Tag Archives: Evo Morales

Cubainformacion: notizie e non notizie

I tre paesi con il minor numero di morti per Covid-19 in America Latina non fanno notizia

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Sapete quali sono i tre paesi con il minor numero relativo di morti per Covid-19 in America Latina? I dati sono forniti dall’Institute for Health Metrics and Evaluation degli USA e, curiosamente, non è titolo di stampa (1). Sapete perché? Perché sono Nicaragua, Cuba e Venezuela (2). Paesi soggetti a sanzioni o blocchi da parte USA e con politiche sanitarie a orientamento pubblico.

Continue reading “Cubainformacion: notizie e non notizie” »

Share Button

Nonostante gli sporchi trucchi USA, la Bolivia rimane indipendente

Vijay Prashad, Independent Media Institute, Pressenza 30.03.2021

I sentimenti in Bolivia a favore e contro il colpo di Stato del novembre 2019 sono prevedibilmente di classe. Le sezioni più ricche ritenevano che le politiche socialiste del governo del Presidente Evo Morales (che era al potere dal 2006 al 2019) intaccavano la loro autorità. Ma queste sezioni non potevano estromettere Morales alle urne perché le sue politiche di ridistribuzione erano molto popolari tra la popolazione. Morales ha vinto tre elezioni, sempre con un mandato decisivo: ebbe il 53,74% nel 2005, il 64,08% nel 2009 e il 61,36% nel 2014.

Continue reading “Nonostante gli sporchi trucchi USA, la Bolivia rimane indipendente” »

Share Button

Da golpista a vittima

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

In termini di disinformazione e creazione di correnti di opinione a loro favore, gli yankee sono i primi al mondo. La loro macchina di propaganda è solida e sperimentata, fabbricano una stella dalla sera alla mattina ed il caso di Jeanine Áñez, ex presidentessa golpista boliviana, ne è un buon esempio.

Continue reading “Da golpista a vittima” »

Share Button

La Cumbre de los Pueblos e l’esercizio della controinformazione

Paloma García, giornalista della neonata TeleSur, racconta delle prime, impegnative dirette di quella televisione creata su iniziativa di Hugo Chávez per contrastare i monopoli delle grandi catene televisive. Il 4 e il 5 novembre del 2005, a Mar del Plata, la IV Cumbre de las Américas bocciava l’Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA) voluta da Bush e lanciava l’ALBA (Alleanza Bolivariana  per i Popoli della Nostra America). Diego Armando Maradona era fra capi di stato, Premi Nobel, artisti  e dirigenti rivoluzionari protagonisti di quelle giornate storiche per la sovranità latinoamericana

https://nostramerica.files.wordpress.com

Continue reading “La Cumbre de los Pueblos e l’esercizio della controinformazione” »

Share Button

Cubainformacion: chi di spada ferisce…

Smartmatic 2017, OSA 2019: una dose della sua stessa medicina?

 

“Abbiamo scoperto enormi quantità di denaro comunista, attraverso il Venezuela, Cuba e probabilmente la Cina, per interferire nelle nostre elezioni”.

È stato il grottesco politico della scorsa settimana, con protagonisti gli avvocati di Donald Trump. Ma in cui c’è stato un dettaglio che i media hanno trascurato.

Continue reading “Cubainformacion: chi di spada ferisce…” »

Share Button

Quello che l’indio della Bolivia insegna al sionista latinoamericano

La storia dei colpi di Stato in America Latina è lunga e istruttiva, rispetto alla quale, dopo il crollo di un processo di cambio che ha danneggiato gli interessi degli Stati Uniti nella regione, mai delle elezioni immediatamente successive hanno ridato il governo a quelle forze spostate.

Share Button

Segnali di pace a La Paz

di Geraldina Colotti

Le dichiarazioni, si sa, possono restare sulla carta se non si determinano atti che ne sostanzino i contenuti. Tuttavia, ci sono momenti nei quali anche i pronunciamenti acquistano un significato particolare, dovuto a specifiche circostanze. In questo caso, la circostanza è di tutto rilievo, trattandosi dell’assunzione di incarico del neo-eletto presidente boliviano Luis Arce e del suo vice David Coquehuanca. Entrambi hanno giurato a pugno chiuso insieme al resto del nuovo governo, intenzionato ad archiviare la pagina nera del golpe, durata un anno. E sono tornati in patria anche l’ex presidente Evo Morales e il suo vice Alvaro Garcia Linera, obbligati ad andarsene con la forza dall’esercito passato dalla parte dei golpisti.

Continue reading “Segnali di pace a La Paz” »

Share Button

Evo Morales torna in Bolivia

Dopo il colpo di stato e l’esilio in Argentina, Morales è tornato in Bolivia. Ad accoglierlo migliaia di persone

 

Nelle prime ore del mattino, come ha riferito Telesur, il passaggio attraverso la strada di confine di La Quiaca (Argentina) a Villazón (Bolivia) dell’ex presidente boliviano, Evo Morales, è stato accolto da migliaia di persone al suo ritorno nel paese andino dopo quasi un anno di esilio in Argentina a seguito del colpo di stato compiuto da settori della destra boliviana con il sostegno dell’OSA nel novembre 2019.

Share Button

I sogni di Evo

Il Presidente Miguel Díaz-Canel ha conversato telefonicamente con Luis Arce, presidente eletto dello Stato Plurinazionale della Bolivia, con cui si è congratulato, come ha anche fatto con Evo Morales, per questa storica vittoria del MAS

Pedro de la Hoz  www.granma.cu

Continue reading “I sogni di Evo” »

Share Button

Cubainformacion: la pazienza di Evo Morales

Un anno fa, un colpo di stato ha portato all’esilio il presidente boliviano Evo Morales.

L’opposizione e media lo hanno accusato di aver commesso una frode elettorale. Una assoluta falsità, dimostrata dalla vittoria ancora più ampia del suo partito, ripetute, ora, le elezioni.

Continue reading “Cubainformacion: la pazienza di Evo Morales” »

Share Button

Bolivia: el partido de Evo arrasa en las elecciones (y deja en evidencia a la OEA y Luis Almagro)

Share Button

“Restituiremo dignità e libertà al popolo boliviano”, dice Evo Morales

L’ex presidente Evo Morales ha sottolineato questo lunedì che, con il trionfo di Luis Arce alle elezioni presidenziali in Bolivia, tenutesi questa domenica, restituiranno “dignità e libertà al popolo boliviano”.

“Siamo tornati a milioni”, ha sottolineato il presidente durante una conferenza stampa da Buenos Aires, dove si trova dal dicembre dello scorso anno, dopo il golpe di stato contro di lui

Continue reading ““Restituiremo dignità e libertà al popolo boliviano”, dice Evo Morales” »

Share Button

Bolivia, torna la democrazia

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Luis Arce, ex ministro delle Finanze del governo di Evo Morales e candidato del MAS – Movimento al Socialismo – è il nuovo Presidente dello Stato plurinazionale di Bolivia. Con una vittoria contundente, che porta il suo schieramento alla maggioranza assoluta, Luis Arce riconsegna alla Bolivia ciò che venne scippato nell’Ottobre 2019 a Evo Morales, ovvero la democrazia. La distanza tra il MAS e la destra è tale che a leggerla si rischiano le vertigini.

Continue reading “Bolivia, torna la democrazia” »

Share Button

Lottare, vincere, cadere, rialzarsi…

Alessandra Riccio  https://nostramerica.wordpress.com

Ho aspettato di leggere/sentire notizie sulle elezioni in Bolivia fin verso mezzogiorno: niente di niente. La trasmissione di Radio3 dedicata alla politica internazionale e dalla quale ormai non ci aspettiamo altro che conformismo, non ha ritenuto importante comunicare i risultati di una tornata elettorale delicatissima in una paese del Terzo Mondo e –per di più- a maggioranza india. Il seriosissimo “La Stampa” ce ne parla in una nota non firmata che esordisce con queste parole: “Colpo di scena nelle elezioni in Bolivia”; evidentemente, in quella redazione non avevano mai saputo di sondaggi, minacce, rinuncia di candidati, inclusa Janine Añez (proto: non Agnes, come si legge nel testo!), la “presidente interina” che aveva sancito il colpo di Stato giurando su Bibbia e crocifisso.

Continue reading “Lottare, vincere, cadere, rialzarsi…” »

Share Button

Bolivia, Evo Morales: “Il tribunale elettorale sta sabotando i seggi elettorali”

www.lantidiplomatico.it

Mancano ormai pochi giorni alle elezioni in Bolivia. Secondo tutti i sondaggi, il MAS, partito dell’ex presidente Evo Morales, vincerà a mani basse. L’unico dubbio verte intorno al fatto se la formazione della sinistra boliviana che candida l’ex ministro dell’Economia Lucho Arce, riuscirà ad ottenere i dieci punti di distacco sull’altro candidato più votato o superare il 50% delle preferenze per ottenere la presidenza già al primo turno senza bisogno di ricorrere al ballottaggio.

Continue reading “Bolivia, Evo Morales: “Il tribunale elettorale sta sabotando i seggi elettorali”” »

Share Button