Category Archives: – cultura

Cuba vestita di son

La festa è dedicata in questo primo anno al 110º anniversario di Arsenio Rodríguez e al 120º di Ñico Saquito, al centenario del Septeto Habanero e al 75º compleanno di Eliades Ochoa

Continue reading “Cuba vestita di son” »

Share Button

Il vero significato del blocco per l’educazione a Cuba

Il 23 gennaio 2019, la Banca Societé General di Parigi, Francia, ha rifiutato un trasferimento a Cuba per il pagamento di servizi di educazione professionale in Guinea Equatoriale.

Nonostante sia coperto dagli accordi di collaborazione tra i due paesi, l’istituzione finanziaria ha considerato l’operazione dubbia, un espediente che nasconde la vera ragione dietro quel comportamento: il blocco economico, commerciale e finanziario USA contro la nazione caraibica.

Continue reading “Il vero significato del blocco per l’educazione a Cuba” »

Share Button

Come gli USA utilizzano la cultura per sovvertire il governo cubano

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

“Il parco orizzontale” è un progetto finanziato dagli Stati Uniti che ha lo scopo di creare in Cuba nella società civile la convinzione che sia necessario un cambio di governo secondo la collaudata modalità dei golpe morbidi. Per questo vengono reclutati giovani artisti che con il pretesto di sviluppare arti alternative si occupano invece di veri e propri atti di sovversione. Il noto Movimento di San Isidro fa parte di questi gruppi di artisti che si dovrebbero occupare di sovvertire il governo cubano.

Share Button

La fuerza de un país

Share Button

23 giugno: Cuba presenterà una risoluzione all’ONU contro il blocco

Il ministro degli Esteri di Cuba Bruno Rodriguez Parrilla ha detto giovedì che il 23 giugno l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite considererà la risoluzione per porre fine al blocco statunitense contro l’isola.

Continue reading “23 giugno: Cuba presenterà una risoluzione all’ONU contro il blocco” »

Share Button

Smantellare, con dati, il muro della disinformazione

Pascual Serrano www.mundoobrero.es

Difendere Cuba, attaccare Cuba. Sembra che questa sia la dicotomia che affronta la Rivoluzione. Supponiamo di non accettare questo dilemma e di voler semplicemente dedicarci alla ricerca della verità. Non so se si sono fermati a pensare che la battaglia tra difensori e aggressori della Rivoluzione sia, fondamentalmente, tra verità e menzogna. Perciò, un’opera intitolata “Cuba: verità e menzogne” è la più necessaria per iniziare a discutere di Cuba.

Continue reading “Smantellare, con dati, il muro della disinformazione” »

Share Button

Reti sociali, post-verità e cultura: armi di sovversione contro Cuba

L’attività sovversiva contro Cuba ha, negli ultimi tempi, come protagonista i social network, in cui fa appello alla sensibilità dei giovani e cerca anche di mettere a tacere la verità e amplificare le bugie.

Da queste piattaforme digitali emergono concetti astratti manipolati, privi di argomenti e dotati di impulsi, istinti, emozioni o reazioni affettive, secondo il presidente della Casa de las Americas, Abel Prieto.

Continue reading “Reti sociali, post-verità e cultura: armi di sovversione contro Cuba” »

Share Button

Il primo giorno del blocco

Gabriel García Márquez https://nostramerica.wordpress.com

Quella notte, la prima notte del blocco, c’erano a Cuba circa 482.560 automobili, 343.300 frigoriferi, 549.700 apparecchi radio, 303.500 televisori, 352.900 ferri da stiro, 286.400 ventilatori, 41.800 lavatrici automatiche, 3.510.000 orologi da polso, 63 locomotive e 12 navi mercantili. Tutti, tranne gli orologi da polso che erano svizzeri, erano stati prodotti negli Stati Uniti.

Continue reading “Il primo giorno del blocco” »

Share Button

L’importanza di ciò che non avvenne

Rosa Miriam Elizalde  www.cubadebate.cu

Il 15 aprile 1961 iniziarono i bombardamenti aerei all’Avana. Due giorni dopo, 1200 mercenari cubani diretti dalla Central Intelligence Agency USA cercarono sbarcare a Playa Girón, una piccola striscia nel centro-sud di Cuba. Il 19 aprile quasi tutti erano sulla via del carcere.

Continue reading “L’importanza di ciò che non avvenne” »

Share Button

L’affare della musica e la marginalità imposta

La diffusione in tempi recenti della musica con ampi codici che accudono a estetiche maciste, sessiste, socialmente marginali e più, ha generato una sorprendente empatia con determinati gruppi di potere che tentano, con marcato interesse, di usare come bandiera un discorso estraneo, ma potenzialmente delizioso per le sue pretese egemoniche e, logicamente, de stabilizzatrici.

Continue reading “L’affare della musica e la marginalità imposta” »

Share Button

Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.

La rivoluzione cubana deve difendere e diffondere i suoi principi anche sulle reti sociali

 

Cosa succedeva nel mondo prima della comparsa del COVID-19? Le proteste sociali erano in corso a diverse latitudini: Beirut, Hong Kong, Catalogna, Porto Rico, Cile, Colombia, Costa Rica. Le richieste di tutti loro erano adattate all’anticonformismo di ciascuna geografia, tuttavia, avevano il comune denominatore di svolgersi in società democratiche e sviluppate, attraverso reti sociali.

Continue reading “Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.” »

Share Button

Questo strumento emancipatore

Il 31 marzo si celebra il Giorno del Libro Cubano, nella data in cui, nel 1959, s’inaugurò la Tipografia Nazionale di Cuba.

Amador Hernández Hernández

I tentativi di realizzare a L’Avana una Fiera del Libro, rimontano all’epoca repubblicana, quando nel mese di maggio del 1937 si organizzò il primo evento di questo tipo con un successo promozionale, effettuata nei terreni della spianata di La Punta, Malecón e il Paseo del Prado.

Continue reading “Questo strumento emancipatore” »

Share Button

La Bayamesa, amore e cubanità

Genesi e identità del cubano,  questa appassionata melodia, alla qual dovremmo riferirci più spesso –anche oggi– a 170 anni dalla sua presentazione, ci vengono i brividi e ci si riempie il petto d’orgoglio godendo l’ascolto di una delle opere che ha più versioni in Cuba

Share Button

La Giornata del Libro Cubano apre virtualmente le sue porte

“Cuba: un paese che legge”. Una certezza che, essendo ottimista, non cessa di favorire la ricerca di nuove strade: modi di produrre e intendere la letteratura sull’Isola, di ripensarla perché non si stanchi di crescere. Poiché Cuba (ri) scrive anche pagine che le scorrono nelle vene, che la ritraggono negli anni, la conoscono nel modo più immenso per i suoi testi migliori.

Continue reading “La Giornata del Libro Cubano apre virtualmente le sue porte” »

Share Button

La Scienza per anticiparsi all’«agitazione» del mare

Il Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, in occasione del giorno mondiale della Meteorologia ha fatto i suoi auguri ai cubani «scienziati del tempo per le loro preziose informazioni e allerta», ha scritto in Twitter.

Continue reading “La Scienza per anticiparsi all’«agitazione» del mare” »

Share Button