste un processo di negoziazione tra i due paesi. Questa volta hanno raggiunto un accordo sul tema migratorio, una delle questioni che genera più titoli e disinformazione in tutto il mondo.

Continue reading “La migrazione come scena nelle negoziazioni USA-Venezuela” »

Share Button

Come le primarie preparano il terreno per uno scenario di conflitto

misionverdad.com

Diversi attori del settore dell’opposizione che hanno aderito al “percorso elettorale” dimostrano con azioni e parole che le loro primarie non sono un passo in quella direzione bensì una facciata per ritornare alla pratica della violenza politica in Venezuela.

Continue reading “Come le primarie preparano il terreno per uno scenario di conflitto” »

Share Button

L’invisibilizzazione del blocco

L’OMISSIONE DELLE SANZIONI NEL DISCORSO DELLE PRIMARIE

misionverdad.com

I pre-candidati del settore dell’opposizione che va alle elezioni primarie eludono il tema delle misure coercitive unilaterali (MCU) applicate dagli USA e da altri governi contro il Venezuela. Il 4 agosto scorso hanno sottoscritto un accordo di governabilità che lascia allo scoperto un futuro, con o senza il loro governo, soggetto a sanzioni.

Continue reading “L’invisibilizzazione del blocco” »

Share Button

Miami converte un terrorista in un sant’uomo

Arthur González

Il mondo sa che Miami è la capitale del terrorismo, per il numero di personaggi accoglie come “rifugiati”, nonostante i crimini commessi al servizio della CIA e del governo USA.

Dal 1959, lo stato della Florida ha dato rifugio a centinaia di sbirri della tirannia di Fulgencio Batista, ignorando le rivendicazioni ufficiali del governo rivoluzionario cubano, per le cause pendenti che questi assassini, torturatori e ladri avevano nei tribunali cubani. Inoltre, accolgono e proteggono coloro che compiono atti terroristici in America Latina, su ordine della CIA; tuttavia nessuna organizzazione per i diritti umani ha mai condannato gli USA per essere sponsor del terrorismo.

Continue reading “Miami converte un terrorista in un sant’uomo” »

Share Button

Un nuovo conflitto in arrivo in Venezuela?

misionverdad.com

Con l’inizio del 2023 è arrivato anche l’avvertimento che il Paese potrebbe essere immerso in un’escalation di manifestazioni con il potenziale per evolvere in uno scenario di pressione e conflitto sul Governo Bolivariano attraverso agende corporative.

Continue reading “Un nuovo conflitto in arrivo in Venezuela?” »

Share Button

Cubainformacion: Caimanera

Caimanera: chiavi di una bolla mediatica

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

La protesta di alcune decine di persone a Caimanera, Cuba, per i blackout e la mancanza di alimenti, ha ridato speranza a chi sogna la caduta della Rivoluzione cubana. Ma rivediamo le chiavi mediatiche degli eventi.

Continue reading “Cubainformacion: Caimanera” »

Share Button

Sacerdote cubano istiga alla delinquenza

In chiara corrispondenza con i piani del governo USA e della CIA, Alberto Reyes Pías, parroco della diocesi di Camagüey, incita i suoi seguaci a commettere crimini attraverso disordini pubblici per rovesciare la Rivoluzione cubana, simili a quelli dell’11 luglio 2021, stimolati dagli USA con l’uso delle reti sociali. Prima dell’ultimo processo elettorale, Reyes Pías ha anche apertamente istigato a non recarsi alle urne, seguendo le direttive USA.

Continue reading “Sacerdote cubano istiga alla delinquenza” »

Share Button

Screditare la Rivoluzione cubana, un vecchio obiettivo yankee

Arthur González

Gli USA, frustrati per non poter impedire il trionfo della Rivoluzione cubana, nel 1959 elaborarono la loro strategia per demonizzarla, per la quale non ci sono limiti al denaro speso affinché il mondo creda alle sue menzogne.

Il progetto approvato dal presidente Dwight Eisenhower e mantenuto fino ad oggi, si basa sul concetto di Joseph Goebbels, ministro delle comunicazioni di Adolf Hitler, che afferma: “La verità non si misura dalla sua coincidenza o fedeltà ai fatti che descrive o nomina, bensì dal suo effetto emotivo e dal numero di volte che si ripete”.

Continue reading “Screditare la Rivoluzione cubana, un vecchio obiettivo yankee” »

Share Button

Cade un’altra menzogna

Arthur González

Dal 1959, il regime USA non ha smesso un solo giorno di fabbricare notizie false contro la Rivoluzione cubana, come parte della sua guerra psicologica per conquistare le menti delle persone. È il suo vecchio metodo quando vuole demonizzare coloro che non si inginocchiano davanti al padrone imperiale.

Continue reading “Cade un’altra menzogna” »

Share Button